DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 28 luglio 2010 | Ingegneri.info

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 28 luglio 2010

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 28 luglio 2010 - Determinazione di talune categorie escluse dall'obbligo di identificazione. (10A11377) (GU n. 225 del 25-9-2010 )

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 28 luglio 2010

Determinazione di talune categorie escluse dall’obbligo di
identificazione. (10A11377)

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Vista la legge 23 agosto 1988, n. 400, recante disciplina
dell’attivita’ di Governo e ordinamento della Presidenza del
Consiglio dei Ministri;
Visto l’art. 55-novies, comma 2, del decreto legislativo 30 marzo
2001, n. 165, come introdotto dall’art. 69, comma 1, del decreto
legislativo 27 ottobre 2009, n. 150 secondo cui e’ escluso
dall’obbligo di identificazione di cui al comma 1 «Il personale
individuato da ciascuna amministrazione sulla base di categorie
determinate, in relazione ai compiti ad esse attribuiti, mediante uno
o piu’ decreti del Presidente del Consiglio dei Ministri o del
Ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione, su proposta
del Ministro competente»;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica in data 7 maggio
2008, con il quale l’on. prof. Renato Brunetta e’ stato nominato
Ministro senza portafoglio;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
8 maggio 2008, con il quale al predetto Ministro senza portafoglio e’
stato conferito l’incarico per la pubblica amministrazione e
l’innovazione;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
13 giugno 2008, recante delega di funzioni al Ministro senza
portafoglio per le riforme e le innovazioni nella pubblica
amministrazione, prof. on. Renato Brunetta;
Sulla proposta del Ministro degli affari esteri, del Ministro
dell’economia e delle finanze e del Ministro dell’interno;

Decreta:

Art. 1

Dall’obbligo di identificazione di cui all’art. 55-novies, comma 1,
del decreto legislativo 30 marzo 2001, n. 165, come introdotto
dall’art. 69 del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n. 150, sono
esclusi:
a) i dipendenti del Ministero degli affari esteri individuati con
provvedimento adottato dal direttore generale competente nell’ambito
del personale in servizio all’estero, nelle sedi caratterizzate da
particolari rischi connessi alla specifica situazione ambientale;
b) i dipendenti dell’Agenzia delle dogane che svolgono attivita’
di polizia giudiziaria su delega dell’autorita’ competente;
c) il personale dell’Agenzia delle dogane assegnato all’ufficio
centrale antifrode e agli uffici antifrode delle strutture
territoriali, ad eccezione dei dirigenti, del personale in servizio
presso la segreteria e dei funzionari preposti alla trattazione delle
domande di tutela dei diritti di proprieta’ intellettuale;
d) il personale dell’amministrazione civile del Ministero
dell’interno impiegato negli uffici di polizia, qualora svolga la
propria attivita’ congiuntamente ad operatori di polizia e in settori
a contatto con il pubblico.
Il presente decreto e’ inviato ai competenti organi di controllo e
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 28 luglio 2010

p. Il Presidente
del Consiglio dei Ministri
Brunetta

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 28 luglio 2010

Ingegneri.info