Smart city: le tecnologie elettroniche per le citta' del futuro | Ingegneri.info

Smart city: le tecnologie elettroniche per le citta’ del futuro

wpid-10502_smart.jpg
image_pdf

“Le tecnologie Anie per le Smart City: innovazione e pervasività digitale per le città del futuro”: è stato questo il tema della X edizione della Giornata della Ricerca Anie (Federazione delle imprese elettrotecniche ed elettroniche che operano in Italia aderente a Confindustria), che si è svolta nei giorni scorsi a Roma. L’evento ha rappresentato l’occasione per fare il punto sul contributo che le tecnologie elettrotecniche ed elettroniche possono fornire per avviare la realizzazione delle cosiddette “città intelligenti”, aiutando a ripensare lo spazio urbano lungo quattro direttrici: energia e sostenibilità ambientale, trasporti, comunicazioni e sicurezza.

Il percorso per la trasformazione in chiave “smart” di spazi urbani e reti è già iniziato, a livello europeo e mondiale. Le tecnologie elettrotecniche ed elettroniche messe in gioco nell’ambito dei progetti smart city sono molteplici e trasversali e il primo ambito coinvolto è quello dell’energia. Si va dall’ammodernamento delle reti energetiche in senso smart e più efficiente all’integrazione fra le diverse fonti di produzione di energia, alla gestione dei picchi di carico, all’efficientamento delle strutture esistenti.

La diffusione delle fonti di generazione rinnovabili impone un adeguamento tecnologico delle reti di trasmissione e distribuzione, in modo da permettere l’accumulo e la gestione bidirezionale dell’energia. Senza tralasciare l’importante capitolo dell’efficienza energetica, che si declina nella riduzione dei consumi imputabili ai trasporti e nella ridefinizione dell’assetto energetico degli edifici, in particolare residenziali.

In questo ambito, non vanno dimenticati gli importante risultati messi a segno in questi anni dalle tecnologie Anie collegate direttamente o indirettamente al “sistema edificio”: dall’illuminazione agli apparecchi domestici e professionali, dagli ascensori all’impiantistica.

Le opere edili sono ampiamente interessate dal processo che porta alla costruzione di una città smart, a partire dall’impiantistica evoluta per arrivare alla gestione integrata di tutte le tecnologie presenti nell’edificio. I fenomeni di crescente urbanizzazione hanno dato poi impulso all’impiego di tecnologie per la sicurezza, in chiave safety e security, altro aspetto estremamente rilevante nella costruzione di una smart city. Non va poi dimenticato l’aspetto rappresentato dall’illuminazione pubblica, che così ampio impatto ha sui consumi energetici delle città.

Un capitolo a parte è rappresentato dal sistema dei trasporti che deve divenire sostenibile e più efficiente. In questo caso le tecnologie implicate non sono solo quelle strettamente legate al mezzo di trasporto pubblico o privato, ma soprattutto quelle di natura infrastrutturale. Basti pensare al sistema di ricarica per i nuovi veicoli elettrici e ibridi o all’impiego di tecnologie high-tech nel trasporto pubblico per gestire l’infomobilità e il monitoraggio della rete.

“Molte nostre aziende  hanno già progettato soluzioni innovative nell’ambito smart city e stanno portando avanti un’intensa attività di ricerca per anticipare i driver che guideranno lo sviluppo della filiera nei prossimi anni – ha dichiarato Pietro Palella, vice presidente Anie per la ricerca e l’innovazione –. Nodo cruciale di questo passaggio evolutivo che interesserà le città in un futuro non lontano è la trasformazione delle strutture urbane già esistenti, con una applicazione diffusa delle tecnologie elettrotecniche ed elettroniche alle reti di pubblica utilità, al sistema dei trasporti, alle opere edili che andranno ripensate in termini di maggiore efficienza e sostenibilità”.

O.O.

Copyright © - Riproduzione riservata
Smart city: le tecnologie elettroniche per le citta’ del futuro Ingegneri.info