Rifare Harlem pensando a Venezia | Ingegneri.info

Rifare Harlem pensando a Venezia

wpid-11408_civitasst.jpg
image_pdf

New York come Venezia. È l’avveniristica idea di uno studente di architettura che ha vinto il premio indetto da CivitasReimagining the Waterfront”, per riprogettare lo storico lungomare dell’East Side nella Grande Mela favorendo la socializzazione e la riqualificazione dello spazio pubblico.

Il progetto di Joseph Wood, scelto tra oltre 90 iscrizioni provenienti da 25 paesi, è direttamente ispirato all’urbanistica veneziana: canali, gondole e pedane galleggianti di legno collegano Midtown e l’Upper East Side con Harlem. Un sistema di insenature permetterebbe un nuovo metodo di trasporto decisamente più avventuroso, una sorta di “kayak” urbano, mentre i pedoni potrebbero muoversi lungo la promenade, che offrirebbe anche un panorama unico dello skyline.

 

Il progetto è stato prediletto anche per la sua intelligente componente ingegneristica, sviluppata nel segno del rispetto dell’ambiente. Un sistema di porte e filtri regolerebbe il flusso d’acqua tra i canali, mentre un terrario verde articolato in più piani utilizzerebbe l’acqua piovana filtrandola prima di incanalarla nella laguna. Il tutto offrendo ossigeno al quartiere grazie al mantenimento di un’area verde.

 

Anche il secondo e il terzo classificato sono progetti nel segno della sostenibilità ambientale. Takuma Ono e Darina Zlateva (seconde) hanno ripensato all’area come un ecosistema marino, mentre il progetto dell’italiano Matteo Rossetti (terzo) è stato apprezzato per aver tenuto conto delle esigenze della comunità, che sono state espresse direttamente da loro.

 

I progetti verranno esposti al Museo della Città di New York per tutta l’estate, a partire dal 6 giugno.

 

V.R.

{GALLERY}

Copyright © - Riproduzione riservata
Rifare Harlem pensando a Venezia Ingegneri.info