Circolare 31/03/1961 | Ingegneri.info

Circolare 31/03/1961

Circolare 31/03/1961 n. 112 - Ministero della pubblica istruzione - Applicazione della legge 29 giugno 1939, n. 1497,sulla protezione delle bellezze naturali e panoramiche e del regolamento in data 3-6-1940, n. 1357.

Circolare 31/03/1961 n. 112
Ministero della pubblica istruzione –
Applicazione della legge 29 giugno 1939, n. 1497,sulla protezione
delle bellezze naturali e panoramiche e del regolamento in data
3-6-1940, n. 1357.

In relazione alle numerose richieste che
pervengono a questo Ministero da parte delle signorie loro per
l’emanazione di ordini di inibizione e di sospensione lavori ai
termini dell’art.8 della legge 29-6-1939, n. 1497, sulla protezione
delle bellezze naturali e panoramiche, richieste che il più delle
volte sono contenute in brevi testi telegrafici, si ritiene opportuno
segnalare alle signorie loro medesime la necessità di osservare il
disposto di cui all’ultimo comma dell’art.17 del regolamento in data
3-6-1940, n. 1357, per l’applicazione della legge citata, che
prescrive di motivare i provvedimenti che contengono il divieto di
eseguire lavori o l’ordine di sospenderli.
Mentre è sufficiente, per
le località e per gli immobili già vincolati ai sensi della suddetta
legge 29-6-1939, n. 1497, oppure già proposti per il vincolo dalle
competenti commissioni provinciali per la tutela delle bellezze
naturali e panoramiche, indicare tale circostanza, è invece necessario
indicare ampiamente i motivi che hanno indotto l’amministrazione ad
adottare il provvedimento, quando si tratti di inibire o di sospendere
lavori in località o su immobili non ancora sottoposti al vincolo in
parola.
In tali casi, che dovranno essere attentamente vagliati dalle
signorie loro allo scopo di non provocare interventi non pienamente
giustificabili, occorrerà corredare la richiesta di una chiara
relazione all’occorrenza illustrata graficamente e fotograficamente
con ampia descrizione dei caratteri delle opere da intraprendere o
intraprese e dei requisiti paesistici della zona, nonché con le
osservazioni sugli inconvenienti che verrebbero a prodursi per la
realizzazione delle opere stesse (ad esempio: occultamento di visuali,
contrasto con edifici circostanti, eliminazioni di zone arboree,
ecc.).
Resta inteso che nei casi di maggiore urgenza e gravità, le
richieste potranno essere avanzate a mezzo telegrafico, ma anche in
tal caso sarà necessario fornire i dettagli utili per una esauriente
motivazione dei provvedimenti da adottare.

Circolare 31/03/1961

Ingegneri.info