COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 22 luglio 2010 | Ingegneri.info

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA – DELIBERAZIONE 22 luglio 2010

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA - DELIBERAZIONE 22 luglio 2010 - Assegnazione a carico del Fondo infrastrutture, dell'importo complessivo di 560 milioni di euro per il finanziamento di servizi erogati da Anas e da RFI.( Deliberazione n.64/2010) (11A00104) (GU n. 7 del 11-1-2011 )

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA

DELIBERAZIONE 22 luglio 2010

Assegnazione a carico del Fondo infrastrutture, dell’importo
complessivo di 560 milioni di euro per il finanziamento di servizi
erogati da Anas e da RFI.( Deliberazione n.64/2010) (11A00104)

IL CIPE

Vista la legge 27 dicembre 2002, n. 289 (legge finanziaria 2003),
che agli articoli 60 e 61 ha istituito, presso il Ministero
dell’economia e delle finanze, il Fondo aree sottoutilizzate (FAS),
da ripartire a cura di questo Comitato con apposite delibere adottate
sulla base dei criteri specificati al comma 3 dello stesso articolo
61;
Visto il decreto-legge 25 giugno 2008, n. 112, convertito, con
modificazioni, dalla legge 6 agosto 2008, n. 133, che, all’articolo
6-quinquies, ha istituito nello stato di previsione del Ministero
dello sviluppo economico, a decorrere dall’anno 2009, un Fondo per il
finanziamento, in via prioritaria, di interventi finalizzati al
potenziamento della rete infrastrutturale di livello nazionale,
comprese le reti di telecomunicazione e quelle energetiche (c.d.
«Fondo infrastrutture»), prevedendo che il Fondo stesso sia
alimentato con gli stanziamenti nazionali assegnati per l’attuazione
del Quadro strategico nazionale 2007-2013, e prevedendo che il
relativo schema di delibera di ripartizione – adottato da questo
Comitato su proposta del Ministero dello sviluppo economico d’intesa
con il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, sentita la
Conferenza unificata di cui all’articolo 8 del decreto legislativo 28
agosto 1997, n. 281, e s.m.i. – sia trasmesso al Parlamento per il
parere delle Commissioni competenti per materia e per i profili di
carattere finanziario;
Visto il decreto-legge 29 novembre 2008, n. 185, convertito, con
modificazioni, dalla legge 28 gennaio 2009, n. 2, e visti in
particolare:
l’art. 18, comma 1, che demanda a questo Comitato, su proposta
del Ministro dello sviluppo economico, formulata di concerto con il
Ministro dell’economia e delle finanze e con il Ministro per le
infrastrutture ed i trasporti, ed in coerenza con gli indirizzi
assunti in sede europea, l’assegnazione di una quota delle risorse
nazionali disponibili del Fondo aree sottoutilizzate al Fondo
infrastrutture di cui al citato art. 6-quinquies, anche per la messa
in sicurezza delle scuole, per le opere di risanamento ambientale,
per l’edilizia carceraria, per le infrastrutture museali ed
archeologiche, per l’innovazione tecnologica e le infrastrutture
strategiche per la mobilita’, fermo restando il vincolo di destinare
alle Regioni del Mezzogiorno l’85 per cento delle risorse ed il
restante 15 per cento alle Regioni del Centro-Nord e considerato che
il rispetto di tale vincolo di destinazione viene assicurato nel
complesso delle assegnazioni disposte a favore delle Amministrazioni
centrali;
il predetto articolo 18, comma 4-ter, l’art. 25, commi 1 e 2, e
l’art. 26, che dispongono specifiche riserve a valere sulla dotazione
del citato Fondo infrastrutture;
Vista la delibera 18 dicembre 2008, n. 112 (Gazzetta Ufficiale n.
50/2009 S.O.), con la quale questo Comitato ha proceduto ad una
ricognizione aggiornata della dotazione del Fondo per le aree
sottoutilizzate (FAS), ed ha assegnato al Fondo infrastrutture, di
cui all’articolo 6 quinquies del decreto legge n. 112/2008, 7.356
milioni di euro, al lordo delle preallocazioni richiamate nella
delibera stessa;
Vista la delibera 6 marzo 2009, n. 3, (Gazzetta Ufficiale n.
129/2009), con la quale questo Comitato ha assegnato al Fondo
infrastrutture ulteriori 5.000 milioni di euro, per interventi di
competenza del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti, di cui
1.000 milioni di euro destinati al finanziamento di interventi per la
messa in sicurezza degli edifici scolastici e 200 milioni di euro
riservati al finanziamento di interventi di edilizia carceraria;
Vista la delibera 6 novembre 2009, n. 83, sulla quale la Conferenza
unificata ha espresso parere favorevole nella seduta dell’8 luglio
2010 e con la quale questo Comitato ha apportato ulteriori modifiche
al quadro di dettaglio degli interventi da attivare a partire
dall’anno 2009 gia’ approvato con le precedenti delibere 6 marzo
2009, n. 10 (Gazzetta Ufficiale n. 78/2009), 26 giugno 2009, n. 51
(Gazzetta Ufficiale n. 14/2010 S.O.) e 15 luglio 2009, n. 52
(Gazzetta Ufficiale n. 14/2010 S.O.);
Vista la delibera 13 maggio 2010, n. 31, con la quale questo
Comitato ha individuato le priorita’ settoriali cui destinare – con
delibere di questo Comitato stesso, secondo modalita’ temporali
compatibili con i vincoli di finanza pubblica correlati all’utilizzo
delle risorse del FAS e nel rispetto della chiave di riparto tra
Regioni del Centro-Nord e del Mezzogiorno – il residuo disponibile
del Fondo infrastrutture, quantificato in 1.424,2 milioni di euro;
Vista la nota 16 luglio 2010, n. 31033, con la quale il Ministero
delle infrastrutture e dei trasporti ha chiesto l’inserimento
all’ordine del giorno della prima riunione utile del Comitato, tra
l’altro, dell’assegnazione di risorse, a valere sul citato ammontare
residuo del Fondo infrastrutture, a favore di ANAS S.p.A. e di Rete
Ferroviaria Italiana S.p.A. (RFI);
Vista, in particolare, la proposta – trasmessa in allegato alla
suddetta nota – relativa all’assegnazione di 292 milioni di euro a
favore del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti per il
finanziamento dei servizi erogati da RFI nei confronti dello Stato;
Vista la nota 20 luglio 2010, n. 31451, con la quale il succitato
Ministero ha trasmesso la proposta relativa all’assegnazione di 258
milioni di euro a favore di ANAS s.p.a., per il finanziamento degli
interventi di manutenzione straordinaria della rete stradale e per il
rimborso delle rate di ammortamento dei mutui di cui al Contratto di
programma 2003-2005;
Vista la nota 21 luglio 2010, n. 31645, con la quale il Ministro
delle infrastrutture e dei trasporti, ha trasmesso una nuova proposta
concernente l’assegnazione a favore di ANAS s.p.a. del maggior
importo di 268 milioni di euro, da imputare sul predetto residuo
disponibile del Fondo infrastrutture;
Considerato che tra le priorita’ settoriali di cui alla richiamata
delibera n. 31/2010 figurano le «opere manutentive della rete
stradale e ferroviaria», al cui finanziamento puo’ essere destinato –
nell’ambito della richiamata disponibilita’ residua del Fondo
infrastrutture – un importo complessivo non superiore a 560 milioni
di euro;
Considerato che il Contratto di programma – parte investimenti
2007-2011 di RFI S.p.A., gestore dell’infrastruttura ferroviaria, sul
cui «aggiornamento 2009» questo Comitato ha espresso parere
favorevole con delibera 13 maggio 2010, n. 27, prevede che Ministero
delle infrastrutture e dei trasporti e RFI disciplinino con apposito
Contratto di programma i “servizi” che RFI stessa deve rendere e i
relativi corrispettivi;
Considerato che per garantire l’erogazione di tali servizi, nelle
more del perfezionamento del relativo Contratto di programma – parte
servizi relativo al periodo 2011-2013, il Ministero delle
infrastrutture e dei trasporti ha proposto la richiamata assegnazione
di 292 milioni di euro destinata alla manutenzione ordinaria;
Considerato, come rappresentato nella delibera di questo Comitato 6
novembre 2009, n. 84, relativa all’assegnazione di un finanziamento
per garantire i servizi di trasporto ferroviario di passeggeri a
media e lunga percorrenza nel quadro del Contratto di servizio da
sottoscrivere con Trenitalia S.p.A., che la nozione di infrastruttura
strategica per la mobilita’, indicata tra le finalita’ del Fondo
infrastrutture dalla citata legge n. 2/2009, articolo 18, comma 1,
lettera b), va riferita anche ai servizi connessi con le
infrastrutture fisiche;
Considerato che il Ministero delle infrastrutture e dei trasporti
ha altresi’ proposto l’assegnazione di 268 milioni di euro a favore
di ANAS S.p.A. per garantire la realizzazione di interventi di
manutenzione straordinaria ed il rimborso delle rate di ammortamento
dei mutui di cui al suddetto contratto di programma 2003-2005;
Ritenuto quindi di dover accogliere le suddette proposte;
Su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei trasporti;
Acquisita in seduta l’intesa del Ministro dell’economia delle
finanze;

Delibera

1. Al fine di garantire i servizi erogati da RFI S.p.A. concernenti
la regolare disponibilita’ della rete ferroviaria, e’ disposta
l’assegnazione, a favore del Ministero delle infrastrutture e dei
trasporti, dell’importo di 292 milioni di euro a carico delle
disponibilita’ residue del Fondo infrastrutture di cui alla delibera
di questo Comitato n. 31/2010 e, in particolare, nell’ambito delle
priorita’ strutturali di cui alla voce «opere manutentive della rete
stradale e ferroviaria».
2. Al fine di assicurare la piena operativita’ di ANAS S.p.A., ed
in particolare per la realizzazione degli interventi di manutenzione
straordinaria della rete stradale e per il rimborso delle rate di
ammortamento dei mutui contratti dalla stessa ANAS S.p.A. nell’ambito
del contratto di programma 2003-2005, e’ disposta l’assegnazione, a
favore di ANAS S.p.A., dell’importo di 268 milioni di euro a carico
delle disponibilita’ residue del Fondo infrastrutture di cui alla
delibera di questo Comitato n. 31/2010 e, in particolare, nell’ambito
delle priorita’ strutturali di cui alla voce “opere manutentive della
rete stradale e ferroviaria”.
Lo schema di contratto di programma 2010 di ANAS S.p.A., sottoposto
all’esame di questo Comitato nell’odierna seduta, dovra’ essere
adeguato, riportando all’art. 1, comma 1, l’importo dell’assegnazione
disposta con la presente delibera.
3. Le assegnazioni di cui ai punti 1 e 2 sono subordinate alla
comunicazione, da parte del Ministero delle infrastrutture e dei
trasporti entro 60 giorni dalla data di pubblicazione della presente
delibera in Gazzetta Ufficiale, delle percentuali di risorse
destinate alle Regioni del Centro-Nord e a quelle del Mezzogiorno,
nel rispetto della chiave di riparto del Fondo infrastrutture, che
potra’ essere individuata nell’ambito dell’intero Fondo come
precisato al punto 2.1 della richiamata delibera di questo Comitato
n. 31/2010.
4. I finanziamenti di cui ai suddetti punti 1 e 2 saranno erogati
secondo modalita’ temporali compatibili con i vincoli di finanza
pubblica correlati all’utilizzo delle risorse del FAS.

Roma, 22 luglio 2010

Il Presidente: Berlusconi

Il segretario: Micciche’

Registrato alla Corte dei conti il 29 dicembre 2010
Ufficio controllo Ministeri economico-finanziari,registro n.9,
Economia e finanze, foglio 36

COMITATO INTERMINISTERIALE PER LA PROGRAMMAZIONE ECONOMICA – DELIBERAZIONE 22 luglio 2010

Ingegneri.info