E' in Giappone l'edificio piu' sostenibile del mondo? | Ingegneri.info

E’ in Giappone l’edificio piu’ sostenibile del mondo?

wpid-12091_aa.jpg

Shimizu Corporation ha completato i lavori per la realizzazione della sua nuova sede, che descrive come “l’edificio che emette meno quantità mondiale di CO2. Inaugurato nei giorni scorsi, l’edificio si trova a Tokyo, in Giappone, ed emetterà 38 kg/mq di CO2 l’anno, mediamente il 62% in meno rispetto ai fabbricati tradizionali.

In assenza di standard di certificazione, è difficile da verificare l’affermazione. Di certo Shimizu ha sviluppato e adottato varie tecnologie per aumentare l’efficienza dell’edificio e ridurre le emissioni di CO2. Tra queste, il sistema di condizionamento d’aria che utilizza il calore radiante. Il sistema incorpora tubi idraulici che corrono sotto le assi del soffitto, come vasi capillari. Controllando la temperatura dell’acqua nei tubi, può essere controllata a sua volta, la temperatura della superficie dei pannelli a soffitto. Mantenendo una temperatura superficiale di circa 20 gradi, i pannelli assorbono il calore prodotto dalle persone presenti nella zona di lavoro attraverso un effetto radiante. Questa tecnologia può ridurre le emissioni di carbonio del 30% rispetto ai comuni sistemi.

Il sistema di illuminazione si avvale di tecnologie ad alta efficienza energetica, in primo luogo dei Led che sono regolati da sensori di movimento. L’energia utilizzata per l’illuminazione è generata da pannelli fotovoltaici posti sulle pareti esterne, in un’area di circa 2.000 metri quadrati, in grado di generare 84.000 kwh di energia l’anno.

Inoltre, sono stati adottati vari accorgimenti strutturali per ottimizzare l’uso della luce naturale. Ad esempio, le finestre sono strategicamente posizionate con un angolo di ombra che cambia automaticamente per seguire la luce del sole. Tutto ciò consente di ridurre le emissioni di CO2 del 90% rispetto ai sistemi di illuminazione standard.

Entro la fine dell’anno 2015, Shimizu promette di ridurre le emissioni di CO2 fino al 70% attraverso l’adozione di altri sistemi per il risparmio energetico. L’obiettivo finale è far diventare la nuova sede di Tokyo un “zero emission building”, implementando ulteriormente la tecnologia di cui dispone l’edificio e compensando le restanti emissioni acquistando crediti verdi per abbattere l’impatto ambientale.

O.O.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata