AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 28 settembre 2005 | Ingegneri.info

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 28 settembre 2005

AUTORITA' PER L'ENERGIA ELETTRICA E IL GAS - DELIBERAZIONE 28 settembre 2005 - Aggiornamento, per il trimestre ottobre-dicembre 2005, di componenti e parametri della tariffa elettrica e del parametro Ct. (Deliberazione n. 201/05). (GU n. 238 del 12-10-2005)

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

DELIBERAZIONE 28 settembre 2005

Aggiornamento, per il trimestre ottobre-dicembre 2005, di componenti
e parametri della tariffa elettrica e del parametro Ct.
(Deliberazione n. 201/05).

L’AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Nella riunione del 28 settembre 2005,
Visti:
la legge 14 novembre 1995, n. 481;
la legge 23 dicembre 1998, n. 448;
il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79/99 (di seguito:
decreto legislativo n. 79/99);
la legge 28 ottobre 2002, n. 238, di conversione in legge del
decreto-legge 4 settembre 2002, n. 193;
la legge 17 aprile 2003, di conversione in legge, con
modificazioni, del decreto-legge 18 febbraio 2003, n. 25;
la legge 27 ottobre 2003, n. 290, di conversione in legge, con
modificazioni, del decreto-legge 29 agosto 2003, n. 239;
il decreto legislativo 19 dicembre 2003, n. 379;
il decreto legislativo 29 dicembre 2003, n. 387;
la legge 24 dicembre 2003, n. 368, di conversione del
decreto-legge 14 novembre 2003, n. 314;
la legge 23 agosto 2004, n. 239;
la legge 30 dicembre 2004, n. 311;
la legge 14 maggio 2005, n. 80, di conversione, con modifiche,
del decreto-legge 14 marzo 2005, n. 35;
il decreto del Presidente della Repubblica 22 maggio 1963, n.
730;
il decreto del Presidente della Repubblica 26 ottobre 1972, n.
633, come successivamente modificato e integrato;
il provvedimento del Comitato interministeriale dei prezzi
29 aprile 1992, n. 6;
il decreto del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato 19 dicembre 1995;
il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 15 gennaio
1999;
il decreto del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato, di concerto con il Ministro del tesoro, del
bilancio e della programmazione economica, 26 gennaio 2000, come
modificato con il decreto del Ministro dell’industria, del commercio
e dell’artigianato, di concerto con il Ministro del tesoro, del
bilancio e della programmazione economica, 17 aprile 2001;
il decreto del Ministro dell’industria, del commercio e
dell’artigianato, di concerto con il Ministro dell’ambiente,
11 novembre 1999, come modificato e integrato con il decreto del
Ministro delle attivita’ produttive, di concerto con il Ministro
dell’ambiente e della tutela del territorio, 18 marzo 2002;
il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 31 ottobre
2002;
il decreto del Ministro delle attivita’ produttive, di concerto
con il Ministro dell’economia e delle finanze, 10 settembre 2003;
il decreto del Ministro delle attivita’ produttive 19 dicembre
2003 recante assunzione della titolarita’ delle funzioni di garante
della fornitura dei clienti vincolati da parte della societa’
Acquirente unico e direttive alla medesima societa’;
il decreto del Ministro delle attivita’ produttive 6 agosto 2004;
il decreto del Ministro delle attivita’ produttive 17 dicembre
2004, recante modalita’ e condizioni delle importazioni di energia
elettrica per l’anno 2005;
il decreto del Ministro delle attivita’ produttive 24 dicembre
2004, recante determinazione delle modalita’ di vendita dell’energia
elettrica di cui all’art. 3, comma 12, del decreto legislativo n.
79/99, per l’anno 2005;
decreto del Ministro delle attivita’ produttive, di concerto con
il Ministro dell’economia e delle finanze 22 giugno 2005.
Visti:
la deliberazione dell’Autorita’ 26 giugno 1997, n. 70/97, e
successive modifiche e integrazioni, e in particolare le
deliberazioni dell’Autorita’ 25 febbraio 1999, n. 24/99, 28 dicembre
2000, n. 244/00, 27 febbraio 2002, n. 24/02, 24 settembre 2003, n.
109/03, 27 marzo 2004, n. 46/04 (di seguito: deliberazione n. 46/04),
25 giugno 2004, n. 103/04, 29 settembre 2004, n. 171/04, 30 dicembre
2004, n. 252/04, 30 marzo 2005, n. 54/05 (di seguito: deliberazione
n. 54/05), 28 giugno 2005, n. 133/05 (di seguito: deliberazione n.
133/05);
la deliberazione 30 dicembre 2003, n. 168/03, e in particolare
l’allegato A, come successivamente modificato e integrato (di
seguito: deliberazione n. 168/03);
la deliberazione dell’Autorita’ 30 gennaio 2004, n. 5/04, come
successivamente modificata e integrata (di seguito: deliberazione n.
5/04);
il testo integrato delle disposizioni dell’Autorita’ per
l’energia elettrica e il gas per l’erogazione dei servizi di
trasmissione, distribuzione, misura e vendita dell’energia elettrica
– Periodo di regolazione 2004-2007, approvato con deliberazione, n.
5/04, come successivamente modificato e integrato (di seguito: testo
integrato);
la deliberazione 27 marzo 2004, n. 48/04, e in particolare
l’allegato A, come successivamente modificato e integrato (di
seguito: deliberazione n. 48/04);
la deliberazione dell’Autorita’ 29 luglio 2004, n. 135/04;
la deliberazione dell’Autorita’ 20 dicembre 2004, n. 224/04;
la deliberazione dell’Autorita’ 22 dicembre 2004, n. 231/04;
la deliberazione dell’Autorita’ 24 dicembre 2004, n. 237/04;
la deliberazione dell’Autorita’ 6 giugno 2005, n. 101/05;
la deliberazione dell’Autorita’ 12 settembre 2005, n. 186/05;
la nota metodologica in materia di aggiornamento trimestrale dei
corrispettivi per la vendita di energia elettrica destinata ai
clienti del mercato vincolato, pubblicata nel sito dell’Autorita’ in
data 20 ottobre 2004;
Viste:
la comunicazione del Gestore della rete di trasmissione nazionale
S.p.a. (di seguito: il Gestore della rete) del 21 luglio 2005, prot.
Autorita’ n. 016118 del 25 luglio 2005;
la comunicazione del Gestore della rete del 17 agosto 2005, prot.
Autorita’ n. 018324 del 24 agosto 2005;
la comunicazione congiunta della Cassa conguaglio per il settore
elettrico (di seguito: la Cassa) e del Gestore della rete in data
9 settembre 2005, prot. Autorita’ n. 020135 del 12 settembre 2005;
la comunicazione della Cassa del 15 settembre 2005 (prot.
001473), prot. Autorita’ n. 020772, del 16 settembre 2005;
la comunicazione del Gestore della rete del 16 settembre 2005,
prot. Autorita’ n. 020981 del 19 settembre 2005;
la comunicazione dell’Acquirente unico S.p.a. (di seguito:
Acquirente unico) del 15 settembre 2005, prot. Autorita’ n. 20821,
16 settembre 2005;
la comunicazione dell’Acquirente unico del 15 settembre 2005,
prot. Autorita’ n. 020820 del 16 settembre 2005;
la comunicazione dell’Acquirente unico del 19 settembre 2005,
prot. Autorita’ n. 021311 del 20 settembre 2005;
la comunicazione dell’Acquirente unico del 19 settembre 2005,
prot. Autorita’ n. 021312 del 20 settembre 2005;
la comunicazione dell’Acquirente unico del 20 settembre 2005,
prot. Autorita’ n. 021422 del 21 settembre 2005;
la comunicazione del Gestore della rete del 23 settembre 2005
(prot. Autorita’ n. 022015 del 27 settembre 2005);
Considerato che:
gli elementi PC e OD della componente CCA a copertura dei costi
di acquisto e di dispacciamento dell’energia elettrica destinata al
mercato vincolato, sono fissati, in ciascun trimestre, in modo tale
da coprire i costi stimati per l’approvvigionamento dell’energia
elettrica da parte dell’Acquirente unico;
l’art. 33, comma 33.3, lettera a), del testo integrato prevede
che, ai fini delle determinazioni di cui al precedente alinea,
l’Acquirente unico invii all’Autorita’ entro venti giorni dall’inizio
di ciascun trimestre la stima dei propri costi unitari di
approvvigionamento relativi a ciascuno dei quattro trimestri
successivi, articolata per fascia oraria;
ai sensi l’art. 33, comma 33.3, lettera b), del testo integrato,
entro trenta giorni dalla fine di ciascun trimestre, l’Acquirente
unico e’ tenuto ad inviare all’Autorita’, la differenza tra la stima
dei costi di approvvigionamento comunicati nel trimestre precedente e
i costi effettivi di approvvigionamento sostenuti dall’Acquirente
unico nel medesimo periodo;
con la partecipazione della domanda nella borsa elettrica, a
partire dal 1° gennaio 2005 si e’ reso necessario considerare tra i
costi di approvvigionamento sostenuti dall’Acquirente unico anche gli
oneri di sbilanciamento attribuiti al medesimo Acquirente unico in
qualita’ di utente del dispacciamento per le unita’ di consumo
comprese nel mercato vincolato;
il Gestore della rete, ai sensi della deliberazione n. 168/03,
determina i corrispettivi di dispacciamento, inclusi gli oneri di
sbilanciamento, entro il giorno quindici (15) del secondo mese
successivo a quello di competenza;
in ragione di quanto precisato nel precedente alinea gli oneri di
sbilanciamento attribuiti all’Acquirente unico in qualita’ di utente
del dispacciamento per le unita’ di consumo comprese nel mercato
vincolato sono ad oggi disponibili per i mesi da gennaio a luglio
2005;
le modalita’ di valorizzazione degli sbilanciamenti, con
riferimento ai punti di dispacciamento per unita’ di consumo non
rilevanti prevedono che alla quota dello sbilanciamento inferiore al
10% del programma finale cumulato relativo ad un punto di
dispacciamento si applichi il prezzo di valorizzazione dell’energia
elettrica di cui all’art. 19, comma 19.3, lettera b), della
deliberazione n. 168/03;
le modalita’ di valorizzazione degli sbilanciamenti, con
riferimento ai punti di dispacciamento per unita’ di consumo non
rilevanti, previste dalla deliberazione n. 168/03, prevedono che a…

[Continua nel file zip allegato]

AUTORITA’ PER L’ENERGIA ELETTRICA E IL GAS – DELIBERAZIONE 28 settembre 2005

Ingegneri.info