Degrado del legno: gli strumenti per la difesa | Ingegneri.info

Degrado del legno: gli strumenti per la difesa

Dai trattamenti fisici o chimici all'uso di norme Uni specifiche, una breve panoramica dei principali strumenti per difendere il legno dagli agenti biologici

wpid-26481_abeteinvecchiatotarlato.jpg
image_pdf

Per difendere il legno dai potenziali attacchi degli agenti biologici quali funghi e insetti è possibile attuare azioni preventive che comportano trattamenti di vario tipo (in genere fisici o chimici), caratterizzati da una diversa efficacia e persistenza nel tempo, in funzione dei sistemi e delle modalità di applicazione (superficiale o profonda), della facilità o meno del substrato legnoso a impregnarsi, del tipo di agente verso cui è rivolta l’azione di difesa, del principio attivo usato per le sostanze protettive di sintesi ecc.

Analoghe considerazioni sono valide nel caso delle azioni curative che sono invece necessarie quando l’infestazione è ormai in atto e occorre riportarla sotto controllo.

A questo riguardo è utile ricorrere a specifici protocolli diagnostici (come ad esempio quello della norma UNI 11161:2005 per i Beni culturali) e alle banche dati di supporto all’identificazione dell’organismo biologico che ha provocato i danni rilevati (informazione fondamentale per la scelta del sistema di lotta).

Poiché tuttavia si tratta spesso di ambiti che richiedono esperienza e competenze professionali, può essere opportuno rivolgersi a esperti e a laboratori che offrono tali servizi e sono in grado di fornire consulenza per individuare i rimedi più opportuni, nelle diverse situazioni operative. 

L’autore


Roberto Zanuttini

Ha operato nel comparto dell’industria del legno con mansioni di responsabile di laboratorio e dell’attività di ricerca e sviluppo di pannelli e compositi a elevato valore aggiunto. È stato professore associato di Tecnologia del legno e dei materiali legnosi presso la Facoltà di Ingegneria dell’Università degli Studi di Trento, Dipartimento di Meccanica Strutturale e Progettazione Automatica. Dal 1995 è docente presso l’Università degli Studi di Torino ove afferisce al Dipartimento di Scienze Agrarie, Forestali e Alimentari (DiSAFA). In tale sede svolge attività di ricerca e didattica presso il Corso di Studi in Scienze Forestali ed Ambientali ove è titolare di corsi che trattano discipline inerenti a tecnologia del legno e utilizzazioni forestali, lavorazioni e prodotti legnosi, normativa tecnica di settore e certificazioni di interesse per le filiere del legno.

Riferimenti Editoriali


Legno – Manuale per progettare in Italia

Il volume presenta una panoramica sulla normativa italiana e i requisiti necessari per la sostenibilità, oltre a informare sulle caratteristiche del materiale e la progettazione di strutture in legno avvalendosi della collaborazioni di esperti al livello nazionale.

Autore:   •   Editore: Utet Scienze Tecniche   •   Anno:

Vai all’approfondimento tematico

Copyright © - Riproduzione riservata
Degrado del legno: gli strumenti per la difesa Ingegneri.info