DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 13 dicembre 2007 | Ingegneri.info

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 13 dicembre 2007

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 13 dicembre 2007 - Esclusione, limitatamente all'anno 2007, dal saldo finanziario utile per il rispetto del patto di stabilita' interno delle spese, in conto capitale e di parte corrente, sostenute dai comuni per il completamento dell'attuazione delle ordinanze emanate dal Presidente del Consiglio dei Ministri a seguito di dichiarazione dello stato di emergenza. Articolo 1-bis del decreto-legge 2 luglio 2007, n. 81, convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2007, n. 127. (GU n. 10 del 12-1-2008)

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 13 dicembre 2007

Esclusione, limitatamente all’anno 2007, dal saldo finanziario utile
per il rispetto del patto di stabilita’ interno delle spese, in conto
capitale e di parte corrente, sostenute dai comuni per il
completamento dell’attuazione delle ordinanze emanate dal Presidente
del Consiglio dei Ministri a seguito di dichiarazione dello stato di
emergenza. Articolo 1-bis del decreto-legge 2 luglio 2007, n. 81,
convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2007, n. 127.

IL PRESIDENTE
DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI
Visto l’articolo 5, della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto l’articolo 107 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
Visto il decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con
modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401;
Visto l’articolo 1-bis del decreto-legge 2 luglio 2007, n. 81,
convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2007, n. 127, il
quale prevede che «limitatamente all’anno 2007, nel saldo finanziario
utile per il rispetto di stabilita’ interno non sono considerate le
spese in conto capitale e di parte corrente sostenute dai comuni per
il completamento dell’attuazione delle ordinanze emanate dal
Presidente del Consiglio dei Ministri a seguito di dichiarazione
dello stato di emergenza. Con decreto del Presidente del Consiglio
dei Ministri sono individuate le spese di cui al periodo precedente,
i comuni interessati e la misura riconosciuta a favore di ogni
singolo comune entro l’importo complessivo di 5 milioni di euro per
l’anno 2007»;
Vista la nota del 9 ottobre 2007, prot. n. DPC/CG/59206, con la
quale il Dipartimento della protezione civile ha interessato la
regione autonoma Friuli Venezia-Giulia con funzione di Capofila per
la protezione civile, allo scopo di ottenere elementi informativi
circa l’elenco dei comuni interessati dalle dichiarazioni dello stato
di emergenza nonche’ le spese sostenute in relazione alla predetta
normativa;
Visti la nota del 9 ottobre 2007, prot. n. PC/14375/CPC, con la
quale la regione autonoma del Friuli Venezia-Giulia ha richiesto alle
restanti regioni l’elenco dei comuni interessati da dichiarazioni di
stato di emergenza e la comunicazione delle spese, suddivise per
parte corrente ed in conto capitale, dagli stessi sostenute nell’anno
2007 per l’attuazione di ordinanze di protezione civile;
Viste le segnalazioni pervenute dalle regioni Abruzzo, Basilicata,
Campania, Emilia Romagna, Friuli Venezia-Giulia, Liguria, Lombardia,
Marche, Molise, Piemonte, Puglia, Toscana, Umbria, Valle d’Aosta,
Veneto e delle province autonome di Trento e di Bolzano;
Vista la nota del Capo Dipartimento della protezione civile con il
quale si sintetizzano gli esiti dell’istruttoria effettuata e si
propone l’adozione del presente provvedimento;
Ritenuto di dover consentire, ai sensi della normativa in premessa,
a ciascun comune di cui all’elenco allegato, di non considerare, nel
saldo finanziario utile per il rispetto del patto di stabilita’
interno per l’anno 2007, gli importi ivi indicati, determinati in
misura proporzionale all’importo complessivo delle spese, suddivise
per parte corrente ed in conto capitale, per l’attuazione di
ordinanze di protezione civile;
Decreta:
Ai sensi e per gli effetti dell’articolo 1-bis del decreto-legge
2 luglio 2007, n. 81, convertito, con modificazioni, dalla legge
3 agosto 2007, n. 127, ai comuni indicati nell’unito prospetto, che
costituisce parte integrante e sostanziale del presente decreto, e’
consentito di non considerare, nel saldo finanziario utile per il
rispetto del patto di stabilita’ interno, relativo all’esercizio
finanziario 2007, i valori indicati nella colonna denominata «Importo
da non considerare ai fini del patto di stabilita».
Il presente decreto sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 13 dicembre 2007
Il Presidente: Prodi

Allegato

—-> Vedere allegato da pag. 7 a pag. 11

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 13 dicembre 2007

Ingegneri.info