I nuovi "templi" della Polonia | Ingegneri.info

I nuovi "templi" della Polonia

wpid-5513_home.jpg
image_pdf

Conclusi i mondiali che si sono svolti quest’anno in Sud Africa, questo popolare sport continua ad attirare attenzione: la Polonia è ormai pronta per l’evento EURO 2012 – che prevede la costruzione di nuovi stadi e la ristrutturazione di quelli esistenti.

Il più grande e più controverso è lo stadio Nazionale che si trova a Varsavia, in grado di ospitare oltre 55000 spettatori – attualmente l’infrastruttura sportiva più importante in corso di costruzione in Polonia. Esso ospiterà la cerimonia inaugurale della UEFA European Football Championship 2012, una partita amichevole e tre altre partite durante l’evento. Il completamento dello stadio è previsto per il maggio 2011.

Tuttavia, ci sono anche stadi più piccoli in corso di costruzione, che ospiteranno altri eventi e partite legati a Euro 2012, e molti degli edifici e delle infrastrutture esistenti sono attualmente oggetto di ristrutturazione. La costruzione di un nuovo stadio di calcio a Cracovia è cominciato nell’estate 2009 nello stesso luogo del vecchio stadio di Cracovia. Una volta completato, la nuova infrastruttura sarà in grado di ospitare 15331 spettatori e rispettare le regole della categoria 3 per gli stadi UEFA.
A Gdynia un nuovo stadio di rugby, noto anche come lo stadio nazionale, è stato inaugurato nell’inverno dello scorso anno. Le tribune principali sono localizzate nel lato sud del campo e ospitano circa 3000 spettatori mentre la spettacolare copertura delle gradinate è coperta con un profilo curvo trapezoidale di circa 2.000 mq.
Da qualche anno lo stadio di Szczecin è oggetto di un intervento di ammodernamento e ristrutturazione, che include la realizzazione di una grande copertura in acciaio per le tribune. I recenti lavori di costruzione sono consistiti nella ricostruzione dell’entrata principale dello stadio, degli spogliatoi e la costruzione di un nuovo edificio per la stampa e gli ospiti VIP.

Copyright © - Riproduzione riservata
I nuovi "templi" della Polonia Ingegneri.info