Che cos'è il verde verticale, in sintesi | Ingegneri.info

Che cos’è il verde verticale, in sintesi

Caratteristiche e vantaggi del verde verticale esterno e interno, dall'Hydroponic wall al wonderwall

Pont Max Juvenal , Aix en Provence, Aout 2008, Mur Végétal di Patrick Blanc
Pont Max Juvenal , Aix en Provence, Aout 2008, Mur Végétal di Patrick Blanc
image_pdf

Il verde verticale, similmente al verde pensile, è una tecnologia che consente di realizzare superfici verdi su supporti diversi dal suolo naturale. Nel caso del verde verticale, i muri o le superfici verticali diventano superfici vegetate e talvolta veri e propri giardini.

I vantaggi più importanti di un apparato vegetale in aderenza o a integrazione delle chiusure verticali sono rappresentati dall’influenza sul comportamento energetico dell’edificio e sul microclima dell’area circostante.

Quando parliamo di verde verticale parliamo di un verde tecnico, che comporta una tecnologia raffinata ancora più specifica di una parete verde. Per poter utilizzare questa tecnologia in diversi contesti è necessario utilizzare sistemi automatizzati di fertilizzazione e irrigazione, tecniche di coltivazione specifica e specie vegetali selezionate.

Leggi anche: Il tetto verde raccontato da chi lo fa

La caratteristica da tenere in maggiore considerazione per garantire la durata dei muri vegetali è la compatibilità tra l’elemento organico e l’elemento tecnico: l’insieme deve risultare un elemento unico perfettamente integrato.

Esistono diverse soluzioni realizzative a seconda del risultato atteso e delle necessità tecniche e ambientali. Le scelte tecnologiche dipendono dalla volontà del progettista di creare soluzioni verdi integrate o giustapposte alla parete verticale, e dal risultato estetico-funzionale che si vuole ottenere.

Una parete verde porta sempre con sé un incremento della biodiversità e il miglioramento dell’immagine delle costruzioni, ha un’influenza positiva sulle persone, consente di realizzare superfici verdi senza ridurre lo spazio dei locali, crea un microclima favorevole attraverso la regolazione dell’umidità, l’assorbimento dei rumori e la produzione di ossigeno…
Vediamo alcune tipologie di verde verticale e le loro caratteristiche.

Hydroponic wall
L’utilizzo di coltivazioni idroponiche rappresenta la creazione di un giardino verticale vero e proprio. La “pelle verde” è una superficie in cui vengono ricavate delle tasche per la messa a dimora degli apparati radicali delle piante, e non essendo permeabile blocca i raggi solari.
Per il nutrimento delle piante, la coltivazione si avvale di un substrato inerte irrorato con elementi nutritivi disciolti in acqua. La densità è funzione del tipo vegetale scelto e dei fattori naturali di crescita.

Mur végétal
La tecnica, promossa da Patrick Blanc (leggi l’intervista) e divenuta famosa, prevede materassini autoportanti su cui vengono messe a dimora diverse piante (20-30 piante per metro quadrato), quasi mai rampicanti, con sistema di irrigazione annesso su tutta la superficie. Si ottiene una vera e propria cortina vegetale che si avvale di una tecnologia sofisticata, le piante non vengono alloggiate in substrati organici, ma inserite in tasche ritagliate da una pannellatura continua di feltro che funge da sostegno e da riserva idrica. I pannelli schermano totalmente la parete e vengono perciò applicati su superfici opache.
Lo svantaggio di questo sistema è la considerevole quantità d’acqua di cui necessita, insieme alla molta manutenzione richiesta dalle piante installate.

Wonderwall
Si tratta di una struttura composta da elementi modulari realizzati con la sovrapposizione di tre differenti strati: una rete elettrosaldata in acciaio ancorata all’edificio, un pannello isolante agganciato sul lato interno, un pannello sottile di plastica rivestito in feltro sul lato esterno sul quale vengono inserite le piante in contenitore. Il sistema di irrigazione è automatizzato e integrato nella parete. Questo sistema propone un impianto piuttosto rigido e geometrico, ma grazie all’associazione di specie vegetali e texture si può ottenere un effetto visivo con variazione cromatica.

Leggi anche: Il sistema impermeabilizzante per il verde pensile

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Che cos’è il verde verticale, in sintesi Ingegneri.info