Costruire con il progetto nove+ | Ingegneri.info

Costruire con il progetto nove+

wpid-432_LignoALprenderingprogettonove.jpg
image_pdf

Una sfida promossa da quattro aziende altoatesine, con il supporto scientifico del Politecnico di Milano, dell’Università di Trento e del Tis Innovation Park di Bolzano, per ridefinire il processo edile dalla progettazione alla costruzione

Nasce da una sfida promossa da quattro aziende altoatesine – Callogione, LignoAlp, Schmidhammer e Obrist – con il supporto scientifico del Dipartimento Best del Politecnico di Milano, dell’Università di Trento, Centre for Aesthetics in Practice, e del Tis Innovation Park di Bolzano, per ridefinire il processo edile dalla progettazione alla costruzione.

Il progetto nove+ assicura la realizzazione di edifici abitativi multipiano di elevato profilo qualitativo, a costi competitivi ben rispondenti alla domanda immobiliare, sia pubblica sia privata.

I 9 lati vincenti del sistema costruttivo sono:

Flessibilità

Grazie ad una griglia di costruzione ottimizzata, che regola la flessibilità del sistema in termini di utilizzo, lay-out, tecnologia e di modulabilità delle prestazioni, dell’involucro e dell’edificio stesso. Il sistema costruttivo è stato ottimizzato in particolare per armonizzare le soluzioni strutturali con le possibili combinazioni delle unità funzionali, degli spazi accessori esterni e degli elementi modulari di facciata.

Sostenibilità ambientale

Il progetto nove+ si avvale del sistema costruttivo in legno “parete a telaio”, costituita da un’orditura di adeguate dimensioni, tamponata su entrambi i lati con pannelli in legno e saturata al suo interno con isolante in fibre naturali. Il legno non ha bisogno di energia esterna per essere creato, si “autoproduce” naturalmente ed è l’unico materiale davvero rinnovabile ed illimitato. Il progetto nove+ utilizza solo legno proveniente da foreste gestite in maniera sostenibile e certificate Pefc o Fsc.

Risparmio energetico

La configurazione del suo involucro, frutto di modellazioni energetiche da parte del Politecnico di Milano, assicura agli edifici livelli prestazionali da Casa Clima A, secondo protocollo della Provincia di Bolzano, pari ad un fabbisogno termico < 30 kWh/m²a (casa da 3 litri).

Massimo comfort abitativo

Ogni singolo ambiente è stato razionalizzato e ottimizzato per garantire un alto standard abitativo. Ogni alloggio è consegnato, su richiesta, dotato di arredo base comprendente cucina, armadi in nicchia nelle camere da letto e nei disimpegni e bagno/i già completamente attrezzato/i.

Qualità controllata

La produzione in stabilimento dei principali elementi costruttivi, in condizioni ambientali controllate, al riparo dagli agenti atmosferici e con metodiche costantemente soggette a verifica, garantisce una qualità accertata sin dall’origine e su livelli difficilmente ottenibili in elementi realizzati direttamente in opera.

Sicurezza in cantiere

Il sistema costruttivo adottato consente di procedere alla realizzazione dell’edificio in assoluta sicurezza: vengono gettati in opera solo la platea di fondazione ed i nuclei dei corpi scala e dei vani ascensore: questa e l’unica fase per la quale vengono temporaneamente eretti i ponteggi tradizionali, subito smontati al termine dei getti.

Sicurezza garantita

Il progetto nove+ garantisce la sicurezza statica, dinamica e antincendio dell’edificio. In particolare, le strutture proposte sono ampiamente verificate rispetto alle sollecitazioni sismiche, per le quali le pannellature lignee adottate garantiscono, grazie alla loro elasticità e duttilità ed alla deformabilità delle rispettive giunzioni, resistenza ottimale.

Riduzione dei tempi

Progetto nove+ consente una drastica riduzione dei tempi di edificazione “chiavi in mano” rispetto ad una costruzione tradizionale.

Sicurezza garantita

Il progetto nove+ garantisce la sicurezza statica, dinamica e antincendio dell’edificio. In particolare, le strutture proposte sono ampiamente verificate rispetto alle sollecitazioni sismiche, per le quali le pannellature lignee adottate garantiscono, grazie alla loro elasticità e duttilità ed alla deformabilità delle rispettive giunzioni, resistenza ottimale.

 

Copyright © - Riproduzione riservata
Costruire con il progetto nove+ Ingegneri.info