La nuova sede di ingegneria meccanica a Losanna progettata da Dominique Perrault | Ingegneri.info

La nuova sede di ingegneria meccanica a Losanna progettata da Dominique Perrault

Nel contesto di rinnovamento urbano del Politenico di Losanna, Dominique Perrault ha completato il restyling del ME Building, contraddistinto da schermature solari in rete metallica

ME Building (New mechanics hall) - EPFL - Dominique Perrault Architecture © Vincent Fillon / Dominique Perrault Architecture / Adagp
ME Building (New mechanics hall) - EPFL - Dominique Perrault Architecture © Vincent Fillon / Dominique Perrault Architecture / Adagp
image_pdf

Con il progetto di rinnovamento del ME Building, sede del Dipartimento di Ingegneria Meccanica presso il Politecnico di Losanna, Dominique Perrault ha regalato una nuova veste contemporanea a uno dei primi edifici del campus svizzero, costruito a partire dagli anni ’70 del novecento. L’École Polytechnique Fédérale De Lausanne (EPFL) ha infatti intrapreso una serie di rinnovamenti urbani ed edilizi per il proprio campus tecnologico, e Dominique Perrault è uno dei protagonisti del nuovo masterplan con l’ammodernamento di tre edifici storici (il coloratissimo ‘Bâtiment BI’ completato nel 2013, il ‘ME Building’ concluso nel maggio 2016 e il futuro ‘Teaching Bridge’ come terza parte del restyling). Come Perrault ha raccontato nell’intervista ad Architetto.info rilasciata in occasione del Mi/Arch, di essere molto vicino al tema della rigenerazione di spazi e strutture.

Perrault_ME_1

ME Building (New mechanics hall) – EPFL – Dominique Perrault Architecture © Vincent Fillon / Dominique Perrault Architecture / Adagp

Situato di fronte all’enorme Rolex Learning Center progettato da Sanaa (anch’esso parte del Politecnico come sede culturale per gli studenti), il ME Building si impone nel suo contesto con un aspetto unico dettato dalla presenza di brise soleil in rete metallica che evocano l’elevato livello di sperimentazione tecnologica del dipartimento. Per proteggere le ampie vetrate dall’esposizione solare, l’architetto francese ha pensato di giustappore un telaio metallico organizzato in più moduli, inclinati in senso opposto l’uno rispetto all’altro con un angolo di 5° per creare facciate tridimensionali a zig-zag. Ciascun modulo si compone inoltre di tre pannelli verticali, due scorrevoli e uno fisso, in rete di alluminio anodizzato naturale. Il risultato è quello di persiane o tende da sole sulla tonalità del grigio che creano un disegno sempre diverso in base alla loro apertura o chiusura. Con un meccanismo automatizzato questi schermi solari possono scorrere fino a sovrapporsi uno sull’altro in corrispondenza del pannello fisso, posizionato davanti ad un rivestimento opaco e non al vetro. 630 sono i pannelli utilizzati per schermare i prospetti est, sud ed ovest, mentre il fronte nord ricalca l’aspetto del fabbricato adiacente. La tessitura della maglia in alluminio è amplificata con l’illuminazione notturna che trasforma l’edificio in un faro per l’intero campus.

Perrault_ME_2

ME Building (New mechanics hall) – EPFL – Dominique Perrault Architecture © Vincent Fillon / Dominique Perrault Architecture / Adagp

Dal punto di vista funzionale, l’edificio si presenta con un nuovo volume scatolare connesso ad un fabbricato a ponte preesistente e si compone di due ali collegate da un grande atrio centrale, pensato come il cuore pulsante dello spazio. Distribuito su cinque livelli, di cui uno interrato, il ME Building copre una superficie complessiva di oltre 19.000 mq e ospita gli uffici amministrativi e i laboratori di ricerca per l’ingegneria meccanica, oltre ad una piccola sezione del dipartimento di biologia dedicata allo sviluppo delle neuro-protesi.

Perrault_ME_3

ME Building (New mechanics hall) – EPFL – Dominique Perrault Architecture © Vincent Fillon / Dominique Perrault Architecture / Adagp

Perrault_ME_4

ME Building (New mechanics hall) – EPFL – Dominique Perrault Architecture © Vincent Fillon / Dominique Perrault Architecture / Adagp

Giocando con il contrasto cromatico determinato dal bianco e dal nero e con il contrasto spaziale ottenuto da rampe di scale diagonali che si intrecciano, la hall rappresenta un open plan dinamico dal soffitto molto alto, concepito come uno spazio empirico e un’area sociale al servizio degli studenti. La sovrapposizione dei solai e delle rampe crea una serie di vuoti triangolari a tutt’altezza, illuminati sia dai lucernari in copertura che da lampade tubolari a parete disegnate, insieme ai corrimani, da Gaëlle Lauriot-Prévost, direttrice artistica di DPA. I materiali utilizzati per i laboratori e gli uffici spaziano dal calcestruzzo grezzo, al metallo e al vetro per le pareti; dal cemento al PVC per i pavimenti, con una gamma di colori che non si discosta dal nero, dal bianco e dal grigio. Gli impianti tecnici a soffitto sono lasciati appositamente a vista e fanno riferimento allo scopo scientifico della nuova costruzione.
Clicca sulla gallery per vedere tutte le fotografie.

Scheda del progetto:
Progettisti: Dominique Perrault Architecte e Steiner SA
Direzione artistica e design: Gaëlle Lauriot-Prévost
Architetto locale: Architram
Localizzazione: Campus EPFL (École Polytechnique Fédérale De Lausanne), Losanna, Svizzera
Programma funzionale: uffici amministrativi e laboratori di ricerca del Dipartimento di Ingegneria Meccanica, centro di ricerca per le neuro-protesi (sezione del Dipartimento di Biologia), spazi comuni per studenti, auditorium con 50 posti, meeting rooms e aree lounge
Dimensioni: 19.000 mq
Realizzazione: 2011 sviluppo del design; 2012-2016 costruzione
Committente: Swiss Confederation (Council of Polytechnic Schools), EPFL – Ecole Polytechnique Fédérale de Lausanne (delegato per le operazioni)
Strutture: Daniel Willi SA
Consulenza meccanica ed elettrica: Betica SA
Consulenza acustica: Dsilence SA
Consulenza per il sistema di facciata: Preface Sarl

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
La nuova sede di ingegneria meccanica a Losanna progettata da Dominique Perrault Ingegneri.info