Siracusa 'smart city' con applicazioni, tour virtuali e quark code | Ingegneri.info

Siracusa ‘smart city’ con applicazioni, tour virtuali e quark code

wpid-24165_siracusasmart.jpg
image_pdf

Osservare le bellezze artistiche e culturali di Siracusa ‘volando’ sulla città attraverso i droni, conoscere in tempo reale quanto consuma la città in termini energetici o utilizzare i quark code (Qrcode) per ottenere sul proprio tablet le informazioni di una vera e propria ‘guida turistica: sono solo alcune delle possibilità offerte da “Smart Cities Living Lab Siracusa”, il primo passo concreto del progetto con cui si punta a far diventare il capoluogo siciliano una delle prime ‘smart city‘ d’Italia.

Si tratta dell’iniziativa lanciata nei mesi scorsi attraverso un bando nazionale promosso dal Consiglio nazionale delle ricerche (Cnr) e dall’Associazione nazionale dei comuni italiani (Anci): obiettivo dell’appello era raccogliere la disponibilità di città e paesi di alta rilevanza storica e monumentale, per studiare sistemi e tecnologie che le dotassero di strumenti multimediali e servizi innovativi, finalizzati al turismo e alla valorizzazione del patrimonio. Un progetto da attuare con la partecipazione di tre istituti del Cnr: l’Istituto per i beni archeologici e monumentali (Ibam), l’Istituto di biometereologia (Ibimet), l’Istituto per le tecnologie della costruzione (Itc) e l’Istituto per la sintesi organica e la fotoreattività (Isof).

L’idea oggi è realtà, sia sul piano virtuale-multimediale che su quello fisico. Il progetto comprende: il portale Welcome to Siracusa, un’apposita app gratuita per device mobile, sei totem digitali informativi installati sul territorio e i QR-code posizionati presso i vari siti storici. Attraverso il portale si possono visitare i più importanti punti storico-archeologici di Neapolis e Ortigia con mappe interattive, corredate di descrizioni testuali e fotografiche, tour virtuali con riprese da terra e da drone. La ‘realtà aumentata’ rende inoltre possibile sovrapporre alla città moderna quella antica.

Parallelamente agli scopi più turistici, le tecnologie impiegate permettono anche di conoscere in tempo reale lo stato di salute della città, attraverso un sistema integrato di stazioni fisse e mobili, installate sui totem (SensorWebTourist), sulle auto (SensorWebCar) e sulle biciclette (SensorWeBike) della Polizia Municipale: una fotografia del ‘metabolismo urbano’ di Siracura, cioè del rapporto tra energia e materia – acqua, nutrienti, materiali e rifiuti – che costituisce l’ecosistema della città. I dati vengono visualizzati sui totem digitali in tempo reale e utilizzati dall’amministrazione locale.

Copyright © - Riproduzione riservata
Siracusa ‘smart city’ con applicazioni, tour virtuali e quark code Ingegneri.info