Rotterdam celebra la ricostruzione con una maxi scala da 29m di ponteggi | Ingegneri.info

Rotterdam celebra la ricostruzione con una maxi scala da 29m di ponteggi

Apre “The Stairs to Kriterion”, una grande scala temporanea da 29 metri di altezza realizzata esclusivamente con ponteggi e impalcature dallo studio Mvrdv per celebrare 75 anni di ricostruzione della città di Rotterdam

Frank van Dam Fotografie
Frank van Dam Fotografie
image_pdf

Rotterdam laboratorio di idee innovative per il costruito contemporaneo, sempre e comunque. Il 16 maggio il sindaco della città olandese ha inaugurato The Stairs to Kriterion, monumentale e spettacolare progetto realizzato dal visionario studio Mvrdv: si tratta di un’imponente scala temporanea, retta esclusivamente da ponteggi e impalcature da cantiere, che consente ai visitatori di salire di fino alla terrazza del Groot Handelsgebouw, edificio cruciale per la storia della città.

Un edificio simbolo, scelto non a caso: ispirato al Merchandise Mart di Chicago, il Groot Handelsgebouw è stato progettato da Hugh Maaskant e G. Thurmer e ultimato nel 1953, diventando, di fatto, uno dei primissimi edifici di grande rilievo della città ad essere stato completato dopo i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale.

L'accesso della scala con il Groot Handelsgebouw sullo sfonto (Foto: Frank van Dam Fotografie)

L’accesso della scala con il Groot Handelsgebouw sullo sfonto (Foto: Frank van Dam Fotografie)

Inserimento dall'alto (Foto: Frank van Dam Fotografie)

Inserimento dall’alto (Foto: Frank van Dam Fotografie)

Ritenuta a ragione una delle città maggiormente devastate dal conflitto, Rotterdam ha saputo rivelare – in modo forse ineguagliato in Europa – una capacità immediata di rigenerazione e ricostruzione, acquisendo (e mai perdendo) il ruolo di laboratorio sperimentale dell’architettura contemporanea. Dall’imponente riqualificazione dell’area portuale agli esperimenti di edifici come il Martkhal o il De Rotterdam, la città olandese celebra 75 anni di virtuosa strategia urbanistica proprio con un’opera-scultura, quella di Mvrdv, uno degli studi-chiave in questo nuovo percorso visionario per la sua architettura.

Frank van Dam Fotografie

Frank van Dam Fotografie

“Le scale sono un passo simbolico verso un migliore utilizzo del secondo strato della nostra città, e potranno idealmente essere rimpiazzate da un sistema di scale mobili nel futuro”, spiega Winy Maas, fondatore di Mvrdv, alludendo con ‘secondo strato’ al sistema dei tetti e delle terrazze urbane, tema su cui gli amministratori pubblici della città olandese e gli enti privati stanno investendo molto in questi tempi. Uno sviluppo in verticale della città, una sorta di “seconda ricostruzione” come l’ha definita Maas, “che consente di accedere, attivare e connettere i tetti di Rotterdam”. Il tema delle connessioni ‘di secondo livello’ è anche al centro di una mostra che si svolge in contemporanea e che ipotizza nuovi percorsi tra gli edifici esistenti, per “generare una nuova topografia urbana interattiva e tridimensionale per il futuro della città”.

Inaugurazione di The Stairs to Kriterion (Frank van Dam Fotografie)

Inaugurazione di The Stairs to Kriterion (Frank van Dam Fotografie)

Fulcro centrale di questa idea è la riapertura dello stesso Kriterion, un cinema popolare negli anni Sessanta che è tornato appositamente a funzionare per la celebrazione di questi giorni. Al Kriterion si accede proprio una volta raggiunto il tetto dell’edificio, attraverso il sistema di scale temporanee installato per l’occasione.

Tecnicamente la struttura è alta 29 metri e larga 57 metri. Il sistema dei ponteggi è stato scelto per rievocare proprio la rapida ed efficace ricostruzione che la città ha sperimentato, mentre il suo posizionamento crea un dialogo con gli angoli della nuova stazione centrale, inaugurata pochi anni fa. Per chi volesse visitare la struttura, c’è tempo fino al 12 giugno.

Copyright © - Riproduzione riservata
Rotterdam celebra la ricostruzione con una maxi scala da 29m di ponteggi Ingegneri.info