DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 7 maggio 2008 | Ingegneri.info

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 7 maggio 2008

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 7 maggio 2008 - Adeguamento del trattamento economico del personale non contrattualizzato a decorrere dal 1° gennaio 2008. (GU n. 178 del 31-7-2008 )

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 7 maggio 2008

Adeguamento del trattamento economico del personale non
contrattualizzato a decorrere dal 1° gennaio 2008.

IL PRESIDENTE
DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Visto l’art. 24, comma 1, della legge 23 dicembre 1998, n. 448,
secondo il quale la retribuzione delle categorie di personale non
contrattualizzato ivi indicate e’ adeguata di diritto annualmente in
ragione degli incrementi medi, calcolati dall’Istituto nazionale di
statistica, conseguiti nell’anno precedente dalle categorie di
pubblici dipendenti contrattualizzati sulle voci retributive, ivi
compresa l’indennita’ integrativa speciale, utilizzate dal medesimo
Istituto per l’elaborazione degli indici delle retribuzioni
contrattuali;
Visto l’art. 24, comma 2, della legge 23 dicembre 1998, n. 448,
secondo il quale la percentuale dell’adeguamento annuale e’
determinata entro il 30 aprile di ciascun anno con decreto del
Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta dei Ministri per
la funzione pubblica e del tesoro, del bilancio e della
programmazione economica;
Visto l’art. 1, comma 576, della legge 27 dicembre 2006, n. 296,
recante misure di contenimento, per gli anni 2007 e 2008, del
trattamento economico del personale non contrattualizzato con
retribuzioni complessivamente superiori a 53.000 euro annui lordi;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 27
aprile 2007, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 183 dell’8 agosto
2007, con il quale e’ stato determinato l’adeguamento del trattamento
economico dal 1° gennaio 2007 nella misura del 4,28 per cento,
corrisposto per intero al personale con retribuzioni complessivamente
inferiori a 53.000 euro annui lordi e nella misura del 70 per cento
al restante personale;
Visto l’art. 3, comma 66, della legge 24 dicembre 2007, n. 244, che
ha modificato l’art. 1, comma 576, della legge 27 dicembre 2006,
n. 296, nel senso di limitare le misure di contenimento del
trattamento economico del personale interessato al solo anno 2007 e,
conseguentemente, di applicare l’indice di adeguamento per l’anno
2008 nella misura piena con reintegro della base di calcolo su cui
applicarlo, senza pero’ dare luogo a conguagli;
Vista la nota dell’Istituto nazionale di statistica in data 26
marzo 2008, n. SP/3l4.2008, con la quale si comunica che la
variazione media degli incrementi retributivi realizzati nel 2007
rispetto al 2006 e’ risultata pari a 1,77 per cento;
Visto il decreto legislativo 30 luglio 1999, n. 300, e successive
modifiche ed integrazioni;
Vista la legge 14 gennaio 1994, n. 20;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 15
giugno 2006, con il quale il Ministro per le riforme e le innovazioni
nella pubblica amministrazione e’ stato delegato ad esercitare le
funzioni attribuite al Presidente del Consiglio dei Ministri in
materia di lavoro pubblico, nonche’ l’organizzazione, il riordino ed
il funzionamento delle pubbliche amministrazioni;
Sulla proposta dei Ministri per le riforme e le innovazioni nella
pubblica amministrazione e dell’economia e delle finanze;

Decreta:

Art. 1.

1. Gli stipendi, l’indennita’ integrativa speciale e gli assegni
fissi e continuativi dei docenti e dei ricercatori universitari, del
personale dirigente della Polizia di Stato e gradi di qualifiche
corrispondenti, dei Corpi di Polizia civili e militari, dei
colonnelli e generali delle Forze armate in godimento alla data del
1° gennaio 2007 sono aumentati, a decorrere dal 1° gennaio 2008, in
misura percentuale pari all’1,77 per cento, considerando nella base
di calcolo dell’anno 2007 l’aumento del 4,28% anche per il personale
con retribuzioni complessivamente superiori a 53.000 euro annui
lordi.

Art. 2.

l. All’onere derivante dall’attuazione del presente decreto,
valutato in complessivi 119 milioni di euro a decorrere dall’anno
2008, si provvede:
quanto a 35 milioni di euro mediante riduzione
dell’autorizzazione di spesa prevista dall’art. 3, comma 133, della
legge 24 dicembre 2007, n. 244, iscritta nell’ambito della missione
«Fondi da ripartire» – Programma «Fondi da assegnare» – U.P.B.
25.1.3. «Oneri comuni di parte corrente» sul capitolo 3027 dello
stato di previsione del Ministero dell’economia e delle finanze per
l’anno 2008;
quanto a 84 milioni di euro mediante utilizzo di quota parte
delle risorse indicate all’art. 2, comma 428, della legge 24 dicembre
2007, n. 244, quale concorso dello Stato agli oneri lordi per
adeguamenti retributivi iscritte nell’ambito della missione
«Istruzione universitaria» – Programma «Sistema universitario e
formazione post-universitaria» – U.P.B. 1.3.2 «Interventi» sul
capitolo 1699 dello stato di previsione del Ministero
dell’universita’ e della ricerca per l’anno 2008 da riconoscere alle
singole istituzioni con le modalita’ e le condizioni previste dal
medesimo art. 2, comma 428.
2. Il Ministro dell’economia e delle finanze e’ autorizzato ad
apportare, con propri decreti, le necessarie variazioni di bilancio.
Il presente decreto sara’ trasmesso alla Corte dei conti per la
registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana.
Roma, 7 maggio 2008

p. Il Presidente
del Consiglio dei Ministri
Il Ministro per le riforme e le innovazioni
nella pubblica amministrazione
Nicolais

Il Ministro dell’economia
e delle finanze Padoa
Schioppa

Registrato alla Corte dei conti il 25 giugno 2008 Ministeri
istituzionali, Presidenza del Consiglio dei Ministri, registro n. 8,
foglio n. 71

DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 7 maggio 2008

Ingegneri.info