DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 Settembre 2007, n. 227 - Regolamento recante le modalita' di ripartizione e di erogazione del fondo per le misure di accompagnamento della riforma dell'autotrasporto di merci e per lo sviluppo della logistica. (GU n. 287 del 11-12-2007 | Ingegneri.info

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 Settembre 2007, n. 227 – Regolamento recante le modalita’ di ripartizione e di erogazione del fondo per le misure di accompagnamento della riforma dell’autotrasporto di merci e per lo sviluppo della logistica. (GU n. 287 del 11-12-2007

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 Settembre 2007, n. 227 - Regolamento recante le modalita' di ripartizione e di erogazione del fondo per le misure di accompagnamento della riforma dell'autotrasporto di merci e per lo sviluppo della logistica. (GU n. 287 del 11-12-2007 )

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 Settembre 2007 , n. 227

Regolamento recante le modalita’ di ripartizione e di erogazione del
fondo per le misure di accompagnamento della riforma
dell’autotrasporto di merci e per lo sviluppo della logistica.

Capo IDisposizioni generali

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visto l’articolo 87, quinto comma, della Costituzione;
Visto l’articolo 1, comma 108, della legge 23 dicembre 2005, n.
266, che al fine di agevolare il processo di riforma del settore
dell’autotrasporto merci, previsto dalla legge 1° marzo 2005, n. 32,
favorendo la riqualificazione del sistema imprenditoriale anche
mediante la crescita dimensionale delle imprese, ha istituito nello
stato di previsione di spesa del Ministero delle infrastrutture e dei
trasporti un fondo denominato “Fondo per le misure di accompagnamento
della riforma dell’autotrasporto di merci e per lo sviluppo della
logistica” con una dotazione iniziale di 80 milioni di euro,
stabilendo, con regolamento da emanarsi ai sensi dell’articolo 17,
comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400, su proposta del Ministro
dei trasporti, le modalita’ di utilizzazione del “Fondo”;
Visto l’articolo 1, comma 916, della legge 27 dicembre 2006, n.
296, in base al quale il 40 per cento delle disponibilita’
finanziarie del Fondo istituito dall’articolo 1, comma 108, della
legge 23 dicembre 2005, n. 266, deve essere destinato alla
realizzazione ed al completamento di strutture logistiche intermodali
di I livello, le cui opere e servizi sono gia’ previsti dai piani
regionali di trasporti;
Visto l’articolo 1, comma 920, della legge 27 dicembre 2006, n.
296, che prevede il prelevamento di 42 milioni di euro dalla
dotazione iniziale del Fondo di cui al citato articolo 1, comma 108,
della legge 23 dicembre 2005, n. 266, da destinare alla misura
prevista all’articolo 1, comma 105, della stessa legge;
Visto l’articolo 1, comma 1223, della legge 27 dicembre 2006, n.
296, ai sensi del quale i destinatari degli aiuti di cui
all’articolo 87 del Trattato istitutivo della Comunita’ europea
possono avvalersi di tali misure agevolative solo se dichiarano, ai
sensi dell’articolo 47 del testo unico di cui al decreto del
Presidente della Repubblica 28 dicembre 2000, n. 445, e secondo le
modalita’ stabilite con decreto del Presidente del Consiglio dei
Ministri, da pubblicare nella Gazzetta Ufficiale, di non rientrare
fra coloro che hanno ricevuto e, successivamente, non rimborsato, o
depositato in un conto bloccato, gli aiuti che sono individuati quali
illegali o incompatibili dalla Commissione europea, e specificati nel
decreto di cui al comma medesimo;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
23 maggio 2007, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 160 del
12 luglio 2007, che da’ attuazione al citato articolo 1, comma 1223,
della legge 27 dicembre 2006, n. 296;
Visto l’articolo 6, comma 8, del decreto-legge 28 dicembre 2006, n.
300, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 2007, n.
17, ai sensi del quale le somme stanziate dall’articolo 1, comma 108,
della legge 23 dicembre 2005, n. 266, non impegnate entro il
31 dicembre 2006, sono mantenute in bilancio nel conto residui per
essere versate in entrata nell’anno successivo, ai fini della
riassegnazione allo stato di previsione del Ministero dei trasporti e
che il regolamento di cui all’articolo 1, comma 108, della legge
23 dicembre 2005, n. 266, e’ emanato entro il 30 giugno 2007;
Visto l’articolo 12 del decreto-legge 2 luglio 2007, n. 81,
convertito, con modificazioni, dalla legge 3 agosto 2007, n. 127;
Visto l’articolo 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400;
Visto il trattato istitutivo dell’Unione europea, ed in particolare
l’articolo 87;
Vista la disciplina comunitaria in materia di aiuti di Stato, ed,
in particolare il regolamento (CE) n. 659/1999 del Consiglio, del
22 marzo 1999, recante modalita’ di applicazione dell’articolo 93 del
Trattato CE;
Vista la notifica effettuata alla Commissione europea ai sensi
dell’articolo 88, terzo paragrafo del Trattato istitutivo della
Comunita’ europea, in data 4 giugno 2007;
Considerata l’esigenza di favorire lo sviluppo dell’intermodalita’
e la strutturazione delle imprese di autotrasporto;
Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri,
adottata nella riunione del 5 giugno 2007;
Udito il parere del Consiglio di Stato, reso dalla Sezione
consultiva per gli atti normativi nell’Adunanza del 27 agosto 2007;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 21 settembre 2007;
Sulla proposta del Ministro dei trasporti, di concerto con il
Ministro dell’economia e delle finanze;

E m a n a
il seguente regolamento:
Art. 1.
Ambito d’applicazione e definizioni

1. Le disposizioni del presente regolamento disciplinano le
modalita’ di ripartizione e di erogazione del Fondo per misure di
accompagnamento della riforma dell’autotrasporto di merci e per lo
sviluppo della logistica, di cui all’articolo 1, comma 108, della
legge 23 dicembre 2005, n. 266, relativamente alla quota residua di
38 milioni di euro, non impegnata entro il 31 dicembre 2006 e
riassegnata allo stato di previsione del Ministero dei trasporti ai
sensi dell’articolo 6, comma 8, del decreto-legge 28 dicembre 2003,
n. 300, convertito, con modificazioni, dalla legge 26 febbraio 2007,
n. 17.
2. Il 40 per cento della somma di cui al comma 1, pari a 15,2
milioni di euro, e’ destinato alla realizzazione ed al completamento
di strutture logistiche intermodali di I livello, le cui opere e
servizi sono gia’ previsti dai piani regionali di trasporti, ai sensi
dell’articolo 1, comma 916, della legge 27 dicembre 2006, n. 296.
3. Ai fini del presente regolamento si intende:
a) per impresa di autotrasporto: l’impresa iscritta all’Albo
nazionale delle persone fisiche e giuridiche che esercitano
l’autotrasporto di cose per conto di terzi, ovvero l’impresa non
stabilita in Italia, abilitata ad eseguire attivita’ di autotrasporto
internazionale o di cabotaggio stradale in territorio italiano che e’
parte di un contratto di trasporto di merci su strada;
b) per catene logistiche: l’insieme della capacita’ di
integrazione sistemica tra i vari soggetti che intervengono nel ciclo
complesso del trasporto sia sotto il profilo infrastrutturale che
tecnologico;
c) per miglioramento ambientale: la realizzazione di standards
piu’ elevati di quelli prescritti dalla disciplina vigente in materia
di emissioni gassose, acustiche, elettromagnetiche e quant’altro
necessario al raggiungimento degli obbiettivi fissati in materia di
tutela dell’ambiente;
d) per strutture logistiche intermodali di I livello: gli
interporti di Bologna, Livorno, Marcianise Nola, Orbassano, Padova,
Parma, Rivalta Scrivia e Verona.

Avvertenza:
Il testo delle note qui pubblicato e’ stato redatto
dall’amministrazione competente per materia, ai sensi
dell’art. 10, comma 3, del testo unico delle disposizioni
sulla promulgazione delle leggi, sull’emanazione dei
decreti del Presidente della Repubblica e sulle
pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo
fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge
alle quali e’ operato il rinvio. Restano invariati il
valore e l’efficacia degli atti legislativi qui trascritti
Note alle premesse:
– L’art. 87, quinto comma, della costituzione
conferisce al Presidente della Repubblica il potere di
promulgare le leggi ed emanare i decreti aventi valore di
legge e i regolamenti.
– Il testo dell’art. 1, commi 108 e 105 della legge
23 dicembre 2005, n. 266 recante �Disposizioni per la
formazione del bilancio annuale e pluriennale dello Stato
(legge finanziaria 2006)�, pubblicata nel supplemento
ordinario n. 302 alla Gazzetta Ufficiale 29 dicembre 2005,
e’ il seguente:
�108. Al fine di agevolare il processo di riforma del
settore dell’autotrasporto di merci, previsto dalla legge
1� marzo 2005, n. 32, favorendo la riqualificazione del
sistema imprenditoriale anche mediante la crescita
dimensionale delle imprese, in modo da renderle piu’
competitive sul mercato interno ed internazionale, e’
istituito nello stato di previsione della spesa del
Ministero delle infrastrutture e dei trasporti un fondo
denominato “Fondo per misure di accompagnamento della
riforma dell’autotrasporto di merci e per lo sviluppo della
logistica”, con una dotazione iniziale di 80 milioni di
euro per l’anno 2006. Con regolamento emanato ai sensi
dell’art. 17, comma 1, della legge 23 agosto 1988, n. 400,
su proposta del Ministro delle infrastrutture e dei
trasporti, di concerto con il Ministro dell’economia e
delle finanze, sono disciplinate le …

[Continua nel file zip allegato]

DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 27 Settembre 2007, n. 227 – Regolamento recante le modalita’ di ripartizione e di erogazione del fondo per le misure di accompagnamento della riforma dell’autotrasporto di merci e per lo sviluppo della logistica. (GU n. 287 del 11-12-2007

Ingegneri.info