COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 2 agosto 2002: Ulteriore finalizzazione di spesa a carico dell'accantonamento previsto dalle delibere CIPE n. 36/2002 | Ingegneri.info

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA – DELIBERAZIONE 2 agosto 2002: Ulteriore finalizzazione di spesa a carico dell’accantonamento previsto dalle delibere CIPE n. 36/2002

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 2 agosto 2002: Ulteriore finalizzazione di spesa a carico dell'accantonamento previsto dalle delibere CIPE n. 36/2002 e n. 39/2002. (Deliberazione n. 62/2002). (GU n. 261 del 7-11-2002)

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

DELIBERAZIONE 2 agosto 2002

Ulteriore finalizzazione di spesa a carico dell’accantonamento
previsto dalle delibere CIPE n. 36/2002 e n. 39/2002. (Deliberazione
n. 62/2002).

IL COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA
Visto il decreto-legge 22 ottobre 1992, n. 415, convertito nella
legge 19 dicembre 1992, n. 488, concernente modifiche alla legge 1
marzo 1986, n. 64, che disciplina l’intervento straordinario nel
Mezzogiorno;
Visto il decreto legislativo 3 aprile 1993, n. 96, concernente la
cessazione dell’intervento straordinario nel Mezzogiorno e, in
particolare, l’art. 19, comma 5, che istituisce un fondo cui
affluiscono le disponibilita’ di bilancio per il finanziamento delle
iniziative nelle aree depresse del Paese;
Visto il decreto-legge 8 febbraio 1995, n. 32, convertito nella
legge 7 aprile 1995, n. 104, recante norme per l’avvio
dell’intervento ordinario nelle aree depresse del territorio
nazionale;
Visti il decreto-legge 23 febbraio 1995, n. 41, convertito nella
legge 22 marzo 1995, n. 85, il decreto-legge 23 giugno 1995, n. 244,
convertito nella legge 8 agosto 1995, n. 341, il decreto-legge 23
ottobre 1996, n. 548, convertito nella legge 20 dicembre 1996, n.
641, il decreto-legge 25 marzo 1997, n. 67, convertito nella legge 23
maggio 1997, n. 135 e la legge 30 giugno 1998, n. 208, provvedimenti
tutti intesi a finanziare la realizzazione di iniziative dirette a
favorire lo sviluppo sociale ed economico delle aree depresse;
Vista la legge 23 maggio 1997, n. 135, recante disposizioni urgenti
per favorire l’occupazione;
Viste le leggi 23 dicembre 1998, n. 449 (finanziaria 1999), 23
dicembre 1999, n. 488 (finanziaria 2000) e 23 dicembre 2000, n. 388
(finanziaria 2001), che recano, fra l’altro, autorizzazioni di spesa
volte ad assicurare il rifinanziamento della predetta legge n.
208/1998 per la prosecuzione degli interventi nelle aree depresse;
Visto il decreto legislativo 21 aprile 2000, n. 185, recante
disposizioni volte a favorire l’autoimprenditorialita’ e
l’autoimpiego, in attuazione dell’art. 45, comma 1, della legge 17
maggio 1999, n. 144;
Vista la legge 28 dicembre 2001, n. 448 (legge finanziaria 2002),
che reca – in tabella D – un’autorizzazione di spesa complessivamente
pari, nel triennio 2002-2004, a 2.796,009 milioni di euro, a titolo
di rifinanziamento della predetta legge n. 208/1998;
Viste le proprie delibere 6 agosto 1999, n. 139 (Gazzetta Ufficiale
n. 254/1999), 15 febbraio 2000, n. 14 (Gazzetta Ufficiale n.
96/2000), 4 agosto 2000, n. 84 (Gazzetta Ufficiale n. 268/2000), 21
dicembre 2000 n. 138 (Gazzetta Ufficiale n. 34/2001) e 4 aprile 2001,
n. 48 (Gazzetta Ufficiale n. 142/2001);
Vista la propria delibera 28 marzo 2002, n. 17, che prevede, a
valere sulla predetta disponibilita’ complessiva di 2.796,009 milioni
di euro, la destinazione di una quota di 51,046 milioni di euro al
finanziamento di interventi a sostegno dell’occupazione per l’anno
2002;
Vista la propria delibera 3 maggio 2002, n. 36 (Gazzetta Ufficiale
n. 167/2002), con la quale – nel ripartire le risorse per interventi
nelle aree depresse recate dalla citata legge n. 448/2001 per il
triennio 2002-2004 – e’ stato accantonato, al punto 1.3, un importo
di 103,293 milioni di euro per assicurare l’attrazione e il sostegno
degli investimenti, nonche’ il supporto tecnico alle Amministrazioni
per la progettazione e la promozione d’impresa;
Vista la propria delibera 6 giugno 2002, n. 39, con la quale e’
stata destinata al finanziamento del prestito d’onore una quota di 23
milioni di euro per l’anno 2002 a carico dell’accantonamento
complessivo di 103,293 milioni di euro previsto al punto 1.3 della
citata delibera n. 36/2002, con contestuale rimodulazione della
relativa tabella di ripartizione;
Tenuto conto che, alla luce di tale destinazione di risorse,
l’entita’ complessiva del predetto accantonamento si riduce da
103,293 a 80,293 milioni di euro;
Tenuto conto di quanto previsto nel documento di programmazione
economico-finanziaria (DPEF) 2003-2006 in ordine alle specifiche
missioni demandate a Sviluppo Italia S.p.a. nel quadro delle azioni
di carattere generale volte ad elevare la qualita’ degli investimenti
pubblici, a modernizzare le amministrazioni pubbliche, ad offrire un
sistema semplificato di incentivi e ad attrarre investimenti;
Considerato che tali specifiche missioni demandate a Sviluppo
Italia S.p.a. si sostanziano: nel ruolo di advisor e di supporto
tecnico alle amministrazioni centrali, regionali e alle province
autonome, nella fase attuativa degli studi di fattibilita’ gia’
realizzati per alimentare progetti ed opere nella fase di massima
accelerazione del programma di investimenti pubblici a partire dal
2003-2004; nel supporto alle regioni per il miglioramento della
capacita’ e della qualita’ della committenza pubblica; nella
costruzione e nell’avvio di un programma pluriennale di marketing
mirato all’attrazione degli investimenti dall’esterno, concentrata
nel Mezzogiorno, in coerenza con le indicazioni contenute nel DPEF
2003-2006;
Vista la richiesta del Ministero dell’istruzione, universita’ e
ricerca n. 4328 del 21 giugno 2002, concernente il finanziamento del
programma triennale 2002-2004 volto ad assicurare la specializzazione
tecnica superiore giovanile nei settori dell’ICT (information
communication tecnology) e della meccatronica e per favorire
l’accesso al lavoro attraverso misure di accompagnamento nel quadro
della collaborazione multiregionale tra le regioni del Mezzogiorno e
del centro-nord e considerato che, nel corso della riunione
preparatoria del 30 luglio 2002, e’ stato concordato di destinare
allo scopo un finanziamento di 10 milioni di euro a carico
dell’accantonamento complessivo di 80,293 milioni di euro sopra
richiamato;
Ritenuto di finalizzare, nei termini su esposti, il predetto
accantonamento di 80,293 milioni di euro;
Considerato altresi’ che, nel corso della predetta riunione
preparatoria, e’ stata rappresentata, dal Sottosegretario di Stato
alle politiche agricole e forestali, l’esigenza di finanziare, con
urgenza, le iniziative volte a favorire l’imprenditorialita’
giovanile in agricoltura ed e’ stato in proposito concordato di
impegnare Sviluppo Italia S.p.a. perche’ destini ulteriori 85 milioni
di euro al finanziamento di tali iniziative previste dall’art. 3,
comma 9, della predetta legge n. 135/1997, il cui onere e’ posto a
carico delle risorse rinvenienti dai mutui di cui al fondo richiamato
dall’art. 25 del decreto legislativo n. 185/2000 sopra citato;
Udita la proposta del Ministro dell’economia e delle finanze;
Delibera:
1. L’importo di 80,293 milioni di euro indicato in premessa e’
destinato, in linea con la rimodulazione triennale prevista dalla
citata delibera n. 39/2002:
a) quanto a 70,293 milioni di euro, al finanziamento delle
attivita’ specifiche demandate a Sviluppo Italia S.p.a. nell’ambito
del DPEF 2003-2006, a titolo di assegnazione programmatica.
La destinazione definitiva di tali risorse e’ subordinata alla
presentazione a questo Comitato – entro il 31 ottobre 2002, su
proposta del Dipartimento per le politiche di sviluppo e di coesione,
di concerto con il Dipartimento del tesoro – di un programma quadro
di attivita’ predisposto da Sviluppo Italia S.p.a., volto al
raggiungimento degli obiettivi indicati in premessa, articolato
secondo le tre linee di intervento previste nel DPEF 2003-2006. Nel
programma quadro sara’ prevista la ripartizione del predetto importo
tra le tre linee di intervento e saranno definite le modalita’ per
l’effettiva messa a disposizione delle risorse.
Il programma quadro viene realizzato attraverso tre programmi
operativi che attuano ciascuna delle seguenti linee di attivita’:
attivita’ di advisor e di supporto tecnico alle amministrazioni
centrali, alle regioni e alle province autonome, nella fase attuativa
degli studi di fattibilita’, a partire da quelli gia’ conclusi, quale
strumento atto a migliorare la qualita’ e l’efficacia della spesa
pubblica e ad alimentare progetti ed opere nella fase di massima
accelerazione del programma di investimenti pubblici a partire dal
2003-2004;
ruolo di supporto alle regioni e alle province autonome per il
miglioramento della capacita’ e della qualita’ della committenza
pubblica;
predisposizione ed avvio di un programma pluriennale di marketing
volto all’attrazione di investimenti dall’esterno, concentrata nel
Mezzogiorno, nel quadro di un sistema di incentivazione semplificato,
flessibile ed adeguato alle esigenze del territorio. Sviluppo Italia
S.p.a. garantira’ la gestione integrata e coordinata delle diverse
fasi del processo di localizzazione, anche attraverso l’articolazione
territoriale della propria struttura e d’intesa con le regioni e le
province autonome interessate.
Tali programmi operativi saranno inviati da Sviluppo Italia S.p.a.,
entro il 31 dicembre 2002, al Dipartimento per le politiche di
sviluppo e di coesione per la loro approvazione, di concerto con le
altre amministrazioni interessate;
b) quanto a 10 milioni di euro, al Ministero dell’istruzione,
universita’ e ricerca per il finanziamento del programma di
formazione, di durata triennale e di costo complessivo pari a 74,485
milioni di euro, volto a far conseguire una specializzazione tecnica
superiore a 4.500 giovani nei settori dell’ICT (information
communication tecnology) e della …

[Continua nel file zip allegato]

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA – DELIBERAZIONE 2 agosto 2002: Ulteriore finalizzazione di spesa a carico dell’accantonamento previsto dalle delibere CIPE n. 36/2002

Ingegneri.info