La nuova sede della Facolta' di Legge di Torino e' vicina al completamento | Ingegneri.info

La nuova sede della Facolta’ di Legge di Torino e’ vicina al completamento

wpid-11848_to.jpg
image_pdf

Un complesso di strutture che conferisce una nuova identità a una parte della città in evoluzione, grazie soprattutto alla sua facciata sinuosa di cristallo e acciaio e al continuum di tela della tettoia: questo rappresenta il nuovo campus di Torino situato sul lungo Dora, nel quartiere Aurora.

Come ha annunciato il vice-rettore dell’Università degli studi di Torino, Salvatore Coluccia, i lavori della facoltà di Legge e Scienze politiche, iniziati nel 2003, saranno portati a compimento entro il 21 settembre 2012 e il campus universitario sarà pronto per l’inaugurazione del nuovo anno accademico 2012-2013.

Intitolato all’ex-presidente della Repubblica, Luigi Einaudi, il complesso di strutture è situato nelle aree una volta destinate alla Italgas. I nuovi edifici, che si affacciano sulle sponde del fiume Dora, sono il risultato della collaborazione di Fiat Engineering (attualmente Tecnimont), Foster&Partners, ICIS, Benedetto Camerana, Mellano Associati e Giugiaro Architettura, vincitori della competizione internazionale di design lanciata nel 2003 dall’Università torinese. La sinergia di aziende e studi di design e architettura è riuscita a reinterpretare la distribuzione di padiglioni, arricchendola di passaggi e collegamenti, con l’elemento architettonico altamente caratterizzante della tettoia unica e della facciata ondulata.

Due sezioni ben distinte compongono il lotto triangolare: la prima dedicata alla didattica, con classi e dipartimenti, affacciati alle residenze, e la seconda dedicata invece alla biblioteca, con aree per il bar, laboratori linguistici e aule studio, ambienti suddivisi tra il primo e il secondo piano. Gli edifici constano di cinque piani ciascuno, che si distribuiscono attorno alla piazza circolare. La superficie totale è di 36.232 metri quadri, in cui si distribuiranno 27 aule e 600 posti auto.

La facciata è curvilinea, scandita dal cristallo e dall’acciaio, caratteristica che rende riconoscibile l’intervento di Norman Foster nel design e la produzione italiana firmata Focchi spa, specializzata in sistemi di facciate architettoniche.

Il tetto è costituito da un reticolato metallico, una struttura tridimensionale, realizzata da Stalbau Pichler, composta da una serie di archi connessi fra loro da un sistema che assicura la tensione del telaio. La membrana di fibra di vetro Teflon, scelta per le sue alte performance meccaniche e chimiche, fornisce l’isolamento termico necessario.

Il comfort visivo della struttura si unisce ai principi di sostenibilità a livello acustico e energetico-ambientale. Gli impianti tecnologici sono inseriti in una gestione integrata e computerizzata.

C.C.  

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
La nuova sede della Facolta’ di Legge di Torino e’ vicina al completamento Ingegneri.info