DECRETO LEGISLATIVO 10 dicembre 2010, n. 219 - Attuazione della direttiva 2008/105/CE relativa a standard di qualita' ambientale nel settore della politica delle acque, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 82/176/CEE, 83/513/CEE, 84/156/CEE, 84/491/CEE, 86/280/CEE, nonche' modifica della direttiva 2000/60/CE e recepimento della direttiva 2009/90/CE che stabilisce, conformemente alla direttiva 2000/60/CE, specifiche tecniche per l'analisi chimica e il monitoraggio dello stato delle acque. (10G0244) - (GU n. 296 del 20-12-2010 | Ingegneri.info

DECRETO LEGISLATIVO 10 dicembre 2010, n. 219 – Attuazione della direttiva 2008/105/CE relativa a standard di qualita’ ambientale nel settore della politica delle acque, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 82/176/CEE, 83/513/CEE, 84/156/CEE, 84/491/CEE, 86/280/CEE, nonche’ modifica della direttiva 2000/60/CE e recepimento della direttiva 2009/90/CE che stabilisce, conformemente alla direttiva 2000/60/CE, specifiche tecniche per l’analisi chimica e il monitoraggio dello stato delle acque. (10G0244) – (GU n. 296 del 20-12-2010

DECRETO LEGISLATIVO 10 dicembre 2010, n. 219 - Attuazione della direttiva 2008/105/CE relativa a standard di qualita' ambientale nel settore della politica delle acque, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 82/176/CEE, 83/513/CEE, 84/156/CEE, 84/491/CEE, 86/280/CEE, nonche' modifica della direttiva 2000/60/CE e recepimento della direttiva 2009/90/CE che stabilisce, conformemente alla direttiva 2000/60/CE, specifiche tecniche per l'analisi chimica e il monitoraggio dello stato delle acque. (10G0244) - (GU n. 296 del 20-12-2010 ) note: Entrata in vigore del provvedimento: 04/01/2011

DECRETO LEGISLATIVO 10 dicembre 2010 , n. 219

Attuazione della direttiva 2008/105/CE relativa a standard di
qualita’ ambientale nel settore della politica delle acque, recante
modifica e successiva abrogazione delle direttive 82/176/CEE,
83/513/CEE, 84/156/CEE, 84/491/CEE, 86/280/CEE, nonche’ modifica
della direttiva 2000/60/CE e recepimento della direttiva 2009/90/CE
che stabilisce, conformemente alla direttiva 2000/60/CE, specifiche
tecniche per l’analisi chimica e il monitoraggio dello stato delle
acque. (10G0244)

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;
Vista la direttiva 2008/105/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio, del 16 dicembre 2008, relativa a standard di qualita’
ambientale nel settore della politica delle acque, recante modifica e
successiva abrogazione delle direttive del Consiglio 82/176/CEE,
83/513/CEE, 84/156/CEE, 84/491/CEE e 86/280/CEE, nonche’ modifica
della direttiva 2000/60/CE del Parlamento europeo e del Consiglio;
Vista la direttiva 2009/90/CE della Commissione, del 31 luglio 2009
che stabilisce, conformemente alla direttiva 2000/60/CE del
Parlamento europeo e del Consiglio, specifiche tecniche per l’analisi
chimica e il monitoraggio dello stato delle acque;
Vista la legge 4 giugno 2010, n. 96, recante disposizioni per
l’adempimento di obblighi derivanti dall’appartenenza dell’Italia
alla Comunita’ europea – Legge comunitaria 2009, ed in particolare
l’articolo 1 e 3 e l’allegato B;
Vista la decisione 2455/01/CE del Parlamento europeo e del
Consiglio del 20 novembre 2001, relativa all’istituzione di un elenco
di sostanze prioritarie in materia di acque e che modifica la
direttiva 2000/60/CE;
Visto il decreto legislativo 3 aprile 2006 n. 152, e successive
modificazioni, recante norme in materia ambientale, ed in particolare
la parte terza, nonche’ l’allegato 1 e l’allegato 3 alla medesima;
Visto l’articolo 1, comma 1, del decreto-legge 30 dicembre 2008, n.
208, convertito, con modificazioni, dalla legge 27 febbraio 2009, n.
13;
Visto il decreto legislativo 16 marzo 2009, n. 30, ed in
particolare l’articolo 9;
Visto il decreto del Ministro dell’ambiente e della tutela del
territorio e del mare in data 17 luglio 2009, recante individuazione
delle informazioni territoriali e modalita’ per la raccolta, lo
scambio e l’utilizzazione dei dati necessari alla predisposizione dei
rapporti conoscitivi sullo stato di attuazione degli obblighi
comunitari e nazionali in materia di acque, pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale n. 203 del 2 settembre 2009;
Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri,
adottata nella riunione del 9 luglio 2010;
Acquisito il parere della Conferenza unificata di cui all’articolo
8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281, espresso nella
seduta del 29 luglio 2010;
Acquisiti i pareri delle competenti Commissioni della Camera dei
deputati e del Senato della Repubblica;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 18 novembre 2010;
Sulla proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri e del
Ministro dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, di
concerto con i Ministri degli affari esteri, della giustizia,
dell’economia e delle finanze, dello sviluppo economico, della
salute, delle politiche agricole alimentari e forestali e per i
rapporti con le regioni e per la coesione territoriale;

E m a n a
il seguente decreto legislativo:

Art. 1

Modificazioni al decreto legislativo 3 aprile 2006, n.152,
e successive modificazioni

1. Al decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive
modificazioni, sono apportate le seguenti modifiche:
a) all’articolo 74, comma 2, sono apportate le seguenti
modificazioni:
1) la lettera z) e’ sostituita dalla seguente:
«z) buono stato chimico delle acque superficiali: lo stato
chimico richiesto per conseguire, entro il 22 dicembre 2015, gli
obiettivi ambientali per le acque superficiali fissati dalla presente
sezione ossia lo stato raggiunto da un corpo idrico superficiale nel
quale la concentrazione degli inquinanti non superi gli standard di
qualita’ ambientali fissati per le sostanze dell’elenco di priorita’
di cui alla tabella 1/A della lettera A.2.6 dell’allegato 1 alla
parte terza;»;
2) dopo la lettera uu) sono aggiunte le seguenti:
«uu-bis) limite di rivelabilita’: il segnale in uscita o il
valore di concentrazione al di sopra del quale si puo’ affermare, con
un livello di fiducia dichiarato, che un dato campione e’ diverso da
un bianco che non contiene l’analita;
uu-ter) limite di quantificazione: un multiplo dichiarato del
limite di rivelabilita’ a una concentrazione dell’analita che puo’
ragionevolmente essere determinata con accettabile accuratezza e
precisione. Il limite di quantificazione puo’ essere calcolato
servendosi di un materiale di riferimento o di un campione adeguato e
puo’ essere ottenuto dal punto di taratura piu’ basso sulla curva di
taratura, dopo la sottrazione del bianco;
uu-quater) incertezza di misura: un parametro non negativo che
caratterizza la dispersione dei valori quantitativi attribuiti a un
misurando sulla base delle informazioni utilizzate;
uu-quinquies) materiale di riferimento: materiale
sufficientemente omogeneo e stabile rispetto a proprieta’
specificate, che si e’ stabilito essere idonee per un determinato
utilizzo in una misurazione o nell’esame di proprieta’ nominali.»;
b) l’articolo 78 e’ sostituito dal seguente:

«Art. 78.

Standard di qualita’ ambientale
per le acque superficiali

1. Ai fini della identificazione del buono stato chimico, di cui
all’articolo 74, comma 2, lettera z), si applicano ai corpi idrici
superficiali gli standard di qualita’ ambientale, di seguito
denominati: “SQA”, di cui alla lettera A.2.6 dell’allegato 1 alla
parte terza.
2. Per le finalita’ di cui al comma 1, le regioni e le province
autonome di Trento e di Bolzano adottano per la colonna d’acqua gli
SQA di cui alla tabella 1/A della lettera A.2.6 dell’allegato 1 alla
parte terza, secondo le modalita’ riportate alla lettera A.2.8 del
medesimo allegato.
3. Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, in
alternativa alle disposizioni di cui al comma 2, possono identificare
il buono stato chimico delle acque marino-costiere e delle acque di
transizione, utilizzando le matrici sedimenti e biota limitatamente
alle sostanze per le quali sono definiti SQA nelle suddette matrici.
In tal caso le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano:
a) applicano per il biota gli SQA riportati alla tabella 3/A
della lettera A.2.6. dell’allegato 1 alla parte terza;
b) applicano per i sedimenti gli SQA riportati alla tabella 2/A
della lettera A.2.6 dell’allegato 1 alla parte terza;
c) rispettano le disposizioni di cui alla lettera A.2.6.1
dell’allegato 1 alla parte terza concernenti modalita’ di
monitoraggio e classificazione;
d) trasmettono al Ministero dell’ambiente e della tutela del
territorio e del mare, le motivazioni della scelta, al fine di
fornire elementi di supporto per la notifica alla Commissione europea
e agli altri Stati membri, tramite il comitato di cui all’articolo 21
della direttiva 2000/60/CE, secondo la procedura prevista dalle norme
comunitarie.
4. Per le sostanze per le quali non sono definiti SQA per le
matrici sedimenti e biota nelle acque marino-costiere e nelle acque
di transizione, le regioni e le province autonome di Trento e di
Bolzano effettuano il monitoraggio nella colonna d’acqua applicando i
relativi SQA di cui alla tabella 1/A dell’allegato 1 alla parte
terza.
5. Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano
effettuano l’analisi della tendenza a lungo termine delle
concentrazioni delle sostanze dell’elenco di priorita’ di cui alla
tabella 1/A, lettera A.2.6 dell’allegato 1 alla parte terza che
tendono ad accumularsi nei sedimenti e nel biota, ovvero in una sola
delle due matrici, con particolare attenzione per le sostanze
riportate nella citata tabella ai numeri 2, 4, 7, 13, 14, 17, 18, 19,
20, 21, 23, 28, 30 e 34, conformemente al punto A.3.2.4 dell’allegato
1 alla parte terza.
6. Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano
adottano misure atte a garantire che tali concentrazioni non
aumentino in maniera significativamente rilevante nei sedimenti e/o
nel biota.
7. Le disposizioni del presente articolo concorrono al
raggiungimento entro il 20 novembre 2021 dell’obiettivo di eliminare
le sostanze pericolose prioritarie indicate come PP alla tabella 1/A
della lettera A.2.6. dell’allegato 1 alla parte terza negli scarichi,
nei rilasci da fonte diffusa e nelle perdite, nonche’ al
raggiungimento dell’obiettivo di ridurre gradualmente negli stessi le
sostanze prioritarie individuate come P nella medesima tabella. Per
le sostanze indicate come E l’obiettivo e’ di eliminare
l’inquinamento delle acque causato da scarichi, rilasci da fonte
diffusa e perdite.»;
c) dopo l’articolo 78 sono inseriti i seguenti:

«Art. 78-bis.

Zone di mescolamento

1. Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano possono
designare zone di mescolamento adiacenti ai punti di scarico di acque
reflue contenenti sostanze dell’elenco di priorita’ nel rispetto dei
criteri tecnici stabiliti con decreto del Ministero dell’ambiente e
della tutela del territorio e del mare, sulla base delle linee guida
definite a livello comunitario, ai sensi dell’articolo 4, paragrafo
4, della direttiva 2008/105/CE. Le concentrazioni di una o piu’
sostanze di detto elenco possono superare, nell’ambito di tali zone
di mescolamento, gli SQA applicabili, a condizione che il superamento
non abbia conseguenze sulla conformita’ agli SQA del resto del corpo
idrico superficiale.
2. Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano
designano le zone di mescolamento assicurando che l’estensione di
ciascuna di tali zone:
a) sia limitata alle vicinanze del punto di scarico;
b) sia calibrata sulla base delle concentrazioni di inquinanti
nel punto di scarico, dell’applicazione delle disposizioni in materia
di disciplina degli scarichi di cui alla normativa vigente e
dell’adozione delle migliori tecniche disponibili, in funzione del
raggiungimento o mantenimento degli obiettivi ambientali.
3. Le regioni, le province autonome di Trento e di Bolzano e le
autorita’ di distretto riportano, rispettivamente, nei piani di
tutela e nei piani di gestione le zone di mescolamento designate
indicando:
a) l’ubicazione e l’estensione;
b) gli approcci e le metodologie applicati per definire tali
zone;
c) le misure adottate allo scopo di limitare in futuro
l’estensione delle zone di mescolamento, quali quelle necessarie alla
riduzione ed all’eliminazione dell’inquinamento delle acque
superficiali causato dalle sostanze dell’elenco di priorita’ o le
misure consistenti nel riesame delle autorizzazioni rilasciate ai
sensi del decreto legislativo 18 febbraio 2005, n. 59, e successive
modificazioni, o delle autorizzazioni preventive rilasciate ai sensi
del presente decreto.
4. Le disposizioni di cui al presente articolo non si applicano
nelle aree protette elencate all’allegato 9, alle lettere i), ii),
iii), v).

Art. 78-ter.

Inventario dei rilasci da fonte diffusa, degli scarichi e delle
perdite

1. Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano,
ciascuna per la parte di territorio di competenza ricadente in
ciascun distretto idrografico, mettono a disposizione attraverso il
sistema SINTAI le informazioni di cui alla lettera A.2.8.-ter,
sezione A “Stato delle acque superficiali”, parte 2 “Modalita’ per la
classificazione dello stato di qualita’ dei corpi idrici”
dell’allegato 1 alla parte terza, secondo le scadenze temporali
riportate nel medesimo allegato. Le informazioni sono ricavate sulla
base dell’attivita’ di monitoraggio e dell’attivita’ conoscitiva
delle pressioni e degli impatti di cui rispettivamente all’allegato 1
e all’allegato 3 – sezione C, alla parte terza.
2. L’Istituto superiore per la protezione e ricerca ambientale, di
seguito: ISPRA, rende disponibili attraverso il sistema SINTAI i
formati standard, aggiornandoli sulla base delle linee guida adottate
a livello comunitario, nonche’ i servizi per la messa a disposizione
delle informazioni da parte delle regioni e delle province autonome
di Trento e di Bolzano.
3. L’ISPRA elabora l’inventario, su scala di distretto, dei rilasci
derivanti da fonte diffusa, degli scarichi e delle perdite, di
seguito “l’inventario”, distinto in due sezioni: sezione A per le
sostanze appartenenti all’elenco di priorita’ e sezione B per le
sostanze non appartenenti a detto elenco di priorita’. L’ISPRA
effettua ulteriori elaborazioni sulla base di specifiche esigenze del
Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare.
4. L’inventario e’ redatto sulla base della elaborazione delle
informazioni di cui al comma 1, dei dati raccolti in attuazione del
regolamento (CE) n. 166/2006, nonche’ sulla base di altri dati
ufficiali. Nell’inventario sono altresi’ riportate, ove disponibili,
le carte topografiche e, ove rilevate, le concentrazioni di tali
sostanze ed inquinanti nei sedimenti e nel biota.
5. L’inventario e’ finalizzato a verificare il raggiungimento
dell’obiettivo di cui ai commi 1 e 7 dell’articolo 78, ed e’
sottoposto a riesami sulla base degli aggiornamenti effettuati dalle
regioni e dalle province autonome di Trento e di Bolzano in
attuazione delle disposizioni di cui all’articolo 118, comma 2.
6. L’ ISPRA, previa verifica e validazione da parte delle regioni e
delle province autonome di Trento e di Bolzano, mette a disposizione
di ciascuna autorita’ di distretto, tramite il sistema SINTAI, gli
inventari aggiornati su scala distrettuale ai fini dell’inserimento
della sezione A dell’inventario nei piani di gestione riesaminati da
pubblicare.

Art. 78-quater.

Inquinamento transfrontaliero

1. Qualora si verifichi un superamento di un SQA nei bacini
idrografici transfrontalieri, le regioni e le province autonome di
Trento e di Bolzano interessate non si ritengono inadempienti se
possono dimostrare che:
a) il superamento dell’SQA e’ dovuto ad una fonte di inquinamento
al di fuori della giurisdizione nazionale;
b) a causa di tale inquinamento transfrontaliero si e’ verificata
l’impossibilita’ di adottare misure efficaci per rispettare l’SQA in
questione;
c) sia stato applicato, per i corpi idrici colpiti da
inquinamento transfrontaliero, il meccanismo di coordinamento ai
sensi dei commi 7 e 8 dell’articolo 75 e, se del caso, sia stato
fatto ricorso alle disposizioni di cui ai commi 6, 7 e 10
dell’articolo 77.
2. Qualora si verifichino le circostanze di cui al comma 1, le
regioni, le province autonome di Trento e di Bolzano e le autorita’
di distretto competenti forniscono le informazioni necessarie al
Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare per
il successivo inoltro alla Commissione europea e predispongono una
relazione sintetica delle misure adottate riguardo all’inquinamento
transfrontaliero da inserire rispettivamente nel piano di tutela e
nel piano di gestione.

Art. 78-quinquies.

Metodi di analisi per le acque
superficiali e sotterranee

1. L’ISPRA assicura che i metodi di analisi, compresi i metodi di
laboratorio, sul campo e on line, utilizzati dalle agenzie regionali
per la protezione dell’ambiente , di seguito: “ARPA”, e dalle agenzie
provinciali per la protezione dell’ambiente, di seguito: “APPA”, ai
fini del programma di monitoraggio chimico svolto ai sensi
dell’allegato 1 alla parte terza, siano convalidati e documentati ai
sensi della norma UNI-EN ISO/CEI – 17025:2005 o di altre norme
equivalenti internazionalmente accettate.
2. Ai fini dell’attuazione delle disposizioni di cui all’articolo
78, commi 1 e 2, e 78-bis, il monitoraggio e’ effettuato applicando
le metodiche di campionamento e di analisi riportati alle lettere
A.2.8, punti 16, 17 e 18, e A.3.10 dell’allegato 1 alla parte terza.
3. Le disposizioni di cui al presente articolo, agli articoli
78-sexies, 78-septies e 78-octies ed alla lettera A.2.8.-bis della
sezione A “Stato delle acque superficiali” della parte 2 “Modalita’
per la classificazione dello stato di qualita’ dei corpi
idrici”dell’allegato 1 alla parte terza si applicano per l’analisi
chimica e il monitoraggio dello stato dei corpi idrici superficiali e
sotterranei.

Art. 78-sexies.

Requisiti minimi di prestazione
per i metodi di analisi

1. L’ISPRA verifica che i requisiti minimi di prestazione per tutti
i metodi di analisi siano basati su una incertezza di misura definita
conformemente ai criteri tecnici riportati alla lettera A.2.8.-bis,
sezione A “Stato delle acque superficiali”, parte 2 “Modalita’ per la
classificazione dello stato di qualita’ dei corpi idrici”
dell’allegato 1 alla parte terza.
2. In mancanza di standard di qualita’ ambientali per un dato
parametro o di un metodo di analisi che rispetti i requisiti minimi
di prestazione di cui al comma 1, le ARPA e le APPA assicurano che il
monitoraggio sia svolto applicando le migliori tecniche disponibili a
costi sostenibili.

Art. 78-septies.

Calcolo dei valori medi

1. Ai fini del calcolo dei valori medi si applicano i criteri
tecnici riportati alla lettera A.2.8.-bis, sezione A “Stato delle
acque superficiali”, parte 2 “Modalita’ per la classificazione dello
stato di qualita’ dei corpi idrici” dell’allegato 1 alla parte terza.

Art. 78-octies.

Garanzia e controllo di qualita’

1. Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano
assicurano che i laboratori delle Agenzie regionali per l’ambiente
(ARPA), e delle agenzie provinciali per l’ambiente (APPA), o degli
enti appaltati da queste ultime applichino pratiche di gestione della
qualita’ conformi a quanto previsto dalla norma UNI-EN
ISO/CEI-17025:2005 e successive modificazioni o da altre norme
equivalenti internazionalmente riconosciute.
2. L’ISPRA assicura la comparabilita’ dei risultati analitici dei
laboratori ARPA, APPA o degli enti appaltati da queste ultime, sulla
base:
a) della promozione di programmi di prove valutative delle
competenze che comprendono i metodi di analisi di cui all’articolo
78-quinquies per i misurandi a livelli di concentrazione
rappresentativi dei programmi di monitoraggio delle sostanze chimiche
svolti ai sensi del presente decreto;
b) dell’analisi di materiali di riferimento rappresentativi di
campioni prelevati nelle attivita’ di monitoraggio e che contengono
livelli di concentrazioni adeguati rispetto agli standard di qualita’
ambientali di cui all’articolo 78-sexies, comma 1.
3. I programmi di prove valutative di cui al comma 2, lettera a),
vengono organizzati dall’ISPRA o da altri organismi accreditati a
livello nazionale o internazionale, che rispettano i criteri
stabiliti dalla norma UNI EN ISO/CEI 17043:2010 o da altre norme
equivalenti accettate a livello internazionale. L’esito della
partecipazione a tali programmi viene valutato sulla base dei sistemi
di punteggio definiti dalla norma UNI EN ISO/CEI 17043:2010, dalla
norma ISO-13528:2006 o da altre norme equivalenti internazionalmente
accettate.»;
d) al comma 2 dell’articolo 118 le parole: “sono aggiornati ogni
sei anni” sono sostituite dalle seguenti: “sono aggiornati entro il
22 dicembre 2013 e successivamente ogni sei anni”;
e) al numero 18, lettera A.2.8 della parte A dell’allegato 1 alla
parte terza l’ultimo periodo e’ soppresso;
f) all’allegato 1 alla parte terza sono soppressi:
1) i numeri 8, 9, 10, 12, 13, 14 e 15 della lettera A.2.8,
sezione A “Stato delle acque superficiali”, parte 2 “Modalita’ per la
classificazione dello stato di qualita’ dei corpi idrici”;
2) i numeri 2, 3, 4, 6 , 7, 8 e 9 della lettera A.2.1, Sezione
B “Acque sotterranee”, parte 2 “Modalita’ per la classificazione
dello stato di qualita’ dei corpi idrici”;
g) all’allegato 1 alla parte terza dopo la lettera A.2.8, sezione
A “Stato delle acque superficiali”, parte 2 “Modalita’ per la
classificazione dello stato di qualita’ dei corpi idrici” sono
inserite le seguenti;

“A. 2.8.-bis.

Requisiti minimi di prestazione per i metodi di analisi e calcolo dei
valori medi

1. Ai fini della presente lettera si intende per:
a) fattore di copertura: fattore numerico utilizzato come
moltiplicatore dell’incertezza tipo composta per ottenere
un’incertezza estesa (1) . [UNI 13005:2000]. Nel caso dei metodi
utilizzati per le valutazioni riportate in questo decreto ‘k’ e’
stato scelto pari a 2;
b) incertezza tipo: incertezza del risultato ‘x i ‘ di una
misurazione espressa come scarto tipo. [UNI 13005:2000];
c) incertezza tipo composta: incertezza del risultato ‘y’ di una
misurazione allorquando il risultato e’ ottenuto mediante i valori di
un certo numero di altre grandezze; essa e’ uguale alla radice
quadrata positiva di una somma di termini, che sono le varianze o le
covarianze di quelle grandezze pesate secondo la variazione del
risultato della misurazione al variare di esse. [UNI 13005:2000];
d) incertezza estesa: grandezza che definisce intorno al
risultato di una misurazione, un intervallo che ci si aspetta
comprendere una frazione rilevante della distribuzione dei valori
ragionevolmente attribuibili al misurando. (2) (3) [UNI 13005:2000];
e) ripetibilita’ intermedia di misura: precisione di misura
ottenuta in condizione di ripetibilita’ intermedia. [UNI/CEI
70099:2008];
f) giustezza: grado di concordanza tra la media di un numero
infinito di valori misurati ripetuti e un valore di riferimento.
[UNI/CEI 70099:2008];
g) materiale di riferimento certificato: materiale di riferimento
accompagnato da un documento rilasciato da organismi accreditati a
livello nazionale ed internazionale nel quale sono riportati i valori
di una o piu’ proprieta’ specificate, con le corrispondenti
incertezze, riferibilita’ e rintracciabilita’, definite impiegando
procedure valide. [UNI/CEI 70099:2008];
g) colonna d’acqua: porzione rappresentativa di acqua del corpo
idrico nella quale fase solida e fase liquida non sono separate tra
loro.
A. Prestazioni minime dei metodi di misurazione
1) I metodi di misurazione da utilizzare per l’applicazione del
presente decreto devono avere le seguenti prestazioni minime:
a) alle concentrazioni dello standard di qualita’ (SQA-MA ed
SQA-CMA) l’incertezza estesa associata al risultato di misura non
deve essere superiore al 50% del valore dello standard di qualita’.
L’incertezza estesa sara’ ottenuta dall’incertezza tipo composta
ponendo il fattore di copertura k uguale a 2 per un intervallo di
fiducia di circa il 95%;
b) il limite di quantificazione dei metodi deve essere uguale od
inferiore al 30% dei valori dello standard di qualita’ (SQA-MA).
2. Per quanto riguarda la valutazione dell’incertezza di misura e’
necessario distinguere i metodi che includono i dati di precisione
(ripetibilita’ e riproducibilita’) stimati alle concentrazioni
prossime al valore dello standard di qualita’ (SQA-MA ed SQA-CMA) da
quelli che non sono caratterizzati da questi dati. Per i primi il
laboratorio che li adotta deve:
a) verificare che l’incertezza estesa (k=2) ottenuta dal dato di
riproducibilita’ del metodo sia inferiore al 50% del valore dello
standard di qualita’ (SQA-MA ed SQA-CMA);
b) valutare sperimentalmente la ripetibilita’ a concentrazioni
prossime allo standard di qualita’ (SQA-MA ed SQA-CMA);
c) verificare che la ripetibilita’ calcolata all’interno del
laboratorio sia inferiore o uguale al valore di ripetibilita’ dato
dal metodo;
d) calcolare l’incertezza estesa dai dati di riproducibilita’ del
metodo.
3) Nel caso di metodi normati che non includano i dati di
precisione, il laboratorio deve procedere alla convalida del metodo
ai sensi della UNI EN ISO/CEI 17025:2005, stimando la ripetibilita’
intermedia del metodo stesso nonche’ lo scostamento sistematico
(giustezza) per mezzo di un appropriato materiale di riferimento
certificato o una soluzione certificata. Questi principali contributi
all’incertezza di misura, insieme ad altri se ritenuti necessari,
devono essere combinati secondo le regole di propagazione
dell’incertezza (vedi UNI 13005:2000). Dall’incertezza tipo composta
cosi’ ottenuta si ottiene l’incertezza estesa moltiplicando per il
fattore di copertura k=2.
B. Calcolo dei valori medi
1) Nel seguito sono riportati i criteri da utilizzare per il
calcolo dei valori medi (SQA-MA) e di misurandi rappresentati dalla
somma totale di parametri chimico-fisici o di singole sostanze
(SQA-MA ed SQA-CMA) in presenza di valori inferiori ai limiti di
quantificazione del metodo di analisi:
a) i risultati di misura inferiori al limite di quantificazione
sono posti pari alla meta’ del valore del limite di quantificazione
del metodo (risultato della singola misura inferiore al limite di
quantificazione =LQ/2);
b) il valore medio (SQA-MA), calcolato in conformita’ al punto
precedente, che risulti inferiore al limite di quantificazione del
metodo, e’ restituito come inferiore al limite di quantificazione
(valore medio < LQ); c) nel calcolo dei misurandi rappresentati dalla somma totale di parametri chimico-fisici o di singoli misurandi chimici (SQA-MA ed SQA-CMA), che includono i principali metaboliti e prodotti di degradazione e di reazione, il risultato di misura delle singole sostanze inferiore al limite di quantificazione e' considerato uguale a zero (risultato di misura=0). A. 2.8-ter. Informazioni ai fini dei rapporti conoscitivi 1. Le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano trasmettono le informazioni di seguito riportate secondo il seguente calendario: a) il primo invio deve essere effettuato entro il 30 novembre 2011. Le informazioni sono rappresentative dell'anno 2010; b) il secondo invio e' effettuato entro il 23 dicembre 2013 ed e' rappresentativo delle rilevazioni effettuate nell'anno precedente rispetto all'anno dell'invio; c) i successivi aggiornamenti sono inviati ogni 6 anni e sono sempre rappresentativi dell'anno precedente l'invio. 1.1. Informazioni per singoli scarichi. 1.1.1. Per ogni singolo scarico che recapita in corpo idrico superficiale occorre indicare le seguenti informazioni: a) date di rilascio e scadenza dell'autorizzazione; b) ciclo/i produttivo/i; c) applicazione IPPC; d) coordinate dello scarico; e) codice del corpo idrico recettore; f) volume annuo scaricato (mc/anno); g) sostanze appartenenti all'elenco di priorita' presenti nello scarico; h) "altre sostanze" non appartenenti all'elenco di priorita' presenti nello scarico. 1.1.2. Per ogni sostanza riportare: a) carico totale scaricato misurato o stimato (kg /anno); b) concentrazione autorizzata (mg/l); c) la concentrazione nei corpi idrici viene fornita come previsto al successivo punto 3. 1.2. Informazioni per le altre fonti (rilascio da fonti diffuse o perdite). 1.2.1. Le informazioni sono relative alle seguenti fonti: a) siti contaminati da bonificare ai sensi della parte IV del decreto legislativo n. 152/2006, ove siano disponibili almeno i dati di caratterizzazione del sito; b) attivita' agricole; c) altre tipologie di fonti (discariche, stoccaggio di rifiuti, stoccaggio di materiali da attivita' di dragaggio, ecc). 1.2.2. Per ogni fonte occorre individuare: a) la tipologia della fonte; b) il codice del bacino idrografico o del sottobacino influenzato; c) le sostanze di cui all'elenco di priorita' rilevate; d) per ogni sostanza la stima del carico espresso in kg/anno immesso in ogni bacino idrografico o sotto bacino. 1.3. Informazioni sui corpi idrici superficiali. a) codice del corpo idrico recettore; b) nome del corpo idrico; c) categoria del corpo idrico recettore (4) d) appartenenza rete nucleo (intercalibrazione); e) stato chimico del corpo idrico recettore (colonna d'acqua , sedimento e biota) (5) ; f) stato ecologico del corpo idrico recettore (colonna d'acqua, sedimento e biota) (6) . 1.4. Informazioni per l'analisi di tendenza. 1.4.1. In attuazione del comma 3 dell'articolo 78-bis, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano raccolgono, aggiornano e trasmettono i dati relativi alle concentrazioni rilevate nei sedimenti e nel biota in particolare per le seguenti sostanze, se rilevate: a) antracene; b) difeniletere bromato; c) cadmio e composti (in funzione delle classi di durezza dell'acqua); d) cloro alcani, C10-13 (7) ; e) di (2-etilesil) ftalato (DEHP); f) fluorantene; g) esaclorobenzene; h) esaclorobutadiene; i) esaclorocicloesano; l) piombo e composti; m) mercurio e composti; n) pentaclorobenzene; o) benzo(a) pirene; p) benzo(b) fluorantene; q) benzo(k) fluorantene; r) benzo(g,h,i) perilene; s) indeno(1,2,3-cd) pirene; t) tributilstagno (composti) (Tributilstagno catione). 1.4.2. I predetti dati e i relativi aggiornamenti sono trasmessi ogni sei anni a partire dal 23 dicembre 2013 e riportano gli esiti dei monitoraggi effettuati con frequenza almeno triennale nell'arco del sessennio di riferimento. A. 2.8.-quater. Numeri UE sostanze prioritarie Tabella 1: Elenco Numeri UE sostanze prioritarie Parte di provvedimento in formato grafico Note alla tabella. 1) Numero UE: inventario europeo delle sostanze chimiche esistenti a carattere commerciale (Einecs) o lista europea delle sostanze chimiche notificate (Elincs). 2) Nel caso di gruppi di sostanze (tra parentesi e senza numero) sono indicate, a titolo di parametro indicativo, le singole sostanze tipiche rappresentative. Per questi gruppi di sostanze il parametro indicativo deve essere definito col metodo analitico. 3) Solo pentabromodifenil etere. 4) Questi gruppi di sostanze in genere comprendono un numero consistente di singoli composti. Allo stato attuale non e' possibile fornire parametri indicativi appropriati. 5) Il fluorantene e' stato iscritto nell'elenco quale indicatore di altri idrocarburi policiclici aromatici piu' pericolosi.". h) dopo il terzo capoverso della lettera A.3.5. della sezione A "Stato delle acque superficiali" della parte 2 "Modalita' per la classificazione dello stato di qualita' dei corpi idrici" dell'allegato 1 alla parte terza, e' aggiunto il seguente: "In particolare, qualora si verifichi nella colonna d'acqua il superamento dello standard di qualita' ambientale per le sostanze dell'elenco di priorita' e per le altre sostanze non appartenenti all'elenco di priorita' sono applicate le misure necessarie per ripristinare il buono stato del corpo idrico conformemente alle disposizioni vigenti. In tal caso, a condizione che ci siano dati sufficienti a stabilire in maniera affidabile lo stato di qualita' dei corpi idrici, il monitoraggio operativo nella colonna d'acqua puo' essere effettuato con frequenze ridotte, sufficienti per la verifica dell'efficacia delle misure intraprese per ripristinare il buono stato del corpo idrico. La riduzione delle frequenze del monitoraggio non e' prevista per i corpi idrici destinati alla produzione di acqua potabile. Fermo restando i contenuti di cui all'allegato 4 , nei Piani di gestione e nei Piani di tutela delle acque sono altresi' inserite le informazioni relative alla riduzione delle frequenze del monitoraggio operativo."; i) alla nota 2 alla tabella 1/A della lettera A.2.6 dell'allegato 1 alla parte terza e' aggiunto il seguente periodo: "Se non altrimenti specificato lo standard di qualita' ambientale si applica alla concentrazione totale di tutti gli isomeri."; l) la nota 10 della tabella 1/A della lettera A.2.6 dell'allegato 1 alla parte terza e' soppressa.». (1) Il fattore di copertura k e' tipicamente compreso nell'intervallo da 2 a 3. (2) La frazione puo' essere interpretata come la probabilita' di copertura o livello di fiducia dell'intervallo. (3) Per poter associare uno specifico livello di fiducia all'intervallo definito dall'incertezza estesa e' necessario fare ipotesi, esplicite o implicite, sulla distribuzione di probabilita' caratterizzata dal risultato della misurazione e dalla sua incertezza tipo composta. Il livello di fiducia che puo' essere attribuito a questo intervallo puo' essere conosciuto solo nei limiti entro i quali quelle ipotesi siano giustificate. (4) Indicare se: lago, fiume, acque marino costiere, acque di transizione.; (5) Nel caso in cui lo stato chimico non risulti buono a causa di una o piu' sostanze dell'elenco di priorita' e/o delle «altre sostanze» e' indicata la concentrazione media annua delle sostanze che determinano tale classificazione. Riportare, ove rilevate ed indipendentemente dallo stato, la concentrazione delle sostanze prioritarie e delle altre sostanze nei sedimenti e nel biota. (6) Nel caso in cui il corpo idrico risulti classificato in stato ecologico sufficiente a causa del superamento degli standard fissati per uno o piu' delle altre sostanze non appartenenti all'elenco di priorita' e' indicata la concentrazione media annua delle sostanze che determinano tale classificazione. Riportare, ove rilevate ed indipendentemente dallo stato, la concentrazione delle sostanze prioritarie e delle altre sostanze nei sedimenti e nel biota. (7) Per questo parametro il monitoraggio si effettua allorche' sara' disponibile il relativo metodo analitico. Avvertenza: Il testo delle note qui pubblicato e' stato redatto dall'amministrazione competente per materia ai sensi dell'art. 10, commi 2 e 3 del testo unico delle disposizioni sulla promulgazione delle leggi, sull'emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica e sulle pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana, approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge modificate o alle quali e' operato il rinvio. Restano invariati il valore e l'efficacia degli atti legislativi qui trascritti. Per le direttive CEE vengono forniti gli estremi di pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale delle Comunita' europee (GUCE) Note alle premesse. - L'art. 76 della Costituzione stabilisce che l'esercizio della funzione legislativa non puo' essere delegato al Governo se non con determinazione di principi e criteri direttivi e soltanto per tempo limitato e per oggetti definiti. - L'art. 87 della Costituzione conferisce, tra l'altro, al Presidente della Repubblica il potere di promulgare le leggi e di emanare i decreti aventi valore di legge ed i regolamenti. - La direttiva 2008/105/CE e' pubblicata nella G.U.U.E. 24 dicembre 2008, n. L 348. - La direttiva 2009/90/CE e' pubblicata nella G.U.U.E. 1 agosto 2009, n. L 201. - Il testo degli articoli 1 e 3 e dell'allegato B della legge 4 giugno 2010, n. 96 «Disposizioni per l'adempimento di obblighi derivanti dall'appartenenza dell'Italia alle Comunita' europee. (Legge comunitaria 2009).» e' pubblicata nella Gazzetta Ufficiale 25 giugno 2010, n. 146, S.O., cosi' recitano: «Capo I Disposizioni generali sui procedimenti per l'adempimento degli obblighi comunitari Art. 1. Delega al Governo per l'attuazione di direttive comunitarie 1. Il Governo e' delegato ad adottare, entro il termine di recepimento indicato in ciascuna delle direttive elencate negli allegati A e B, i decreti legislativi recanti le norme occorrenti per dare attuazione alle medesime direttive. Per le direttive elencate negli allegati A e B, il cui termine di recepimento sia gia' scaduto ovvero scada nei tre mesi successivi alla data di entrata in vigore della presente legge, il Governo e' delegato ad adottare i decreti legislativi di attuazione entro tre mesi dalla data di entrata in vigore della medesima legge. Per le direttive elencate negli allegati A e B, che non prevedono un termine di recepimento, il Governo e' delegato ad adottare i decreti legislativi entro dodici mesi dalla data di entrata in vigore della presente legge. 2. I decreti legislativi sono adottati, nel rispetto dell'art. 14 della legge 23 agosto 1988, n. 400, su proposta del Presidente del Consiglio dei Ministri o del Ministro per le politiche europee e del Ministro con competenza istituzionale prevalente per la materia, di concerto con i Ministri degli affari esteri, della giustizia, dell'economia e delle finanze e con gli altri Ministri interessati in relazione all'oggetto della direttiva. 3. Gli schemi dei decreti legislativi recanti attuazione delle direttive elencate nell'allegato B, nonche', qualora sia previsto il ricorso a sanzioni penali, quelli relativi all'attuazione delle direttive elencate nell'allegato A, sono trasmessi, dopo l'acquisizione degli altri pareri previsti dalla legge, alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica affinche' su di essi sia espresso il parere dei competenti organi parlamentari. Decorsi quaranta giorni dalla data di trasmissione, i decreti sono emanati anche in mancanza del parere. Qualora il termine per l'espressione del parere parlamentare di cui al presente comma ovvero i diversi termini previsti dai commi 4 e 8 scadano nei trenta giorni che precedono la scadenza dei termini previsti dai commi 1 o 5 o successivamente, questi ultimi sono prorogati di novanta giorni. 4. Gli schemi dei decreti legislativi recanti attuazione delle direttive che comportino conseguenze finanziarie sono corredati della relazione tecnica di cui all'art. 17, comma 3, della legge 31 dicembre 2009, n. 196. Su di essi e' richiesto anche il parere delle Commissioni parlamentari competenti per i profili finanziari. Il Governo, ove non intenda conformarsi alle condizioni formulate con riferimento all'esigenza di garantire il rispetto dell'art. 81, quarto comma, della Costituzione, ritrasmette alle Camere i testi, corredati dei necessari elementi integrativi di informazione, per i pareri definitivi delle Commissioni parlamentari competenti per i profili finanziari, che devono essere espressi entro venti giorni. 5. Entro ventiquattro mesi dalla data di entrata in vigore di ciascuno dei decreti legislativi di cui al comma 1, nel rispetto dei principi e criteri direttivi fissati dalla presente legge, il Governo puo' adottare, con la procedura indicata nei commi 2, 3 e 4, disposizioni integrative e correttive dei decreti legislativi emanati ai sensi del citato comma 1, fatto salvo quanto previsto dal comma 6. 6. I decreti legislativi, relativi alle direttive elencate negli allegati A e B, adottati, ai sensi dell'art. 117, quinto comma, della Costituzione, nelle materie di competenza legislativa delle regioni e delle province autonome, si applicano alle condizioni e secondo le procedure di cui all'art. 11, comma 8, della legge 4 febbraio 2005, n. 11. 7. Il Ministro per le politiche europee, nel caso in cui una o piu' deleghe di cui al comma 1 non risultino esercitate alla scadenza del termine previsto, trasmette alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica una relazione che da' conto dei motivi addotti a giustificazione del ritardo dai Ministri con competenza istituzionale prevalente per la materia. Il Ministro per le politiche europee, ogni sei mesi, informa altresi' la Camera dei deputati e il Senato della Repubblica sullo stato di attuazione delle direttive da parte delle regioni e delle province autonome nelle materie di loro competenza, secondo modalita' di individuazione delle stesse da definire con accordo in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano. 8. Il Governo, quando non intende conformarsi ai pareri parlamentari di cui al comma 3, relativi a sanzioni penali contenute negli schemi di decreti legislativi recanti attuazione delle direttive elencate negli allegati A e B, ritrasmette con le sue osservazioni e con eventuali modificazioni i testi alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica. Decorsi venti giorni dalla data di ritrasmissione, i decreti sono emanati anche in mancanza di nuovo parere.». «Art. 3. Delega al Governo per la disciplina sanzionatoria di violazioni di disposizioni comunitarie 1. Al fine di assicurare la piena integrazione delle norme comunitarie nell'ordinamento nazionale, il Governo, fatte salve le norme penali vigenti, e' delegato ad adottare, entro due anni dalla data di entrata in vigore della presente legge, disposizioni recanti sanzioni penali o amministrative per le violazioni di obblighi contenuti in direttive comunitarie attuate in via regolamentare o amministrativa, ai sensi delle leggi comunitarie vigenti, o in regolamenti comunitari pubblicati alla data di entrata in vigore della presente legge, per i quali non sono gia' previste sanzioni penali o amministrative. 2. La delega di cui al comma 1 e' esercitata con decreti legislativi adottati ai sensi dell'art. 14 della legge 23 agosto 1988, n. 400, su proposta del Presidente del Consiglio dei ministri o del Ministro per le politiche europee e del Ministro della giustizia, di concerto con i Ministri competenti per materia. I decreti legislativi si informano ai principi e criteri direttivi di cui all'art. 2, comma 1, lettera c). 3. Gli schemi dei decreti legislativi di cui al presente articolo sono trasmessi alla Camera dei deputati e al Senato della Repubblica per l'espressione del parere da parte dei competenti organi parlamentari con le modalita' e nei termini previsti dai commi 3 e 8 dell'art. 1.». «Allegato B (Art. 1, commi 1 e 3) 2005/47/CE del Consiglio, del 18 luglio 2005, concernente l'accordo tra la Comunita' delle ferrovie europee (CER) e la Federazione europea dei lavoratori dei trasporti (ETF) su taluni aspetti delle condizioni di lavoro dei lavoratori mobili che effettuano servizi di interoperabilita' transfrontaliera nel settore ferroviario; 2007/59/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 ottobre 2007, relativa alla certificazione dei macchinisti addetti alla guida di locomotori e treni sul sistema ferroviario della Comunita'; 2008/6/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 20 febbraio 2008, che modifica la direttiva 97/67/CE per quanto riguarda il pieno completamento del mercato interno dei servizi postali comunitari; 2008/92/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2008, concernente una procedura comunitaria sulla trasparenza dei prezzi al consumatore finale industriale di gas e di energia elettrica (rifusione); 2008/95/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 22 ottobre 2008, sul ravvicinamento delle legislazioni degli Stati membri in materia di marchi d'impresa (Versione codificata); 2008/96/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 novembre 2008, sulla gestione della sicurezza delle infrastrutture stradali; 2008/99/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 novembre 2008, sulla tutela penale dell'ambiente; 2008/101/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 novembre 2008, che modifica la direttiva 2003/87/CE al fine di includere le attivita' di trasporto aereo nel sistema comunitario di scambio delle quote di emissioni dei gas a effetto serra; 2008/104/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 19 novembre 2008, relativa al lavoro tramite agenzia interinale; 2008/105/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, relativa a standard di qualita' ambientale nel settore della politica delle acque, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive del Consiglio 82/176/CEE, 83/513/CEE, 84/156/CEE, 84/491/CEE e 86/280/CEE, nonche' modifica della direttiva 2000/60/CE del Parlamento europeo e del Consiglio; 2008/110/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, che modifica la direttiva 2004/49/CE relativa alla sicurezza delle ferrovie comunitarie; 2008/112/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 dicembre 2008, che modifica le direttive del Consiglio 76/768/CEE, 88/378/CEE, 1999/13/CE e le direttive del Parlamento europeo e del Consiglio 2000/53/CE, 2002/96/CE e 2004/42/CE, allo scopo di adeguarle al regolamento (CE) n. 1272/2008 relativo alla classificazione, all'etichettatura e all'imballaggio delle sostanze e delle miscele; 2008/114/CE del Consiglio, dell'8 dicembre 2008, relativa all'individuazione e alla designazione delle infrastrutture critiche europee e alla valutazione della necessita' di migliorarne la protezione; 2008/122/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 14 gennaio 2009, sulla tutela dei consumatori per quanto riguarda taluni aspetti dei contratti di multiproprieta', dei contratti relativi ai prodotti per le vacanze di lungo termine e dei contratti di rivendita e di scambio; 2009/4/CE della Commissione, del 23 gennaio 2009, sulle contromisure volte a prevenire e rilevare la manipolazione delle registrazioni dei tachigrafi, che modifica la direttiva 2006/22/CE del Parlamento europeo e del Consiglio sulle norme minime per l'applicazione dei regolamenti (CEE) n. 3820/85 e (CEE) n. 3821/85 del Consiglio relativi a disposizioni in materia sociale nel settore dei trasporti su strada e che abroga la direttiva 88/599/CEE del Consiglio; 2009/5/CE della Commissione, del 30 gennaio 2009, che modifica l'allegato III della direttiva 2006/22/CE del Parlamento europeo e del Consiglio sulle norme minime per l'applicazione dei regolamenti (CEE) n. 3820/85 e (CEE) n. 3821/85 del Consiglio relativi a disposizioni in materia sociale nel settore dei trasporti su strada; 2009/12/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 marzo 2009, concernente i diritti aeroportuali; 2009/13/CE del Consiglio, del 16 febbraio 2009, recante attuazione dell'accordo concluso dall'Associazione armatori della Comunita' europea (ECSA) e dalla Federazione europea dei lavoratori dei trasporti (ETF) sulla convenzione sul lavoro marittimo del 2006 e modifica della direttiva 1999/63/CE; 2009/14/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, dell'11 marzo 2009, recante modifica della direttiva 94/19/CE relativa ai sistemi di garanzia dei depositi per quanto riguarda il livello di copertura e il termine di rimborso; 2009/16/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, relativa al controllo da parte dello Stato di approdo (rifusione); 2009/17/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, recante modifica della direttiva 2002/59/CE relativa all'istituzione di un sistema comunitario di monitoraggio del traffico navale e d'informazione; 2009/18/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, che stabilisce i principi fondamentali in materia di inchieste sugli incidenti nel settore del trasporto marittimo e che modifica la direttiva 1999/35/CE del Consiglio e la direttiva 2002/59/CE del Parlamento europeo e del Consiglio; 2009/21/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, relativa al rispetto degli obblighi dello Stato di bandiera; 2009/28/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, sulla promozione dell'uso dell'energia da fonti rinnovabili, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 2001/77/CE e 2003/30/CE; 2009/29/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, che modifica la direttiva 2003/87/CE al fine di perfezionare ed estendere il sistema comunitario per lo scambio di quote di emissione di gas a effetto serra; 2009/30/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, che modifica la direttiva 98/70/CE per quanto riguarda le specifiche relative a benzina, combustibile diesel e gasolio nonche' l'introduzione di un meccanismo inteso a controllare e ridurre le emissioni di gas a effetto serra, modifica la direttiva 1999/32/CE del Consiglio per quanto concerne le specifiche relative al combustibile utilizzato dalle navi adibite alla navigazione interna e abroga la direttiva 93/12/CEE; 2009/31/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, relativa allo stoccaggio geologico di biossido di carbonio e recante modifica della direttiva 85/337/CEE del Consiglio, delle direttive del Parlamento europeo e del Consiglio 2000/60/CE, 2001/80/CE, 2004/35/CE, 2006/12/CE, 2008/1/CE e del regolamento (CE) n. 1013/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio; 2009/33/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 23 aprile 2009, relativa alla promozione di veicoli puliti e a basso consumo energetico nel trasporto su strada; 2009/44/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 6 maggio 2009, che modifica la direttiva 98/26/CE concernente il carattere definitivo del regolamento nei sistemi di pagamento e nei sistemi di regolamento titoli e la direttiva 2002/47/CE relativa ai contratti di garanzia finanziaria per quanto riguarda i sistemi connessi e i crediti; 2009/48/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 giugno 2009, sulla sicurezza dei giocattoli; 2009/49/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 giugno 2009, che modifica le direttive 78/660/CEE e 83/349/CEE del Consiglio per quanto riguarda taluni obblighi di comunicazione a carico delle societa' di medie dimensioni e l'obbligo di redigere conti consolidati; 2009/53/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 giugno 2009, che modifica le direttive 2001/82/CE e 2001/83/CE per quanto concerne le modifiche dei termini delle autorizzazioni all'immissione in commercio dei medicinali; 2009/54/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 18 giugno 2009, sull'utilizzazione e la commercializzazione delle acque minerali naturali; 2009/69/CE del Consiglio, del 25 giugno 2009, che modifica la direttiva 2006/112/CE relativa al sistema comune d'imposta sul valore aggiunto in relazione all'evasione fiscale connessa all'importazione; 2009/71/EURATOM del Consiglio, del 25 giugno 2009, che istituisce un quadro comunitario per la sicurezza nucleare degli impianti nucleari; 2009/72/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 luglio 2009, relativa a norme comuni per il mercato interno dell'energia elettrica e che abroga la direttiva 2003/54/CE; 2009/73/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 luglio 2009, relativa a norme comuni per il mercato interno del gas naturale e che abroga la direttiva 2003/55/CE; 2009/81/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 luglio 2009, relativa al coordinamento delle procedure per l'aggiudicazione di taluni appalti di lavori, di forniture e di servizi nei settori della difesa e della sicurezza da parte delle amministrazioni aggiudicatrici/degli enti aggiudicatori, e recante modifica delle direttive 2004/17/CE e 2004/18/CE; 2009/90/CE della Commissione, del 31 luglio 2009, che stabilisce, conformemente alla direttiva 2000/60/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, specifiche tecniche per l'analisi chimica e il monitoraggio dello stato delle acque; 2009/101/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 settembre 2009, intesa a coordinare, per renderle equivalenti, le garanzie che sono richieste, negli Stati membri, alle societa' a mente dell'art. 48, secondo comma, del trattato per proteggere gli interessi dei soci e dei terzi; 2009/102/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 settembre 2009, in materia di diritto delle societa', relativa alle societa' a responsabilita' limitata con un unico socio (Versione codificata); 2009/107/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 settembre 2009, recante modifica della direttiva 98/8/CE, relativa all'immissione sul mercato dei biocidi, per quanto riguarda l'estensione di determinati periodi di tempo; 2009/111/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 16 settembre 2009, che modifica le direttive 2006/48/CE, 2006/49/CE e 2007/64/CE per quanto riguarda gli enti creditizi collegati a organismi centrali, taluni elementi dei fondi propri, i grandi fidi, i meccanismi di vigilanza e la gestione delle crisi; 2009/119/CE del Consiglio, del 14 settembre 2009, che stabilisce l'obbligo per gli Stati membri di mantenere un livello minimo di scorte di petrolio greggio e/o di prodotti petroliferi; 2009/123/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 ottobre 2009, che modifica la direttiva 2005/35/CE relativa all'inquinamento provocato dalle navi e all'introduzione di sanzioni per violazioni; 2009/125/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 21 ottobre 2009, relativa all'istituzione di un quadro per l'elaborazione di specifiche per la progettazione ecocompatibile dei prodotti connessi all'energia (rifusione); 2009/131/CE della Commissione, del 16 ottobre 2009, che modifica l'allegato VII della direttiva 2008/57/CE del Parlamento europeo e del Consiglio relativa all'interoperabilita' del sistema ferroviario comunitario; 2009/138/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 25 novembre 2009, in materia di accesso ed esercizio delle attivita' di assicurazione e di riassicurazione (solvibilita' II) (rifusione); 2009/148/CE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 30 novembre 2009, sulla protezione dei lavoratori contro i rischi connessi con un'esposizione all'amianto durante il lavoro (Versione codificata); 2009/149/CE della Commissione, del 27 novembre 2009, che modifica la direttiva 2004/49/CE del Parlamento europeo e del Consiglio per quanto riguarda gli indicatori comuni di sicurezza e i metodi comuni di calcolo dei costi connessi agli incidenti; 2010/12/UE del Consiglio, del 16 febbraio 2010, recante modifica delle direttive 92/79/CEE, 92/80/CEE e 95/59/CE per quanto concerne la struttura e le aliquote delle accise che gravano sui tabacchi lavorati e della direttiva 2008/118/CE." - La decisione 2455/01/CE e' pubblicata nella G.U.C.E. 15 dicembre 2001, n. L 331. - Il testo della parte terza, dell'allegato 1 e dell'allegato 3, del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 (Norme in materia ambientale), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 14 aprile 2006, n. 88, S.O. cosi' recitano: «Parte terza Norme in materia di difesa del suolo e lotta alla desertificazione, di tutela delle acque dall'inquinamento e di gestione delle risorse idriche Sezione I Norme in materia di difesa del suolo e lotta alla desertificazione Titolo I PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE Capo I Principi generali Capo II Competenze Titolo II I DISTRETTI IDROGRAFICI, GLI STRUMENTI, GLI INTERVENTI Capo I Distretti idrografici Capo II Gli strumenti Capo III Gli interventi Sezione II Tutela delle acque dall'inquinamento Titolo I PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE Titolo II OBIETTIVI DI QUALITA' Capo I Obiettivo di qualita' ambientale e obiettivo di qualita' per specifica destinazione Capo II Acque a specifica destinazione Titolo III TUTELA DEI CORPI IDRICI E DISCIPLINA DEGLI SCARICHI Capo I Aree richiedenti specifiche misure di prevenzione dall'inquinamento e di risanamento Capo II Tutela quantitativa della risorsa e risparmio idrico Capo III Tutela qualitativa della risorsa: disciplina degli scarichi Capo IV Ulteriori misure per la tutela dei corpi idrici Titolo IV STRUMENTI DI TUTELA Capo I Piani di gestione e piani di tutela delle acque Capo II Autorizzazione agli scarichi Capo III Controllo degli scarichi Titolo V SANZIONI Capo I Sanzioni amministrative Capo II Sanzioni penali Sezione III Gestione delle risorse idriche Titolo I PRINCIPI GENERALI E COMPETENZE Titolo II SERVIZIO IDRICO INTEGRATO Titolo III VIGILANZA, CONTROLLI E PARTECIPAZIONE Titolo IV USI PRODUTTIVI DELLE RISORSE IDRICHE Sezione IV Disposizioni transitorie e finali». «Allegati alla parte III Allegato 1 Monitoraggio e classificazione delle acque in funzione degli obiettivi di qualita' ambientale Allegato 3 Rilevamento delle caratteristiche dei bacini idrografici e analisi dell'impatto esercitato dall'attivita' antropica». - Il testo del comma 1 dell'art. 1, del decreto-legge 30 dicembre 2008, n. 208 «Misure straordinarie in materia di risorse idriche e di protezione dell'ambiente.», pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 31 dicembre 2008, n. 304, cosi' recita: «Art. 1 (Autorita' di bacino di rilievo nazionale). - 1. Il comma 2-bis dell'art. 170 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e' sostituito dal seguente: "2-bis. Nelle more della costituzione dei distretti idrografici di cui al Titolo II della Parte terza del presente decreto e della eventuale revisione della relativa disciplina legislativa, le Autorita' di bacino di cui alla legge 18 maggio 1989, n. 183, sono prorogate, senza nuovi o maggiori oneri a carico della finanza pubblica, fino alla data di entrata in vigore del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri di cui al comma 2, dell'art. 63 del presente decreto.".». - Il testo dell'art. 9 del decreto legislativo 16 marzo 2009 n. 30 (Attuazione della direttiva 2006/118/CE, relativa alla protezione delle acque sotterranee dall'inquinamento e dal deterioramento), pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 4 aprile 2009, n. 79, cosi' recita: «Art. 9 (Modifiche alla Parte terza del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni). - 1. Alla Parte Terza del decreto legislativo n. 152 del 2006, e successive modificazioni, sono apportate le seguenti modifiche: a) le lettere i), aa) e dd) del comma 2 dell'art. 74 sono rispettivamente sostituite dalle lettere m), c) e d) dell'art. 2 del presente decreto; b) il punto 1.2 dell'Allegato 1 e' sostituito dall'Allegato 1, Parte A, al presente decreto; c) la lettera B del punto 2 dell'Allegato 1 e' sostituita dagli Allegati 3 e 4 al presente decreto; d) i punti 2.1 e 2.3 del punto 2 dell'Allegato 3 sono sostituiti dall'Allegato 1, Parte B al presente decreto.». Note all'art. 1: - Si riporta il testo dell'art. 74, del citato decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, cosi' come modificato dal presente decreto: «Art. 74 (Definizioni). - 1. Ai fini della presente sezione si intende per: a) abitante equivalente: il carico organico biodegradabile avente una richiesta biochimica di ossigeno a 5 giorni (BOD5) pari a 60 grammi di ossigeno al giorno; b) acque ciprinicole: le acque in cui vivono o possono vivere pesci appartenenti ai ciprinidi (Cyprinidae) o a specie come i lucci, i pesci persici e le anguille; c) acque costiere: le acque superficiali situate all'interno rispetto a una retta immaginaria distante, in ogni suo punto, un miglio nautico sul lato esterno dal punto piu' vicino della linea di base che serve da riferimento per definire il limite delle acque territoriali e che si estendono eventualmente fino al limite esterno delle acque di transizione; d) acque salmonicole: le acque in cui vivono o possono vivere pesci appartenenti a specie come le trote, i temoli e i coregoni; e) estuario: l'area di transizione tra le acque dolci e le acque costiere alla foce di un fiume, i cui limiti esterni verso il mare sono definiti con decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio; in via transitoria tali limiti sono fissati a cinquecento metri dalla linea di costa; f) acque dolci: le acque che si presentano in natura con una concentrazione di sali tale da essere considerate appropriate per l'estrazione e il trattamento al fine di produrre acqua potabile; g) acque reflue domestiche: acque reflue provenienti da insediamenti di tipo residenziale e da servizi e derivanti prevalentemente dal metabolismo umano e da attivita' domestiche; h) "acque reflue industriali": qualsiasi tipo di acque reflue scaricate da edifici od impianti in cui si svolgono attivita' commerciali o di produzione di beni, diverse dalle acque reflue domestiche e dalle acque meteoriche di dilavamento; i) "acque reflue urbane": acque reflue domestiche o il miscuglio di acque reflue domestiche, di acque reflue industriali ovvero meteoriche di dilavamento convogliate in reti fognarie, anche separate, e provenienti da agglomera; l) acque sotterranee: tutte le acque che si trovano al di sotto della superficie del suolo, nella zona di saturazione e in diretto contatto con il suolo e il sottosuolo; m) acque termali: le acque minerali naturali di cui all'art. 2, comma 1, lettera a), della legge 24 ottobre 2000, n. 323, utilizzate per le finalita' consentite dalla stessa legge; n) agglomerato: l'area in cui la popolazione, ovvero le attivita' produttive, sono concentrate in misura tale da rendere ammissibile, sia tecnicamente che economicamente in rapporto anche ai benefici ambientali conseguibili, la raccolta e il convogliamento delle acque reflue urbane verso un sistema di trattamento o verso un punto di recapito fina; o) applicazione al terreno: l'apporto di materiale al terreno mediante spandimento e/o mescolamento con gli strati superficiali, iniezione, interramento; p) utilizzazione agronomica: la gestione di effluenti di allevamento, acque di vegetazione residuate dalla lavorazione delle olive, acque reflue provenienti da aziende agricole e piccole aziende agro-alimentari, dalla loro produzione fino all'applicazione al terreno ovvero al loro utilizzo irriguo o fertirriguo, finalizzati all'utilizzo delle sostanze nutritive e ammendanti nei medesimi contenute; q) autorita' d'ambito: la forma di cooperazione tra comuni e province per l'organizzazione del servizio idrico integrato; r) gestore del servizio idrico integrato: il soggetto che gestisce il servizio idrico integrato in un ambito territoriale ottimale ovvero il gestore esistente del servizio pubblico soltanto fino alla piena operativita' del servizio idrico integrato; s) bestiame: tutti gli animali allevati per uso o profitto; t) composto azotato: qualsiasi sostanza contenente azoto, escluso quello allo stato molecolare gassoso; u) concimi chimici: qualsiasi fertilizzante prodotto mediante procedimento industriale; v) effluente di allevamento: le deiezioni del bestiame o una miscela di lettiera e di deiezione di bestiame, anche sotto forma di prodotto trasformato, ivi compresi i reflui provenienti da attivita' di piscicoltura; z) eutrofizzazione: arricchimento delle acque di nutrienti, in particolare modo di composti dell'azoto e/o del fosforo, che provoca una abnorme proliferazione di alghe e/o di forme superiori di vita vegetale, producendo la perturbazione dell'equilibrio degli organismi presenti nell'acqua e della qualita' delle acque interessate; aa) fertilizzante: fermo restando quanto disposto dalla legge 19 ottobre 1984, n. 748, le sostanze contenenti uno o piu' composti azotati, compresi gli effluenti di allevamento, i residui degli allevamenti ittici e i fanghi, sparse sul terreno per stimolare la crescita della vegetazione; bb) fanghi: i fanghi residui, trattati o non trattati, provenienti dagli impianti di trattamento delle acque reflue urbane; cc) inquinamento: l'introduzione diretta o indiretta, a seguito di attivita' umana, di sostanze o di calore nell'aria, nell'acqua o nel terreno che possono nuocere alla salute umana o alla qualita' degli ecosistemi acquatici o degli ecosistemi terrestri che dipendono direttamente da ecosistemi acquatici, perturbando, deturpando o deteriorando i valori ricreativi o altri legittimi usi dell'ambiente; dd) "rete fognaria": un sistema di condotte per la raccolta e il convogliamento delle acque reflue urbane; ee) fognatura separata: la rete fognaria costituita da due canalizzazioni, la prima delle quali adibita alla raccolta ed al convogliamento delle sole acque meteoriche di dilavamento, e dotata o meno di dispositivi per la raccolta e la separazione delle acque di prima pioggia, e la seconda adibita alla raccolta ed al convogliamento delle acque reflue urbane unitamente alle eventuali acque di prima pioggia; ff) scarico: qualsiasi immissione effettuata esclusivamente tramite un sistema stabile di collettamento che collega senza soluzione di continuita' il ciclo di produzione del refluo con il corpo ricettore acque superficiali, sul suolo, nel sottosuolo e in rete fognaria, indipendentemente dalla loro natura inquinante, anche sottoposte a preventivo trattamento di depurazione. Sono esclusi i rilasci di acque previsti all'art. 114; gg) acque di scarico: tutte le acque reflue provenienti da uno scarico; hh) scarichi esistenti: gli scarichi di acque reflue urbane che alla data del 13 giugno 1999 erano in esercizio e conformi al regime autorizzativo previgente e gli scarichi di impianti di trattamento di acque reflue urbane per i quali alla stessa data erano gia' state completate tutte le procedure relative alle gare di appalto e all'affidamento dei lavori, nonche' gli scarichi di acque reflue domestiche che alla data del 13 giugno 1999 erano in esercizio e conformi al previgente regime autorizzativo e gli scarichi di acque reflue industriali che alla data del 13 giugno 1999 erano in esercizio e gia' autorizzati; ii) trattamento appropriato: il trattamento delle acque reflue urbane mediante un processo ovvero un sistema di smaltimento che, dopo lo scarico, garantisca la conformita' dei corpi idrici recettori ai relativi obiettivi di qualita' ovvero sia conforme alle disposizioni della parte terza del presente decreto; ll) trattamento primario: il trattamento delle acque reflue che comporti la sedimentazione dei solidi sospesi mediante processi fisici e/o chimico-fisici e/o altri, a seguito dei quali prima dello scarico il BOD5 delle acque in trattamento sia ridotto almeno del 20 per cento ed i solidi sospesi totali almeno del 50 per cento; mm) trattamento secondario: il trattamento delle acque reflue mediante un processo che in genere comporta il trattamento biologico con sedimentazione secondaria, o mediante altro processo in cui vengano comunque rispettati i requisiti di cui alla tabella 1 dell'Allegato 5 alla parte terza del presente decreto; nn) stabilimento industriale, stabilimento: tutta l'area sottoposta al controllo di un unico gestore, nella quale si svolgono attivita' commerciali o industriali che comportano la produzione, la trasformazione e/o l'utilizzazione delle sostanze di cui all'Allegato 8 alla parte terza del presente decreto, ovvero qualsiasi altro processo produttivo che comporti la presenza di tali sostanze nello scarico; oo) valore limite di emissione: limite di accettabilita' di una sostanza inquinante con tenuta in uno scarico, misurata in concentrazione, oppure in massa per unita' di prodotto o di materia prima lavorata, o in massa per unita' di tempo; i valori limite di emissione possono essere fissati anche per determinati gruppi, famiglie o categorie di sostanze. I valori limite di emissione delle sostanze si applicano di norma nel punto di fuoriuscita delle emissioni dall'impianto, senza tener conto dell'eventuale diluizione; l'effetto di una stazione di depurazione di acque reflue puo' essere preso in considerazione nella determinazione dei valori limite di emissione dell'impianto, a condizione di garantire un livello equivalente di protezione dell'ambiente nel suo insieme e di non portare carichi inquinanti maggiori nell'ambiente; pp) zone vulnerabili: zone di territorio che scaricano direttamente o indirettamente composti azotati di origine agricola o zootecnica in acque gia' inquinate o che potrebbero esserlo in conseguenza di tali tipi di scarichi. 2. Ai fini della presente sezione si intende inoltre per: a) acque superficiali: le acque interne ad eccezione di quelle sotterranee, le acque di transizione e le acque costiere, tranne per quanto riguarda lo stato chimico, in relazione al quale sono incluse anche le acque territoriali; b) acque interne: tutte le acque superficiali correnti o stagnanti, e tutte le acque sotterranee all'interno della linea di base che serve da riferimento per definire il limite delle acque territoriali; c) fiume: un corpo idrico interno che scorre prevalentemente in superficie ma che puo' essere parzialmente sotterraneo; d) lago: un corpo idrico superficiale interno fermo; e) acque di transizione: i corpi idrici superficiali in prossimita' della foce di un fiume, che sono parzialmente di natura salina a causa della loro vicinanza alle acque costiere, ma sostanzialmente influenzate dai flussi di acqua dolce; f) corpo idrico artificiale: un corpo idrico superficiale creato da un'attivita' umana; g) corpo idrico fortemente modificato: un corpo idrico superficiale la cui natura, a seguito di alterazioni fisiche dovute a un'attivita' umana, e' sostanzialmente modificata, come risulta dalla designazione fattane dall'autorita' competente in base alle disposizioni degli articoli 118 e 120; h) corpo idrico superficiale: un elemento distinto e significativo di acque superficiali, quale un lago, un bacino artificiale, un torrente, fiume o canale, parte di un torrente, fiume o canale, acque di transizione o un tratto di acque costiere; i) acquifero: uno o piu' strati sotterranei di roccia o altri strati geologici di permeabilita' sufficiente da consentire un flusso significativo di acque sotterranee o l'estrazione di quantita' significative di acque sotterranee; l) corpo idrico sotterraneo: un volume distinto di acque sotterranee contenute da una o piu' falde acquifere; m) bacino idrografico: il territorio nel quale scorrono tutte le acque superficiali attraverso una serie di torrenti, fiumi ed eventualmente laghi per sfociare al mare in un'unica foce, a estuario o delta; n) sotto-bacino idrografico: il territorio nel quale scorrono tutte le acque superficiali attraverso una serie di torrenti, fiumi e laghi per sfociare in un punto specifico di un corso d'acqua, di solito un lago o la confluenza di un fiume; o) distretto idrografico: l'area di terra e di mare, costituita da uno o piu' bacini idrografici limitrofi e dalle rispettive acque sotterranee e costiere che costituisce la principale unita' per la gestione dei bacini idrografici; p) stato delle acque superficiali: l'espressione complessiva dello stato di un corpo idrico superficiale, determinato dal valore piu' basso del suo stato ecologico e chimico; q) buono stato delle acque superficiali: lo stato raggiunto da un corpo idrico superficiale qualora il suo stato, tanto sotto il profilo ecologico quanto sotto quello chimico, possa essere definito almeno "buono"; r) stato delle acque sotterranee: l'espressione complessiva dello stato di un corpo idrico sotterraneo, determinato dal valore piu' basso del suo stato quantitativo e chimico; s) buono stato delle acque sotterranee: lo stato raggiunto da un corpo idrico sotterraneo qualora il suo stato, tanto sotto il profilo quantitativo quanto sotto quello chimico, possa essere definito almeno "buono"; t) stato ecologico: l'espressione della qualita' della struttura e del funzionamento degli ecosistemi acquatici associati alle acque superficiali, classificato a norma dell'Allegato 1 alla parte terza del presente decreto; u) buono stato ecologico: lo stato di un corpo idrico superficiale classificato in base all'Allegato 1 alla parte terza del presente decreto; v) buon potenziale ecologico: lo stato di un corpo idrico artificiale o fortemente modificato, cosi' classificato in base alle disposizioni pertinenti dell'Allegato 1 alla parte terza del presente decreto; z) buono stato chimico delle acque superficiali: lo stato chimico richiesto per conseguire, entro il 22 dicembre 2015, gli obiettivi ambientali per le acque superficiali fissati dalla presente sezione ossia lo stato raggiunto da un corpo idrico superficiale nel quale la concentrazione degli inquinanti non superi gli standard di qualita' ambientali fissati per le sostanze dell'elenco di priorita' di cui alla tabella 1/A della lettera A.2.6 dell'allegato 1 alla parte terza; aa) buono stato chimico: lo stato chimico di un corpo idrico sotterraneo che risponde alle condizioni di cui agli articoli 3 e 4 ed all'Allegato 3, Parte A; bb) stato quantitativo: l'espressione del grado in cui un corpo idrico sotterraneo e' modificato da estrazioni dirette e indirette; cc) risorse idriche sotterranee disponibili: il risultato della velocita' annua media di ravvenamento globale a lungo termine del corpo idrico sotterraneo meno la velocita' annua media a lungo termine del flusso necessario per raggiungere gli obiettivi di qualita' ecologica per le acque superficiali connesse, di cui all'art. 76, al fine di evitare un impoverimento significativo dello stato ecologico di tali acque, nonche' danni rilevanti agli ecosistemi terrestri connessi; dd) buono stato quantitativo: stato definito all'Allegato 3, Parte B; ee) sostanze pericolose: le sostanze o gruppi di sostanze tossiche, persistenti e bio-accumulabili e altre sostanze o gruppi di sostanze che danno adito a preoccupazioni analoghe; ff) sostanze prioritarie e sostanze pericolose prioritarie: le sostanze individuate con disposizioni comunitarie ai sensi dell'art. 16 della direttiva 2000/60/CE; gg) inquinante: qualsiasi sostanza che possa inquinare, in particolare quelle elencate nell'Allegato 8 alla parte terza del presente decreto; hh) immissione diretta nelle acque sotterranee: l'immissione di inquinanti nelle acque sotterranee senza infiltrazione attraverso il suolo o il sottosuolo; ii) obiettivi ambientali: gli obiettivi fissati dal titolo II della parte terza del presente decreto; ll) standard di qualita' ambientale: la concentrazione di un particolare inquinante o gruppo di inquinanti nelle acque, nei sedimenti e nel biota che non deve essere superata per tutelare la salute umana e l'ambiente; mm) approccio combinato: l'insieme dei controlli, da istituire o realizzare, salvo diversa indicazione delle normative di seguito citate, entro il 22 dicembre 2012, riguardanti tutti gli scarichi nelle acque superficiali, comprendenti i controlli sulle emissioni basati sulle migliori tecniche disponibili, quelli sui pertinenti valori limite di emissione e, in caso di impatti diffusi, quelli comprendenti, eventualmente, le migliori prassi ambientali; tali controlli sono quelli stabiliti: 1) nel decreto legislativo 18 febbraio 2005, n. 59, sulla prevenzione e la riduzione integrate dell'inquinamento; 2) nella parte terza del presente decreto in materia di acque reflue urbane, nitrati provenienti da fonti agricole, sostanze che presentano rischi significativi per l'ambiente acquatico o attraverso l'ambiente acquatico, inclusi i rischi per le acque destinate alla produzione di acqua potabile e di scarichi di Hg, Cd, HCH, DDT, PCP, aldrin, dieldrin, endrin, HCB, HCBD, cloroformio, tetracloruro di carbonio, EDC, tricloroetilene, TCB e percloroetilene; nn) acque destinate al consumo umano: le acque disciplinate dal decreto legislativo 2 febbraio 2001, n. 31; oo) servizi idrici: tutti i servizi che forniscono alle famiglie, agli enti pubblici o a qualsiasi attivita' economica: 1) estrazione, arginamento, stoccaggio, trattamento e distribuzione di acque superficiali o sotterranee; 2) strutture per la raccolta e il trattamento delle acque reflue, che successivamente scaricano nelle acque superficiali; pp) utilizzo delle acque: i servizi idrici unitamente agli altri usi risultanti dall'attivita' conoscitiva di cui all'art. 118 che incidono in modo significativo sullo stato delle acque. Tale nozione si applica ai fini dell'analisi economica di cui all'Allegato 10 alla parte terza del presente decreto; qq) (abrogata); rr) controlli delle emissioni: i controlli che comportano una limitazione specifica delle emissioni, ad esempio un valore limite delle emissioni, oppure che definiscono altrimenti limiti o condizioni in merito agli effetti, alla natura o ad altre caratteristiche di un'emissione o condizioni operative che influiscono sulle emissioni; ss) costi ambientali: i costi legati ai danni che l'utilizzo stesso delle risorse idriche causa all'ambiente, agli ecosistemi e a coloro che usano l'ambiente; tt) costi della risorsa: i costi delle mancate opportunita' imposte ad altri utenti in conseguenza dello sfruttamento intensivo delle risorse al di la' del loro livello di ripristino e ricambio naturale; uu) impianto: l'unita' tecnica permanente in cui sono svolte una o piu' attivita' di cui all'Allegato I del decreto legislativo 18 febbraio 2005, n. 59, e qualsiasi altra attivita' accessoria, che siano tecnicamente connesse con le attivita' svolte in uno stabilimento e possono influire sulle emissioni e sull'inquinamento; nel caso di attivita' non rientranti nel campo di applicazione del decreto legislativo 18 febbraio 2005, n. 59, l'impianto si identifica nello stabilimento. Nel caso di attivita' di cui all'Allegato I del predetto decreto, l'impianto si identifica con il complesso assoggettato alla disciplina della prevenzione e controllo integrati dell'inquinamento; uu-bis) limite di rivelabilita': il segnale in uscita o il valore di concentrazione al di sopra del quale si puo' affermare, con un livello di fiducia dichiarato, che un dato campione e' diverso da un bianco che non contiene l'analita; uu-ter) limite di quantificazione: un multiplo dichiarato del limite di rivelabilita' a una concentrazione dell'analita che puo' ragionevolmente essere determinata con accettabile accuratezza e precisione. Il limite di quantificazione puo' essere calcolato servendosi di un materiale di riferimento o di un campione adeguato e puo' essere ottenuto dal punto di taratura piu' basso sulla curva di taratura, dopo la sottrazione del bianco; uu-quater) incertezza di misura: un parametro non negativo che caratterizza la dispersione dei valori quantitativi attribuiti a un misurando sulla base delle informazioni utilizzate; uu-quinquies) materiale di riferimento: materiale sufficientemente omogeneo e stabile rispetto a proprieta' specificate, che si e' stabilito essere idonee per un determinato utilizzo in una misurazione o nell'esame di proprieta' nominali.». - Si riporta il testo dell'art. 118, del citato decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, cosi' come modificato dal presente decreto: «Art. 118 (Rilevamento delle caratteristiche del bacino idrografico ed analisi dell'impatto esercitato dall'attivita' antropica). - 1. Al fine di aggiornare le informazioni necessarie alla redazione del Piano di tutela di cui all'art. 121, le regioni attuano appositi programmi di rilevamento dei dati utili a descrivere le caratteristiche del bacino idrografico e a valutare l'impatto antropico esercitato sul medesimo, nonche' alla raccolta dei dati necessari all'analisi economica dell'utilizzo delle acque, secondo quanto previsto dall'Allegato 10 alla parte terza del presente decreto. Le risultanze delle attivita' di cui sopra sono trasmesse al Ministero dell'ambiente e della tutela del territorio ed al Dipartimento tutela delle acque interne e marine dell'Agenzia per la protezione dell'ambiente e per i servizi tecnici (APAT). 2. I programmi di cui al comma 1 sono adottati in conformita' alle indicazioni di cui all'Allegato 3 alla parte terza del presente decreto e di cui alle disposizioni adottate con apposito decreto dal Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e sono aggiornati entro il 22 dicembre 2013 e successivamente ogni sei anni. 3. Nell'espletamento dell'attivita' conoscitiva di cui al comma 1, le regioni sono tenute ad utilizzare i dati e le informazioni gia' acquisite.». - Per i riferimenti all'allegato 1 della parte terza si vedano le note alle premesse. Art. 2 Abrogazioni 1. All'allegato al decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio in data 18 settembre 2002, pubblicato nel Supplemento Ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 245 del 18 ottobre 2002, alla parte B (scarichi industriali e da insediamenti produttivi), parte prima del settore 2 (Disciplina degli scarichi), le schede con numerazione da 7 a 26 sono abrogate. 2. Il decreto del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio 6 novembre 2003, n. 367, e' abrogato. Note all'art. 2: - Il decreto ministeriale 6 novembre 2003, n. 367, abrogato dal presente decreto, recava: «Regolamento concernente la fissazione di standard di qualita' nell'ambiente acquatico per le sostanze pericolose, ai sensi dell'art. 3, comma 4, del decreto legislativo 11 maggio 1999, n. 152.». Art. 3 Disposizioni finanziarie 1. Dall'attuazione del presente decreto non devono derivare nuovi o maggiori oneri, ne' minori entrate a carico della finanza pubblica. 2. Le autorita' pubbliche provvedono all'attuazione delle disposizioni di cui al presente decreto nell'ambito delle proprie attivita' istituzionali ed utilizzando a tali fini le risorse umane, finanziarie e strumentali disponibili a legislazione vigente. Art. 4 Disposizioni transitorie 1. Ai fini dell'adempimento degli obblighi derivanti dalle direttive 2000/60/CE e 2007/60/CE, nelle more della costituzione delle autorita' di bacino distrettuali di cui all'articolo 63 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152, e successive modificazioni: a) le autorita' di bacino di rilievo nazionale, di cui alla legge 18 maggio 1989, n. 183, provvedono all'aggiornamento dei piani di gestione previsti all'articolo 13 della direttiva 2000/60/CE. A tale fine dette autorita' svolgono funzioni di coordinamento nei confronti delle regioni ricadenti nei rispettivi distretti idrografici; b) le autorita' di bacino di rilievo nazionale, di cui alla legge 18 maggio 1989, n. 183, e le regioni, ciascuna per la parte di territorio di propria competenza, provvedono all'adempimento degli obblighi previsti dal decreto legislativo 23 febbraio 2010, n. 49. Ai fini della predisposizione degli strumenti di pianificazione di cui al predetto decreto legislativo n. 49 del 2010, le autorita' di bacino di rilievo nazionale svolgono la funzione di coordinamento nell'ambito del distretto idrografico di appartenenza. 2. Agli adempimenti di cui al comma 1, lettere a) e b), nel caso di distretti nei quali non e' presente alcuna autorita' di bacino di rilievo nazionale, provvedono le regioni. 3. L'approvazione di atti di rilevanza distrettuale e' effettuata dai comitati istituzionali e tecnici delle autorita' di bacino di rilievo nazionale, integrati da componenti designati dalle regioni il cui territorio ricade nel distretto idrografico a cui gli atti si riferiscono se non gia' rappresentate nei medesimi comitati. Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara' inserito nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica italiana. E' fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo osservare. Dato a Roma, addi' 10 dicembre 2010 NAPOLITANO Berlusconi, Presidente del Consiglio dei Ministri Prestigiacomo, Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio e del mare Frattini, Ministro degli affari esteri Alfano, Ministro della giustizia Tremonti, Ministro dell'economia e delle finanze Romani, Ministro dello sviluppo economico Fazio, Ministro della salute Galan, Ministro delle politiche agricole alimentari e forestali Fitto, Ministro per i rapporti con le regioni e per la coesione territoriale Visto, il Guardasigilli: Alfano Note all'art. 4: - La direttiva 2000/60/CE e' pubblicata nella G.U.C.E. 22 dicembre 2000, n. L 327. - La direttiva 2007/60/CE e' pubblicata nella G.U.U.E. 6 novembre 2007, n. L 288. - Il testo dell'art. 63 del decreto legislativo 3 aprile 2006, n 152 e successive modificazioni, citato nelle premesse cosi' recita: «Art. 63 (Autorita' di bacino distrettuale). - 1. In ciascun distretto idrografico di cui all'art. 64 e' istituita l'Autorita' di bacino distrettuale, di seguito Autorita' di bacino, ente pubblico non economico che opera in conformita' agli obiettivi della presente sezione ed uniforma la propria attivita' a criteri di efficienza, efficacia, economicita' e pubblicita'. 2. Sono organi dell'Autorita' di bacino: la Conferenza istituzionale permanente, il Segretario generale, la Segreteria tecnico-operativa e la Conferenza operativa di servizi. Con decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio di concerto con il Ministro dell'economia e delle finanze e con il Ministro per la funzione pubblica, da emanarsi sentita la Conferenza permanente Stato-regioni entro trenta giorni dalla data di entrata in vigore della parte terza del presente decreto, sono definiti i criteri e le modalita' per l'attribuzione o il trasferimento del personale e delle risorse patrimoniali e finanziarie, salvaguardando i livelli occupazionali, definiti alla data del 31 dicembre 2005, e previa consultazione dei sindacati. 3. Le autorita' di bacino previste dalla legge 18 maggio 1989, n. 183, sono soppresse a far data dal 30 aprile 2006 e le relative funzioni sono esercitate dalle Autorita' di bacino distrettuale di cui alla parte terza del presente decreto. Il decreto di cui al comma 2 disciplina il trasferimento di funzioni e regolamenta il periodo transitorio. 4. Gli atti di indirizzo, coordinamento e pianificazione delle Autorita' di bacino vengono adottati in sede di Conferenza istituzionale permanente presieduta e convocata, anche su proposta delle amministrazioni partecipanti, dal Ministro dell'ambiente e della tutela del territorio su richiesta del Segretario generale, che vi partecipa senza diritto di voto. Alla Conferenza istituzionale permanente partecipano i Ministri dell'ambiente e della tutela del territorio , delle infrastrutture e dei trasporti, delle attivita' produttive, delle politiche agricole e forestali, per la funzione pubblica, per i beni e le attivita' culturali o i Sottosegretari dai medesimi delegati, nonche' i Presidenti delle regioni e delle province autonome il cui territorio e' interessato dal distretto idrografico o gli Assessori dai medesimi delegati, oltre al delegato del Dipartimento della protezione civile. Alle conferenze istituzionali permanenti del distretto idrografico della Sardegna e del distretto idrografico della Sicilia partecipano, oltre ai Presidenti delle rispettive regioni, altri due rappresentanti per ciascuna delle predette regioni, nominati dai Presidenti regionali. La conferenza istituzionale permanente delibera a maggioranza. Gli atti di pianificazione tengono conto delle risorse finanziarie previste a legislazione vigente. 5. La conferenza istituzionale permanente di cui al comma 4: a) adotta criteri e metodi per la elaborazione del Piano di bacino in conformita' agli indirizzi ed ai criteri di cui all'art. 57; b) individua tempi e modalita' per l'adozione del Piano di bacino, che potra' eventualmente articolarsi in piani riferiti a sub-bacini; c) determina quali componenti del piano costituiscono interesse esclusivo delle singole regioni e quali costituiscono interessi comuni a piu' regioni; d) adotta i provvedimenti necessari per garantire comunque l'elaborazione del Piano di bacino; e) adotta il Piano di bacino; f) controlla l'attuazione degli schemi previsionali e programmatici del Piano di bacino e dei programmi triennali e, in caso di grave ritardo nell'esecuzione di interventi non di competenza statale rispetto ai tempi fissati nel programma, diffida l'amministrazione inadempiente, fissando il termine massimo per l'inizio dei lavori. Decorso infruttuosamente tale termine, all'adozione delle misure necessarie ad assicurare l'avvio dei lavori provvede, in via sostitutiva, il Presidente della Giunta regionale interessata che, a tal fine, puo' avvalersi degli organi decentrati e periferici del Ministero delle infrastrutture e dei trasporti; g) nomina il Segretario generale. 6. La Conferenza operativa di servizi e' composta dai rappresentanti dei Ministeri di cui al comma 4, delle regioni e delle province autonome interessate, nonche' da un rappresentante del Dipartimento della protezione civile; e' convocata dal Segretario Generale, che la presiede, e provvede all'attuazione ed esecuzione di quanto disposto ai sensi del comma 5, nonche' al compimento degli atti gestionali. La conferenza operativa di servizi delibera a maggioranza. 7. Le Autorita' di bacino provvedono, tenuto conto delle risorse finanziarie previste a legislazione vigente: a) all'elaborazione del Piano di bacino distrettuale di cui all'art. 65; b) ad esprimere parere sulla coerenza con gli obiettivi del Piano di bacino dei piani e programmi comunitari, nazionali, regionali e locali relativi alla difesa del suolo, alla lotta alla desertificazione, alla tutela delle acque e alla gestione delle risorse idriche; c) all'elaborazione, secondo le specifiche tecniche che figurano negli allegati alla parte terza del presente decreto, di un'analisi delle caratteristiche del distretto, di un esame sull'impatto delle attivita' umane sullo stato delle acque superficiali e sulle acque sotterranee, nonche' di un'analisi economica dell'utilizzo idrico. 8. Fatte salve le discipline adottate dalle regioni ai sensi dell'art. 62, le Autorita' di bacino coordinano e sovrintendono le attivita' e le funzioni di titolarita' dei consorzi di bonifica integrale di cui al regio decreto 13 febbraio 1933, n. 215, nonche' del consorzio del Ticino - Ente autonomo per la costruzione, manutenzione ed esercizio dell'opera regolatrice del lago Maggiore, del consorzio dell'Oglio - Ente autonomo per la costruzione, manutenzione ed esercizio dell'opera regolatrice del lago d'Iseo e del consorzio dell'Adda - Ente autonomo per la costruzione, manutenzione ed esercizio dell'opera regolatrice del lago di Como, con particolare riguardo all'esecuzione, manutenzione ed esercizio delle opere idrauliche e di bonifica, alla realizzazione di azioni di salvaguardia ambientale e di risanamento delle acque, anche al fine della loro utilizzazione irrigua, alla rinaturalizzazione dei corsi d'acqua ed alla fitodepurazione.». - La legge 18 maggio 1989 n. 183 (Norme per il riassetto organizzativo e funzionale della difesa del suolo), e' pubblicata nella Gazzetta Ufficiale 25 maggio 1989, n. 120, S.O. - Il decreto legislativo 23 febbraio 2010, n. 49 (Attuazione della direttiva 2007/60/CE relativa alla valutazione e alla gestione dei rischi di alluvioni), e' pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 2 aprile 2010, n. 77.

DECRETO LEGISLATIVO 10 dicembre 2010, n. 219 – Attuazione della direttiva 2008/105/CE relativa a standard di qualita’ ambientale nel settore della politica delle acque, recante modifica e successiva abrogazione delle direttive 82/176/CEE, 83/513/CEE, 84/156/CEE, 84/491/CEE, 86/280/CEE, nonche’ modifica della direttiva 2000/60/CE e recepimento della direttiva 2009/90/CE che stabilisce, conformemente alla direttiva 2000/60/CE, specifiche tecniche per l’analisi chimica e il monitoraggio dello stato delle acque. (10G0244) – (GU n. 296 del 20-12-2010

Ingegneri.info