COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA | Ingegneri.info

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 29 novembre 2002: Art. 14, legge 11 febbraio 1994, n. 109 e successive modifiche ed integrazioni. Programma triennale dipartimento per i trasporti terrestri e per i sistemi informativi e statistici 2002-2004: verifica di compatibilita' con i documenti programmatori vigenti. (Deliberazione n. 105/2002). (GU n. 49 del 28-2-2003)

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

DELIBERAZIONE 29 novembre 2002

Art. 14, legge 11 febbraio 1994, n. 109 e successive modifiche ed
integrazioni. Programma triennale dipartimento per i trasporti
terrestri e per i sistemi informativi e statistici 2002-2004:
verifica di compatibilita’ con i documenti programmatori vigenti.
(Deliberazione n. 105/2002).

IL COMITATO INTERMINISTERIALE
PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

Vista la legge 11 febbraio 1994, n. 109, e successive modifiche ed
integrazioni, intitolata “legge quadro in materia di lavori
pubblici”, che, all’art. 14, pone a carico dei soggetti indicati
all’art. 2, comma 2, della stessa legge, con esclusione degli Enti ed
Amministrazioni locali e loro associazioni e consorzi, l’obbligo di
trasmettere a questo Comitato i programmi triennali dei lavori e gli
aggiornamenti annuali per la verifica della loro compatibilita’ con i
documenti programmatori vigenti;
Visto l’art. 7 della legge 17 maggio 1999, n. 144, che istituisce,
nell’ambito di questo comitato, l’Unita’ tecnica-finanza di progetto
con il compito di promuovere, all’interno delle pubbliche
amministrazioni l’utilizzo delle tecniche di finanziamento di
infrastrutture con il ricorso a capitali privati anche nell’ambito
dell’attivita’ di verifica prevista al citato art. 14 della legge n.
109/1994 e visto l’art. 57 della legge 23 dicembre 2000, n. 388, che
reca ulteriori disposizioni in tema di finanza di progetto;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 21 dicembre 1999,
n. 554, recante il regolamento di attuazione della citata legge
quadro in materia di lavori pubblici;
Visto il decreto del Ministro dei lavori pubblici 21 giugno 2000,
recante modalita’ e schemi-tipo per la redazione dei programmi
triennali, degli aggiornamenti annuali e dell’elenco annuale dei
lavori, e visto il decreto del Ministro dei lavori pubblici 4 agosto
2000, recante interpretazione autentica del decreto inizialmente
adottato;
Vista la nota n. MOT4/1119 del 24 aprile 2002 con la quale il
Ministero delle infrastrutture e dei trasporti – Dipartimento per i
trasporti terrestri e per i sistemi informativi e statistici – ha
trasmesso a questo Comitato il programma triennale in oggetto e
l’elenco annuale 2002 dei lavori, nonche’ la nota n. MOT4/2168 del 5
settembre 2002 con la quale e’ stato trasmesso l’aggiornamento degli
elaborati suddetti;
Ritenuto, in linea generale, che i documenti programmatori di
riferimento per la verifica di compatibilita’ prevista dall’art. 14
della legge n. 109/1994 siano da individuare nei documenti di
programmazione economico-finanziaria, nelle disposizioni per la
formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato e nelle
leggi pluriennali di spesa, nonche’ negli eventuali programmi
comunitari e nazionali relativi allo specifico settore;
Rilevato che il documento di programmazione economico-finanziaria
2003-2006 ribadisce la rilevanza del ricorso alla finanza di progetto
e stabilisce, in via generale, che una quota delle risorse ordinarie
per investimenti venga destinata al Mezzogiorno al fine di conferire
carattere di effettiva aggiuntivita’ agli appositi stanziamenti,
nazionali e comunitari, riservati a tale macro-area;
Rilevato che non esistono specifici documenti programmatori ne’
specifiche indicazioni per il settore all’esame;
Prende atto:
che il programma triennale del Ministero delle infrastrutture e
dei trasporti – Dipartimento per i trasporti terrestri e per i
sistemi informativi e statistici 2002-2004 prevede interventi di
nuova costruzione di uffici provinciali nonche’ interventi di
manutenzione straordinaria e di ampliamento delle strutture (centrale
e periferiche) e degli impianti esistenti, al fine di migliorarne la
qualita’ e la fruibilita’, per un importo complessivo di 31,254
Meuro;
che il programma in oggetto individua un fabbisogno globale per
le medesime tipologie di intervento di 60,348 Meuro, configurando
quindi un grado di soddisfazione rispetto al suddetto fabbisogno pari
al 52%;
che l’elenco annuale 2002 comprende 17 interventi per un importo
di 11,155 Meuro;
che la copertura finanziaria degli investimenti riportati nel
programma e’ assicurata dagli stanziamenti ordinari di bilancio
dell’Amministrazione di settore;
che il programma include interventi relativi agli uffici centrali
del Dipartimento per 13,178 Meuro (pari al 42% circa del totale) e
interventi riferiti agli uffici periferici per 18,075 Meuro (pari al
58% circa del totale);
che la quota riservata al Mezzogiorno e’ pari al 65% del totale,
considerando soltanto gli interventi per gli uffici periferici, e
pari al 39% considerando il complesso degli interventi;
che il programma, limitato – come esposto – ad interventi sul
patrimonio edilizio esistente e/o alla realizzazione di nuovi uffici
provinciali per il controllo autoveicoli, non prevede forme di
coinvolgimento di capitali privati;
che non sono rilevabili elementi di incompatibilita’ con le linee
generali di politica governativa di cui ai documenti programmatori
vigenti;
Delibera:
in relazione a quanto sopra, di esprimere – ai sensi dell’art. 14,
comma 11, della legge n. 109/1994 e successive modifiche ed
integrazioni – parere di compatibilita’ del programma triennale in
oggetto con i documenti programmatori vigenti;
Raccomanda al Ministro delle infrastrutture e dei trasporti:
di trasmettere tempestivamente a questo Comitato l’aggiornamento
del programma valido per il triennio 2003-2005, corredato da una
relazione che illustri lo stato di attuazione del programma all’esame
e ne evidenzi eventuali criticita’;
di valutare la possibilita’ di ricorso a forme di coinvolgimento
del capitale privato per il finanziamento dei lavori di cui al
suddetto programma, compatibilmente con la natura prevalentemente
manutentoria dei lavori stessi.
Roma, 29 novembre 2002

Il Presidente delegato
Tremonti
Il segretario del CIPE
Baldassarri

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

Ingegneri.info