Un'antenna Radio-Tv per tutte: ad Instanbul sulla collina di Camlica | Ingegneri.info

Un’antenna Radio-Tv per tutte: ad Instanbul sulla collina di Camlica

wpid-10378_wgTxJpyLgSuovzFXzleJkfbmttyenImKBVaiQDBRdHkmuBWtceBJ.jpg
image_pdf

Città dai mille volti, Instanbul ha ispirato il progetto per la Torre Tv-Radio agli architetti Ahmet Unveren e Seckin Maden sulla grande collina di Camlica. Il concetto della torre è esaltato dall’altezza della città, Instanbul, infatti, è a 240 metri sopra il livello del mare. Il contrasto è anche parte integrante del progetto, in quanto Camlica Hill si trova in una riserva naturale protetta dell’estensione di 120.000 m², ma sostituirebbe, ripulendo la città dalla miriade di antenne del luogo.

Certamente l’innovativa torre di 350 metri di altezza provocherebbe alla riserva naturale un trauma funzionale, uno formale e uno spaziale. Tuttavia, la peculiarità risiede proprio nel fatto che l’obiettivo è quello di creare una continuità sia funzionale e sia formale con la natura, senza accettare la disconnessione che tanta tecnologia potrebbe creare nel paesaggio.

L’uso urbano della torre è circoscritto al piano terra, comunque circondato dalla flora presente nella zona. Un movimento circolare e verticale determina il passaggio e l’intersezione tra il preesistente, in prevalenza naturale, e l’annesso, artificiale e urbano, come il parcheggio, ad esempio. Un equilibrio tra l’orizzontale e il verticale, la transizione tra spazi aperti e chiusi e l’interazione tra tecnologia e natura è la parte più critica di questo ambizioso progetto. La forma a poligono determina diverse qualità di spazio interno ed esterno, ma l’obiettivo della continuità visiva è raggiunto grazie ad un’articolazione gerarchica della torre.

C.C.

Copyright © - Riproduzione riservata
Un’antenna Radio-Tv per tutte: ad Instanbul sulla collina di Camlica Ingegneri.info