Bando periferie Mibact, ecco i progetti vincitori | Ingegneri.info

Bando periferie Mibact, ecco i progetti vincitori

Annunciati i vincitori del Bando per la riqualificazione di alcune periferie urbane nazionali, aperto a ingegneri e architetti e promosso da Mibact e Cnappc

Dettaglio del progetto per San Bonifacio – Luca Vandini + Leonardo Tedeschi
Dettaglio del progetto per San Bonifacio – Luca Vandini + Leonardo Tedeschi
image_pdf

Nella cornice della Biennale di Architettura di Venezia, presso il Padiglione italiano, sono stati annunciati sabato 19 novembre i progetti vincitori del Concorso di idee per la riqualificazione di aree urbane periferiche, iniziativa lanciata a settembre dalla Direzione Generale Periferie Urbane del Mibact e dal Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori.

L’iniziativa è il prodotto di una convenzione sottoscritta tra Direzione Generale e Consiglio Nazionale e nata per promuovere presso i giovani progettisti l’opportunità di presentare proposte ideative su alcune aree periferiche, caratterizzate da situazioni di marginalità economica e sociale, degrado edilizio e carenza di servizi.

Aperto ad architetti e ingegneri, il concorso ha interessato dieci aree pilota scelte dal Mibact e dal Cnappc, vale a dire, Aprilia (Latina), Area in quartiere Toscanini; Corato (Bari), Area “Case minime” in rione Belvedere; Marsala (Trapani), Area nel Parco della Salienza; Palermo, Area “Cittadella dello sport” in quartiere S. Filippo Neri (ZEN); Reggio Calabria, Area in rioni Trabocchetto e Sant’Anna; Ruvo di Puglia (Bari), Area ex Convento in rione Cappuccini; San Bonifacio (Verona), Area in quartiere Praissola; Santu Lussurgiu (Oristano), Area ex Collegio Carta-Meloni; Sassari, Area in quartiere Latte Dolce.

La prima fase dell’iniziativa ha visto la selezione delle aree, avvenuta attraverso un bando di manifestazione d’interesse aperto a tutti i Comuni d’Italia, che hanno risposto positivamente partecipando in 140 (58 dal Sud e Isole, 35 dal Centro e 47 dal Nord).

Tra i 220 partecipanti, la Giuria ha individuato i vincitori attraverso l’attribuzione del punteggio (con un massimo di 100 punti) conseguente all’analisi di elementi considerati prioritari, che riguardavano in particolare gli aspetti compositivi e formali della proposta, intesi come qualità, innovazione e rapporto con il contesto urbano- le sue caratteristiche funzionali, quali la capacità di riuso o rifunzionalizzazione e le prestazioni dei servizi, le specificità tecnologiche legate alla sostenibilità sociale, economica ed ambientale e la sicurezza, e in ultimo, la capacità di valorizzare l’area, ovvero gli effetti virtuosi previsti su scala urbana.

Per ciascuna delle aree è stato nominato un solo vincitore, per il quale La Direzione Generale ha reso disponibile l’assegnazione di un contributo di 10.000 euro; i progetti saranno donati ai Comuni, i cui Sindaci hanno assunto in sede di selezione, l’impegno di affidare ai vincitori gli approfondimenti progettuali, affinché possano procedere allo sviluppo e la realizzazione degli interventi.

Clicca la gallery per scoprire i vincitori

Leggi anche: Bologna modello di città resiliente: tutto sul progetto BlueAp

Copyright © - Riproduzione riservata
Bando periferie Mibact, ecco i progetti vincitori Ingegneri.info