Terremoto a Ischia, Finzi: ‘Inaccettabile attendere le NTC dal 2014’ | Ingegneri.info

Terremoto a Ischia, Finzi: ‘Inaccettabile attendere le NTC dal 2014’

Sposta l’accento sulle norme tecniche ancora in attesa di pubblicazione finale Bruno Finzi, presidente degli ingegneri milanesi, a seguito dei tragici eventi di Ischia. E ripropone il Certificato di idoneità statica

image_pdf

Dal 2014 siamo in attesa della pubblicazione delle nuove Norme Tecniche per le Costruzioni. E questo è inaccettabile, alla luce dei recenti tragici eventi sismici.
È questo in estrema sintesi il succo dell’appello lanciato dal presidente degli ingegneri milanesi, Bruno Finzi, a margine del sisma di Casamicciola che ha sortito terribili effetti in termini di vittime, feriti e anche edifici danneggiati.
Oggi siamo ancora a piangere vittime a seguito di un terremoto: ieri nelle Marche, in Lazio e Abruzzo. Ora è il turno di Ischia. Non è accettabile che si stia ancora attendendo – dal 2014- la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale della nuova Normativa Tecnica”, dichiara il presidente dell’Ordine ingegneri della provincia di Milano.

“Il capitolo 8 di questa nuova normativa riguarda proprio la sicurezza nei confronti del sisma del costruito esistente e si stabilisce finalmente la possibilità di procedere in maniera preferenziale con il miglioramento rispetto all’adeguamento”, ricorda Finzi.

Un plauso viene riservato al lavoro condotto dalla Commissione Casa Italia, guidata da Giovanni Azzone, ma esso “non basta”, aggiunge Finzi. “Il censimento del costruito passa necessariamente per il fascicolo del fabbricato, per troppo tempo rimandato e accantonato”.
“Il Certificato di Idoneità Statica (CIS) come pensato e attuato a Milano è uno strumento utile e ci auguriamo di esempio per l’intera Nazione. Un esempio anche di “buona politica al servizio dei cittadini” di un’amministrazione lungimirante che ha deciso di compiere questo passo sicuramente rivoluzionario chiedendo aiuto e supporto tecnico al nostro Ordine professionale.

Il miglioramento della sicurezza di strutture esistenti si deve inoltre perseguire non a spese dello Stato, le cui risorse devono essere riservate alla messa in sicurezza delle strutture pubbliche, ma solo ed esclusivamente attraverso l’intervento dei privati favoriti da una seria politica di incentivi fiscali. E’ da augurarsi che il tempo perso venga finalmente recuperato”, conclude.

Scarica gratis le slide: Il nuovo Certificato di Idoneità Statica CIS

Copyright © - Riproduzione riservata
Terremoto a Ischia, Finzi: ‘Inaccettabile attendere le NTC dal 2014’ Ingegneri.info