Tallest Demolished Buildings: i 10 grattacieli più alti del mondo demoliti | Ingegneri.info

Tallest Demolished Buildings: i 10 grattacieli più alti del mondo demoliti

Il CTBUH (Council on Tall Buildings and Urban Habitat) ha pubblicato lo studio “Tallest Demolished Buildings” con i 100 edifici più alti del mondo intenzionalmente demoliti. Ecco una fotogallery con la selezione dei primi 10

Singer Building, New York City, 187 m (1908-1968) © Public Domain via CTBUH
Singer Building, New York City, 187 m (1908-1968) © Public Domain via CTBUH
image_pdf

Quante volte sentiamo dire che qua o là sorge il grattacielo più alto del mondo, in una sorta di gara tra Paesi per avere in patria l’edificio più alto della terra. Talvolta però alcuni di questi nascono sulle ceneri di edifici precedenti (alti ma non abbastanza), demoliti per fare spazio a costruzioni sempre più avveniristiche. A tal proposito, il CTBUH (Council on Tall Buildings and Urban Habitat) ha recentemente pubblicato uno studio intitolato “Tallest Demolished Buildings” che esamina i 100 edifici più alti della storia intenzionalmente demoliti, e le ragioni che hanno spinto i loro proprietari a radere al suolo tali grattacieli.

La statistica ha evidenziato che ad oggi non è mai stato abbattuto un edificio più alto di 187 m e che la maggior parte di quelli in lista è stata demolita per lasciare il posto a nuove strutture multipiano, per ragioni di vincoli urbanistici di densità edilizia o maggiore potenziale finanziario. Non sono comunque pochi i casi in cui cause strutturali, cedimenti o danni provocati da incendi abbiano contribuito alla demolizione di interi edifici, magari più vantaggiosa di un’ipotetica ristrutturazione.

Esaminando la distribuzione spazio-temporale, più della metà delle 100 strutture demolite si localizza nel Nord America (53%), seguita da Asia, Europa, Australia e Sud America; la maggior parte di esse è stata costruita negli anni ’60 e ’70 (40%) ma circa l’8% risulta costruita negli anni 1990-2000. Basti pensare che la vita media dei 100 edifici individuati dal CTBH è di soli 42 anni; una durata molto ridotta rispetto a quanto siamo soliti ipotizzare per un grattacielo, generalmente progettato per adattarsi ad una potenzialità di usi futuri.

Se ci concentriamo sull’altezza, nonostante siano più di 1.300 i grattacieli nel mondo che superano i 200 metri, (ricordiamo che attualmente il Burj Khalifa a Dubai, 828 metri, detiene il record), il più alto demolito si ferma a 187 metri, con la sola eccezione del World Trade Center distrutto durante l’attacco terroristico dell’11 settembre 2001, non classificato dal CTBH come demolizione al fine di questa ricerca. Il posto in cima alla lista va quindi al Singer Building di New York alto complessivamente 41 piani e 187 metri, completato nel 1908 e demolito nel 1968 (insieme all’adiacente City Investing Building, 148 m) per costruire un grattacielo più alto, il One Liberty Plaza.

Presto però il record potrebbe essere battuto. La società finanziaria JP Morgan Chase ha infatti annunciato di voler radere al suolo, a partire dal 2019, il grattacielo conosciuto come JP Morgan Chase Tower (270 Park Avenue a New York City) per realizzare nella stessa area un nuovo HQ decisamente più grande. Alto 215,5 metri e progettato da SOM (Skidmore, Owings & Merrill LLP), uno dei più rinomati studi di architettura e ingegneria statunitensi, questo grattacielo è quindi destinato a diventare il più alto al mondo che sia mai stato demolito intenzionalmente.

A seguire la gallery dei primi 10 grattacieli, ovvero i più alti del mondo che siano mai stati demoliti.
Source: CTBH, “Tallest Demolished Buildings”

Copyright © - Riproduzione riservata
L'autore
Tallest Demolished Buildings: i 10 grattacieli più alti del mondo demoliti Ingegneri.info