La pianificazione urbanistica in Italia è nel caos | Ingegneri.info

La pianificazione urbanistica in Italia è nel caos

E' dura la fotografia della pianificazione territoriale in Italia tracciata dall'indagine del Centro studi Cni. Le enormi difformità territoriali rendono impossibile una gestione sensata

pianificazione_urbana
image_pdf

Un quadro molto complicato, con situazioni difficilmente confrontabili fra loro nelle diverse regioni, che rende difficile anche la semplice conoscenza del panorama complessivo; una situazione “caotica e ingestibile”: è l’immagine tracciata, in estrema sintesi, dalla “Indagine sulla pianificazione territoriale ed urbanistica”, realizzata dal Centro studi del Consiglio nazionale ingegneri e presentata nei giorni scorsi dal Presidente, Luigi Ronsivalle, nell’ambito del convegno del Censu “La formazione urbanistica dell’ingegnere e il governo del territorio”.

L’indagine, avviata nell’estate del 2014 ed ancora in corso, mira ad offrire un quadro nazionale per quel che concerne lo stato della pianificazione urbanistica in Italia. Essa si sviluppa su due filoni paralleli ma profondamente correlati. Da un lato si sta costruendo, regione per regione, il quadro normativo di riferimento della materia, individuando gli strumenti territoriali e urbanistici previsti ai livelli regionale, provinciale e comunale. Dall’altro è stata effettuata una ricognizione che mira a fotografare la situazione comunale attuale relativa all’adeguamento dei comuni agli strumenti attualmente previsti dalla normativa applicabile.

“La nostra ricerca è stata lunga e complessa – ha detto Ronsivalle – e ci sarà bisogno di tempo per completarla. Per ora ci siamo limitati agli aspetti ricognitivi e abbiamo constatato come il solo reperimento dei dati nelle varie regioni sia molto arduo. Emerge un quadro molto complicato, con situazioni, fra le diverse regioni, difficilmente confrontabili fra loro, che rende difficile anche la semplice conoscenza del panorama complessivo.”

Peraltro, precisa il Centro Studi Cni, nel corso dell’indagine alcune regioni sono state interessate da profonde riforme della disciplina di riferimento in materia di governo del territorio e pertanto il quadro in taluni casi non risulta sempre coerente con i contenuti delle leggi regionali vigenti.

“Coloro che sono chiamati ad operare nelle diverse realtà – ha proseguito Ronsivalle – siano essi progettisti, amministratori o semplici utenti, si trovano di fronte a strumenti di pianificazione diversi anche in ambiti territoriali abbastanza omogenei e poco distanti fra loro. Molti strumenti risultano diversi tra loro solo o principalmente nella nomenclatura, altri si differenziano in modo sostanziale. Si parla tanto di semplificazione, ma un’articolazione così complessa della normativa, da regione a regione e da comune a comune, rende molto difficile la sua realizzazione. Anche solo il mettere a sistema all’interno delle regioni i dati dei singoli comuni appare in molti casi un’impresa ardua.

“E’ sufficiente citare un dato – conclude Ronsivalle -. Nelle 12 regioni per le quali siamo riusciti a ricostruire il quadro normativo esistono ben 35 diversi strumenti e 37 sotto strumenti. Mi chiedo a cosa serva tutto ciò. Questa complessità produce forse scelte politico-amministrative coerenti con le esigenze di salvaguardia e di corretto uso del territorio? Siamo riusciti, ad esempio, ad evitare che si costruisse in terreni franosi con la conseguenza dei disastri che tutti noi conosciamo? O in aree soggette ad esondazioni? Direi proprio di no. Considerato il risultato finale, è lecito concludere che tutta questa complessità non ha senso. Urge, pertanto, una reale semplificazione e razionalizzazione”.

 

 

Copyright © - Riproduzione riservata
La pianificazione urbanistica in Italia è nel caos Ingegneri.info