AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE 12 Dicembre 2007 | Ingegneri.info

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI – DELIBERAZIONE 12 Dicembre 2007

AUTORITA' PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI - DELIBERAZIONE 12 Dicembre 2007 - Avvio del procedimento relativo alla revisione ed eventuale integrazione delle misure regolamentari atti a promuovere condizioni di effettiva concorrenza nei mercati di accesso alla rete fissa. (Delibera n. 626/07/CONS). (GU n. 297 del 22-12-2007 )

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI

DELIBERAZIONE 12 Dicembre 2007

Avvio del procedimento relativo alla revisione ed eventuale
integrazione delle misure regolamentari atti a promuovere condizioni
di effettiva concorrenza nei mercati di accesso alla rete fissa.
(Delibera n. 626/07/CONS).

L’AUTORITA’

Nella sua riunione di Consiglio del 12 dicembre 2007;
Vista la legge 31 luglio 1997, n. 249, recante “Istituzione
dell’Autorita’ per le garanzie nelle comunicazioni e norme sui
sistemi delle telecomunicazioni e radiotelevisivo”;
Vista la legge 14 novembre 1995, n. 481, recante “Norme per la
concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilita’.
Istituzione delle Autorita’ di regolazione dei servizi di pubblica
utilita”;
Visto il decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259, “Codice delle
comunicazioni elettroniche” (di seguito, il “Codice”) di recepimento
delle direttive n. 2002/19/CE (“direttiva accesso”), n. 2002/20/CE
(“direttiva autorizzazioni”), n. 2002/21/CE (“direttiva quadro”), n.
2002/22/CE (“direttiva servizio universale”);
Visti, in particolare, l’art. 8 della “direttiva accesso” e l’art.
45 del Codice, che attribuiscono all’Autorita’, in esito alle analisi
di mercato, il potere di imporre all’operatore designato come
detentore di un significativo potere di mercato gli obblighi previsti
agli articoli da 9 a 13 della direttiva accesso nonche’ di imporre
allo stesso, in circostanze eccezionali, obblighi di carattere
atipico a seguito della specifica approvazione di questi ultimi da
parte della Commissione europea;
Visto il decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223, recante “Disposizioni
urgenti per il rilancio economico e sociale, per il contenimento e la
razionalizzazione della spesa pubblica, nonche’ interventi in materia
di entrate e di contrasto all’evasione fiscale”, convertito, con
modificazioni, dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, ed in particolare
l’art. 14-bis;
Vista la delibera n. 645/06/CONS, concernente “Regolamento di
attuazione dell’art. 14-bis del decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223,
convertito dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, recante “Disposizioni
urgenti per il rilancio economico e sociale, per il contenimento e la
razionalizzazione della spesa pubblica, nonche’ interventi in materia
di entrate e di contrasto all’evasione fiscale”” pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 285 del 7 dicembre
2006;
Vista la raccomandazione della Commissione dell’11 febbraio 2003
“relativa ai mercati rilevanti di prodotti e servizi del settore
delle comunicazioni elettroniche suscettibili di una regolamentazione
ex ante ai sensi della direttiva n. 2002/21/CE del Parlamento europeo
e del Consiglio che istituisce un quadro normativo comune per le reti
ed i servizi di comunicazione elettronica”, pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale delle Comunita’ europee L 114 dell’8 maggio 2003 (la
“Raccomandazione”);
Vista la raccomandazione della Commissione, del 23 luglio 2003,
“relativa alle notificazioni, ai termini e alle consultazioni di cui
all’art. 7 della direttiva n. 2002/21/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio che istituisce un quadro normativo comune per le reti e i
servizi di comunicazione elettronica”, pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale delle Comunita’ europee L 190 del 30 luglio 2003;
Viste le “Linee direttrici della Commissione per l’analisi del
mercato e la valutazione del significativo potere di mercato ai sensi
del nuovo quadro normativo comunitario per le reti e i servizi di
comunicazione elettronica”, pubblicate nella Gazzetta Ufficiale delle
Comunita’ europee C 165 dell’11 luglio 2002;
Vista la raccomandazione della Commissione adottata il 13 novembre
2007 relativa ai mercati rilevanti di prodotti e servizi del settore
delle comunicazioni elettroniche suscettibili di una regolamentazione
ex ante ai sensi della direttiva n. 2002/21/CE del Parlamento europeo
e del Consiglio che istituisce un quadro normativo comune per le reti
ed i servizi di comunicazione elettronica, C(2007)5406rev1;
Vista la delibera n. 453/03/CONS del 23 dicembre 2003, recante
“Regolamento concernente la procedura di consultazione di cui
all’art. 11 del decreto legislativo 1° agosto 2003, n. 259”
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del
28 gennaio 2004, n. 22;
Vista la delibera n. 645/06/CONS, pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana del 7 dicembre 2006, n. 285, con
la quale e’ stata data attuazione al gia’ citato art. 14-bis del
decreto-legge 4 luglio 2006, n. 223, convertito dalla legge 4 agosto
2006, n. 248;
Vista la delibera n. 118/04/CONS del 5 maggio 2004, recante
“Disciplina dei procedimenti istruttori di cui al nuovo quadro
regolamentare delle comunicazioni elettroniche” pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana del 19 maggio 2004, n.
116 e successive modificazioni;
Vista la delibera n. 731/06/CONS del 19 dicembre 2006, concernente
“Ulteriori modifiche alla delibera n. 118/04/CONS recante Disciplina
dei procedimenti istruttori di cui al nuovo quadro regolamentare
delle comunicazioni elettroniche”, pubblicata nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana n. 4 del 5 gennaio 2007;
Vista la delibera n. 4/06/CONS, concernente il “Mercato
dell’accesso disaggregato all’ingrosso (ivi compreso l’accesso
condiviso) alle reti e sottoreti metalliche, ai fini della fornitura
di servizi a banda larga e vocali (mercato n. 11 fra quelli
identificati dalla raccomandazione della Commissione europea n.
2003/311/CE): identificazione ed analisi del mercato, valutazione di
sussistenza di imprese con significativo potere di mercato ed
individuazione degli obblighi regolamentari”, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 33 del 9 febbraio
2006;
Vista la delibera n. 33/06/CONS, concernente i “Mercati
dell’accesso al dettaglio alla rete telefonica pubblica in postazione
fissa per clienti residenziali e non residenziali (mercati n. 1 e n.
2 fra quelli identificati dalla raccomandazione della Commissione
europea n. 2003/311/CE): identificazione ed analisi del mercato,
valutazione di sussistenza di imprese con significativo potere di
mercato ed individuazione degli obblighi regolamentari”, pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 34 del
10 febbraio 2006;
Vista la delibera n. 34/06/CONS, concernente il “Mercato
dell’accesso a banda larga all’ingrosso (mercato n. 12 fra quelli
identificati dalla raccomandazione della Commissione europea n.
2003/311/CE): identificazione ed analisi del mercato, valutazione di
sussistenza di imprese con significativo potere di mercato ed
individuazione degli obblighi regolamentari”, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 44 del 22 febbraio
2006;
Vista la delibera n. 208/07/CONS, con cui l’Autorita’ ha avviato
una consultazione pubblica sugli aspetti regolamentari relativi
all’assetto della rete di accesso fissa ed alle prospettive delle
reti di nuova generazione a larga banda;
Visti i contributi e gli esiti della consultazione pubblica
summenzionata che costituiscono parte integrante del presente
procedimento;
Vista, in particolare, la pressoche’ unanime valutazione degli
operatori alternativi, delle associazioni dei consumatori e degli
altri soggetti intervenuti nella consultazione pubblica in relazione
alla limitata efficacia – attuale e prospettica – delle misure finora
adottate dall’Autorita’, ivi comprese quelle a garanzia della parita’
di trattamento interna/esterna, per assicurare una effettiva
competizione nei mercati dell’accesso al dettaglio, in ragione anche
dell’adozione di atteggiamenti dilatori di Telecom Italia
nell’applicazione delle norme a questo riguardo impostegli
dall’Autorita’;
Visto, inoltre, che la quasi totalita’ dei soggetti intervenuti ha
manifestato il convincimento che sia necessario prevedere misure
regolamentari piu’ efficaci di quelle finora attuate dall’Autorita’,
anche facendo ricorso a misure atipiche, quali forme di separazione
funzionale della rete d’accesso di Telecom, cosi’ da accrescere il
grado di concorrenza nei mercati dell’accesso, sia retail che
wholesale, ed anche al fine di impedire che si verifichino condizioni
di un sostanziale monopolio nelle reti di nuova generazione;
Viste, infine, le numerose convergenti segnalazioni emerse in sede
di consultazione pubblica circa le difficolta’ al raggiungimento di
una piena ed effettiva concorrenza nel mercato dell’accesso di rete
fissa, in ragione di presunti comportamenti anticoncorrenziali di
Telecom Italia, come peraltro portato all’attenzione dell’Autorita’
in altre circostanze;
Considerato che Telecom Italia e’ stata notificata come operatore
avente significativo potere di mercato su tutti i mercati nazionali
delle telecomunicazioni fisse, e che, in particolare, nei mercati
dell’accesso sia retail che wholesale essa dispone di una quota
significativamente elevata, comunque superiore alla media europea,
come indica il XII Rapporto della Unione europea sulla
regolamentazione ed i mercati di comunicazione elettronica;
Considerata la permanente assenza in Italia di un’effettiva
concorrenza tra infrastrutture, a ragione principalmente della
mancanza di un’alternativa alla infrastruttura in rame su scala
nazionale;
Consid…

[Continua nel file zip allegato]

AUTORITA’ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI – DELIBERAZIONE 12 Dicembre 2007

Ingegneri.info