AUTORITA' PER L' ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 13 Giugno 2007 | Ingegneri.info

AUTORITA’ PER L’ ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 13 Giugno 2007

AUTORITA' PER L' ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 13 Giugno 2007 - Tariffe per i servizi di trasmissione, distribuzione e misura dell'energia elettrica destinata ai clienti finali domestici connessi in bassa tensione in vigore dal 1° luglio 2007. (Deliberazione n. 135/07). (GU n. 164 del 17-7-2007 - Suppl. Ordinario n.161)

AUTORITA’ PER L’ ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 13 Giugno 2007

Tariffe per i servizi di trasmissione, distribuzione e misura
dell’energia elettrica destinata ai clienti finali domestici connessi
in bassa tensione in vigore dal 1° luglio 2007. (Deliberazione n.
135/07).

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 13 giugno 2007;
Visti:
la direttiva europea 2003/54/CE del 26 giugno 2003 (di seguito:
direttiva europea 2003/54/CE);
la legge 14 novembre 1995, n. 481;
il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 (di seguito: decreto
legislativo n. 79/1999);
il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre
2002;
la legge 23 agosto 2004, n. 239;
l’art. 1, comma 375, della legge 23 dicembre 2005, n. 266;
il decreto legislativo 2 febbraio 2007, n. 26 (di seguito:
decreto legislativo n. 26/2007);
Visti:
la deliberazione dell’Autorita’ per l’energia elettrica e il gas
(di seguito: l’Autorita) 4 novembre 1998, n. 134/98 (di seguito:
deliberazione n. 134/98);
la deliberazione dell’Autorita’ 15 novembre 2001, n. 264/01;
la deliberazione dell’Autorita’ 29 novembre 2002, n. 197/02 (di
seguito: deliberazione n. 197/02);
la deliberazione dell’Autorita’ 5 dicembre 2002, n. 199/02;
la deliberazione dell’Autorita’ 23 gennaio 2003, n. 5/03 (di
seguito: deliberazione n. 5/03);
la deliberazione dell’Autorita’ 12 giugno 2003, n. 64/03 (di
seguito: deliberazione n. 64/03);
la deliberazione dell’Autorita’ 30 gennaio 2004, n. 5/04, come
successivamente modificata (di seguito: deliberazione n. 5/04);
il Testo integrato delle disposizioni dell’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas per l’erogazione dei servizi di
trasmissione, distribuzione, misura e vendita dell’energia elettrica
– Periodo di regolazione 2004-2007, approvato con deliberazione n.
5/04, come successivamente modificato e integrato (di seguito: Testo
integrato);
la deliberazione 9 giugno 2006, n. 111/06 (di seguito:
deliberazione n. 111/06);
la deliberazione dell’Autorita’ 26 giugno 2006, n. 126/06;
la deliberazione dell’Autorita’ 22 settembre 2007, n. 203/06;
la deliberazione dell’Autorita’ 5 dicembre 2006, n. 275/06 (di
seguito: deliberazione n. 275/06);
la deliberazione dell’Autorita’ 12 febbraio 2007, n. 24/07;
la deliberazione dell’Autorita’ 3 maggio 2007, n. 106/07 (di
seguito: deliberazione n. 106/07);
il documento per la consultazione 18 gennaio 2007 recante
“Revisione del sistema tariffario per le utenze domestiche in bassa
tensione a partire dal 1° luglio 2007”;
il documento per la consultazione 21 maggio 2007 recante
“Revisione del sistema tariffario per le utenze domestiche in bassa
tensione a partire dal 1° luglio 2007 – Proposta finale”.
Considerato che:
la direttiva europea 2003/54/CE prevede che a valere dal
1° luglio 2007, tutti i clienti finali siano clienti idonei;
il sistema tariffario per l’erogazione del servizio elettrico per
le utenze domestiche in bassa tensione prevede tuttora l’applicazione
di tariffe differenziate D2 e D3 che, includendo una sovvenzione
incrociata tra clienti relativamente alla componente a copertura dei
costi acquisto e dispacciamento dell’energia elettrica (componente
tariffaria CCA e componente tariffaria CAD), risulta incompatibile
con il completamento del processo di liberalizzazione previsto per il
1° luglio 2007;
le tariffe D2 e D3 non prevedono attualmente la separata evidenza
di un corrispettivo, corrispondente all’elemento sigma 1 ,(cov), a
copertura dei costi relativi all’erogazione del servizio di acquisto
e vendita dell’energia elettrica destinata al mercato vincolato;
la struttura delle attuali tariffe D2 e D3 garantisce una tutela
generalizzata per i clienti domestici con non piu’ di 3 kW di potenza
e consumi medio bassi, nell’abitazione di residenza anagrafica;
non si e’ ancora completato il processo di definizione del quadro
normativo di riferimento per la riforma del sistema di tutela
sociale, destinato a subentrare alla tutela generalizzata di cui al
precedente punto;
il decreto legislativo n. 26/2007 ha confermato i criteri di
tassazione per le utenze domestiche, in particolare mantenendo una
scaglionatura dei corrispettivi e la distinzione tra i clienti
domestici residenti con potenza impegnata fino a 3 kW e gli altri
clienti domestici;
la componente tariffaria UC1, a copertura degli squilibri del
sistema di perequazione dei costi di approvvigionamento dell’energia
elettrica destinata al mercato vincolato, e’ attualmente applicata ai
soli clienti del mercato vincolato;
i costi a carico di Terna per l’approvvigionamento dell’energia
elettrica necessaria a compensare la differenza tra perdite effettive
e perdite standard nelle reti, sono coperti tramite l’applicazione
della componente tariffaria UC5 per i clienti del mercato vincolato e
tramite l’applicazione del corrispettivo di cui all’art. 47 della
deliberazione n. 111/06, per i clienti del mercato libero;
con deliberazione n. 275/06 l’Autorita’ ha previsto che la
validita’ delle opzioni tariffarie ulteriori domestiche terminasse al
30 giugno 2007;
le deliberazioni n. 134/98, n. 197/02, n. 5/03 e n. 64/03 ha
disposto l’applicazione di tariffe speciali destinate alle
popolazioni colpite da eventi sismici e dall’attivita’ vulcanica
dell’Etna di cui alle medesime deliberazioni; e che il periodo di
applicazione di tali tariffe speciali e’ collegato alla durata dello
stato di emergenza dichiarato dalle autorita’ competenti;
nell’ambito del processo di consultazione di cui al richiamato
documento del 21 maggio 2007, e’ stata segnalata da un operatore la
necessita’ di precisare le modalita’ applicative delle citate tariffe
speciali successivamente al 1° luglio 2007;
Ritenuto opportuno:
procedere ad una revisione della struttura della tariffa di
fornitura dell’energia elettrica applicata alle utenze domestiche che
ne garantisca la compatibilita’ con la completa liberalizzazione del
servizio di vendita nel settore elettrico del 1° luglio 2007,
prevedendo una piu’ chiara distinzione tra le componenti tariffate,
relative alla copertura dei costi per l’erogazione dei servizi di
trasmissione, distribuzione e misura dell’energia elettrica e le
componenti relative alla vendita dell’energia elettrica i cui
corrispettivi dipendono da dinamiche di mercato;
prevedere che la revisione attuata con il presente provvedimento
abbia carattere transitorio, in attesa della definizione di un nuovo
sistema di tutela sociale, sostitutivo della tutela generalizzata
garantita attualmente dalla tariffa D2;
prevedere che la riforma non comporti modifiche radicali della
attuale struttura tariffaria per l’utenza domestica, cosi’ da
renderla compatibile con i tempi necessari per l’adattamento dei
sistemi di fatturazione da parte delle imprese distributrici di
energia elettrica;
per la medesima ragione di cui al precedente punto, mantenere la
componente UC6 inglobata nelle componenti tariffarie a copertura dei
costi di trasmissione, distribuzione e misura applicate ai clienti
domestici, rinviando la sua esplicitazione all’intervento di riforma
complessiva del sistema tariffario domestico che si accompagnera’
alla richiamata revisione del sistema di tutela sociale;
prevedere una rimodulazione dei corrispettivi tariffari a
copertura dei costi di trasmissione, distribuzione e misura
dell’energia elettrica e delle componenti A2, A3, A4, A5 e UC4 tale
da contenere la variazione di spesa per la generalita’ dell’utenza
domestica dovuta alla revisione della struttura tariffaria;
rinviare ad un successivo provvedimento, da emanarsi nell’ambito
del procedimento avviato con deliberazione n. 106/07, la definizione
della disciplina sostitutiva dell’attuale regolazione dei
corrispettivi di vendita dell’energia elettrica destinata ai clienti
del mercato vincolato, riferita ai costi attualmente coperti tramite
le componenti CCA/CAD, sigma 1 ,(cov) e UC1;
eliminare la possibilita’ di proporre opzioni ulteriori
domestiche successivamente al 1° luglio 2007, anche in coerenza con
quanto gia’ previsto per le utenze non domestiche;
attendere la definizione dell’assetto normativo dell’attivita’ di
vendita dell’energia elettrica successivamente al 1° luglio 2007,
prima di definire strutture tariffarie destinate ai clienti
domestici, articolate su due o piu’ raggruppamenti orari;
raccogliere maggiori informazioni sull’attuale estensione
dell’ambito di applicazione dei benefici tariffari di cui alle
deliberazioni n. 134/98, n. 197/02, n. 5/03 e n. 64/03, prima di
procedere ad emanare le eventuali disposizioni applicative che si
rendessero necessarie a partire dal 1° luglio 2007;
Delibera:

Art. 1.
Definizioni

1.1 Ai fini del presente provvedimento si applicano le definizioni
riportate all’art. 1 del Testo integrato.

Art. 2.
Ambito oggettivo

2.1 Il presente provvedimento reca le disposizioni aventi ad
oggetto la regolazione dei corrispettivi previsti dalle tariffe
destinate ai clienti finali domestici connessi in bassa tensione di
cui al comma 2.2, lettera a) del Testo integrato, a partire dal
1° luglio 2007, per la remunerazione dei seguenti servizi di pubblica
utilita’:
a) trasmissione dell’energia elettrica;
b) distribuzione dell’energia elettrica;
c) misura dell’energia elettrica.

Art. 3.
Tariffe D1T, D2T, D3T

—-> Vedere Tariffe a pag. 7 in formato zip/pdf

Art. 4.
Perequazione dei ricavi ottenuti dall’applicazione delle tariffe D2T
e D3T per il secondo semestre dell’anno 2007

4.1 Per il periodo 1° luglio-31 dicembre 2007, l’ammontare di
perequazione di cui al comma 42.1, lettera f) del Testo integrato, e’
pari a:

RD(base)T = RA(base)T-RE(base)T

dove:
RD(base)T e’ l’ammontare di perequazione dei ricavi ottenuti
dalle tariffe D2T e D3T, per il periodo 1° luglio-31 dicembre 2007;
RA(base)T rappresenta il livello dei ricavi che l’impresa
distributrice avrebbe conseguito dall’applicazione della tariffa
D1(base)T, di cui al comma 3.1 del presente provvedimento, ai clienti
ai quali sono state applicate le tariffe D2(base)T e D3(base)T con
riferimento al numero medio di punti di prelievo, alla potenza media
impegnata e ai consumi di competenza del periodo al quale si
riferisce l’ammontare di perequazione; tali ricavi sono calcolati al
netto di una quota parte dell’elemento (sigma)1(mis), pari a 239,28
centesimi di euro per punto di prelievo per anno, destinata alla
remunerazione degli investimenti in misuratori digitali e sistemi di
telegestione per le utenze in bassa tensione realizzati nel periodo
fino al 31 dicembre 2005, ai sensi di quanto disposto dalla
deliberazione n. 275/06;
RE(base)T rappresenta il livello dei ricavi effettivi, relativo
al periodo 1° luglio – 31 dicembre 2007, che l’impresa distributrice
ha conseguito dall’applicazione delle tariffe D2T e D3T, senza sconti
o abbuoni, con riferimento al numero medio di clienti, alla potenza
media impegnata e ai consumi di competenza del periodo al quale si
riferisce l’ammontare di perequazione.

Art. 5

Esazione delle componenti tariffarie A2, A3, A4, A5 e UC4

5.1 Con decorrenza 1° luglio 2007, ai clienti finali controparti di
contratti di cui al comma 2.2, lettere a) del Testo integrato, le
componenti tariffarie A2, A3, A4, A5 e la componente UC4 sono
applicate con aliquote espresse in centesimi di euro/kWh,
differenziate per scaglioni di consumo. Gli scaglioni di consumo sono
riportati nella tabella 5 allegata al presente provvedimento.

Art. 6.
Disposizioni finali

6.1 A valere dal 1° luglio 2007, sono abrogate le disposizioni di
cui ai commi da 24.1 a 24.7 del Testo integrato, all’art. 25 e
all’art. 48 del Testo integrato, nonche’ ogni altra disposizione
incompatibile con il presente provvedimento.
6.2 Gli esercenti che alla data del presente provvedimento
applicano a uno o piu’ clienti finali le disposizioni di cui alle
deliberazioni dell’Autorita’ n. 134/98, n. 197/02, n. 5/03 e n.
64/03, forniscono all’Autorita’, entro cinque giorni lavorativi dalla
data di pubblicazione del presente provvedimento:
a) informazioni aggiornate relative al numero e alla tipologia di
appartenenza delle utenze a cui vengono riconosciute le tariffe
speciali di cui a ciascuno dei richiamati provvedimenti;
b) copia della documentazione attestante il titolo dei clienti di
cui alla precedente lettera ad ottenere le richiamate tariffe
speciali.
6.3 Il presente provvedimento e’ pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana e sul sito internet
dell’Autorita’ (http://www.autorita.energia.it) affinche’ entri in
vigore dalla data della sua prima pubblicazione.
Roma, 13 giugno 2007
Il presidente: Ortis

—-> Vedere Allegato a pag. 8 in formato zip/pdf

AUTORITA’ PER L’ ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 13 Giugno 2007

Ingegneri.info