Villoresi est, quando l'autogrill e' sostenibile e accessibile | Ingegneri.info

Villoresi est, quando l’autogrill e’ sostenibile e accessibile

wpid-17120_AutogrillViloresiEsthigh.jpg
image_pdf

L’autogrill ‘a forma di vulcano’, che per diversi mesi ha stuzzicato la curiosità dei milioni di guidatori che passano ogni anno sull’autostrada Milano-Laghi, è stato ufficialmente inaugurato: con un opening event lo scorso 12 giugno è stato tagliato il nastro del “Villoresi Est”, l’autogrill ‘del futuro’, progetto di sostenibilità a 360 gradi interamente realizzato secondo gli standard di efficienza energetica e d’impronta ecologica del Protocollo Leed (Leadership in Energy and Environmental Design) e i principi di Design for all e Dasa Rägister per l’accessibilità.

Disegnata dall’architetto Giulio Ceppi dello studio Total Tool, in partnership con Starching e Geoenergia, la struttura emerge nella forma di un “vulcano” in modo graduale dal territorio fino a raggiungere un’altezza di 27,5m. Allo stesso tempo si immerge in esso, attraverso un sistema di 420 sonde geotermiche distribuite che raggiungono una profondità di 25 metri e sviluppano una potenza termica di circa 380kw termici.

Posizionato dall’altro lato della carreggiata rispetto allo ‘storico’ Villoresi Ovest, realizzato dal duo Pavesi/Arch. Bianchetti nel 1958 e identificato come simbolo del boom economico, l’edificio si sviluppa su una superficie di circa 2.500 mq con uno scheletro interamente realizzato in legno lamellare certificato Pefc, proveniente da boschi gestiti in maniera sostenibile. Si caratterizza inoltre per l’utilizzo di materiali da costruzione ecocompatibili e al 100% riciclabili.

Dal punto di vista del funzionamento energetico, Villoresi Est utilizza l’innovativa combinazione di geotermia e fotovoltaico riuscendo a risparmiare circa il 45% dei consumi energetici elettrici con una conseguente riduzione del 59% di emissioni di Co2. Allo stesso tempo l’adozione di un sistema di raccolta delle acque piovane e di falda consente di ridurre di circa 25.550mc all’anno i consumi idrici (l’equivalente dell’utilizzo medio di 128 famiglie italiane).

A queste tecnologie si aggiungono: la copertura captante di 350mq che cattura, stagionalmente, energia solare o freddo; l’illuminazione Led sia per l’esterno che per l’interno dell’area; il sistema di raccolta delle acque piovane e di falda per la climatizzazione dell’aria, l’irrigazione, le toilette e la riserva antincendio. All’esterno, inoltre, è stata approntata un’area verde di 19.000 mq (circa il 30% della superficie totale), con una piantumazione in continuità paesaggistica con la vegetazione locale.

Da segnalare, infine, che sul fronte dell’accessibilità la progettazione dei layout, degli arredi e delle attrezzature, nonché dei servizi, dei parcheggi e del signage si basa sui principi del Design for all, con l’obiettivo di ottenere l’omonimo Marchio di qualità, alla Certificazione Dasa Rägister e di Spirito di Stella. Sul fronte del Design di interni Villoresi Est rappresenta un’esperienza pioneristica di abbattimento delle barriere architettoniche e delle limitazioni alla libera circolazione della

clientela, che eleva l’area di servizio a best practice per l’accessibilità per tutti. L’interior design è stato infatti elaborato a partire dalla molteplicità di esigenze specifiche delle persone in viaggio (businessmen, famiglie, donne, truckers, bambini, anziani, disabili, non-vedenti, etc.).  

Copyright © - Riproduzione riservata
Villoresi est, quando l’autogrill e’ sostenibile e accessibile Ingegneri.info