DECRETO LEGISLATIVO 14 gennaio 2008, n.22 - Definizione dei percorsi di orientamento finalizzati alle professioni e al lavoro, a norma dell'articolo 2, comma 1, della legge 11 gennaio 2007, n. 1. (GU n. 32 del 7-2-2008 | Ingegneri.info

DECRETO LEGISLATIVO 14 gennaio 2008, n.22 – Definizione dei percorsi di orientamento finalizzati alle professioni e al lavoro, a norma dell’articolo 2, comma 1, della legge 11 gennaio 2007, n. 1. (GU n. 32 del 7-2-2008

DECRETO LEGISLATIVO 14 gennaio 2008, n.22 - Definizione dei percorsi di orientamento finalizzati alle professioni e al lavoro, a norma dell'articolo 2, comma 1, della legge 11 gennaio 2007, n. 1. (GU n. 32 del 7-2-2008 )

DECRETO LEGISLATIVO 14 gennaio 2008, n.22
Definizione dei percorsi di orientamento finalizzati alle professioni e
al lavoro, a norma dell’articolo 2, comma 1, della legge 11 gennaio 2007,
n. 1.
IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA
Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;
Visto l’articolo 2, commi 1, lettera a), e 2, lettera a), della
legge 11 gennaio 2007, n. 1, e in particolare recante delega al
Governo per la definizione dei percorsi di orientamento per la scelta
dei percorsi della formazione tecnica superiore e dei percorsi
finalizzati alle professioni e al lavoro;
Visto il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, e successive
modificazioni;
Vista la legge 15 marzo 1997, n. 59, e successive modificazioni, ed
in particolare l’articolo 21;
Vista la legge 24 giugno 1997, n. 196, recante norme in materia di
promozione dell’occupazione;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 8 marzo 1999, n.
275, relativo al regolamento recante norme in materia di autonomia
delle istituzioni scolastiche;
Vista la legge 10 marzo 2000, n. 62, recante norme per la parita’
scolastica e disposizioni sul diritto allo studio e all’istruzione;
Vista la legge 14 febbraio 2003, n. 30, recante delega al Governo
in materia di occupazione e del mercato del lavoro;
Visto il decreto legislativo 10 settembre 2003, n. 276, riguardante
l’attuazione delle deleghe in materia di occupazione e mercato del
lavoro;
Visto il decreto legislativo 15 aprile 2005, n. 77, recante
definizione delle norme generali relative all’alternanza
scuola-lavoro;
Visto il decreto-legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito, con
modificazioni, dalla legge 17 luglio 2006, n. 233, con il quale, fra
l’altro, sono stati istituiti il Ministero della pubblica istruzione
ed il Ministero dell’universita’ e della ricerca;
Vista la legge 27 dicembre 2006, n. 296, e in particolare
l’articolo 1, commi 605 e 631;
Visto il decreto-legge 31 gennaio 2007, n. 7, convertito, con
modificazioni, dalla legge 2 aprile 2007, n. 40, ed in particolare
l’articolo 13, recante disposizioni urgenti in materia di istruzione
tecnico-professionale e di valorizzazione dell’autonomia scolastica;
Considerato che il Ministero della pubblica istruzione ha
sottoscritto appositi Protocolli di intesa con associazioni ed enti
per collegare organicamente le scuole con il mondo del lavoro;
Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri,
adottata nella riunione del 9 novembre 2007;
Sentita la Conferenza unificata di cui all’articolo 8 del decreto
legislativo 28 agosto 1997, n. 281;
Acquisiti i pareri delle competenti Commissioni del Senato della
Repubblica e della Camera dei deputati;
Ritenuto di non accogliere la condizione espressa dalla VII
Commissione permanente della Camera dei deputati relativa
all’inserimento degli operatori autorizzati ed accreditati di cui al
citato decreto legislativo n. 276 del 2003 tra i soggetti coinvolti
nelle azioni di orientamento predisposte dalle istituzioni
scolastiche;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 28 dicembre 2007;
Sulla proposta del Ministro dell’universita’ e della ricerca e del
Ministro della pubblica istruzione, di concerto con i Ministri del
lavoro e della previdenza sociale, dell’economia e delle finanze e
per gli affari regionali e le autonomie locali;
E m a n a
il seguente decreto legislativo:

Art. 1.
Oggetto e finalita’
1. Fermo restando quanto previsto dal decreto legislativo di cui
all’articolo 2, comma 1, lettera a), della legge 11 gennaio 2007, n.
1, in materia di orientamento ai fini dell’accesso ai percorsi
universitari ed a quelli dell’alta formazione artistica, musicale e
coreutica, le istituzioni scolastiche favoriscono e potenziano il
raccordo con il mondo delle professioni e del lavoro, realizzando
nell’ambito della propria autonomia amministrativa, didattica,
organizzativa e di ricerca, azioni di orientamento, e iniziative
finalizzate alla conoscenza, delle opportunita’ formative offerte dai
percorsi di istruzione e formazione tecnica superiore, di cui
all’articolo 1, comma 631, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, e
dai percorsi finalizzati alle professioni e al lavoro.
2. Fermo restando quanto previsto per i percorsi in alternanza
scuola-lavoro dal decreto legislativo 15 aprile 2005, n. 77, le
azioni di orientamento e le iniziative di informazione sono attivita’
istituzionali per tutte le scuole statali e paritarie dell’istruzione
secondaria di secondo grado; si inseriscono strutturalmente nel Piano
dell’offerta formativa del triennio delle scuole secondarie di
secondo grado e prevedono lo svolgimento di attivita’ e di
esperienze, di norma all’interno del monte ore annuale delle
discipline di insegnamento.

Avvertenza:
Il testo delle note qui pubblicato e’ stato redatto
dall’amministrazione competente per materia ai sensi
dell’art. 10, comma 3 del testo unico delle disposizioni
sulla promulgazione delle leggi, sull’emanazione dei
decreti del Presidente della Repubblica e sulle
pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo
fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge
modificate o alle quali e’ operato il rinvio. Restano
invariati il valore e l’efficacia degli atti legislativi
qui trascritti.
Note alle premesse:
– L’art. 76 della Costituzione stabilisce che
l’esercizio della funzione legislativa non puo’ essere
delegato al Governo se non con determinazione di principi e
criteri direttivi e soltanto per tempo limitato e per
oggetti definiti.
– L’art. 87 della Costituzione conferisce, tra l’altro,
al Presidente della Repubblica, il potere di promulgare le
leggi ed emanare i decreti aventi valore di legge e i
regolamenti.
– Il testo dell’art. 2, comma 1, lettera a) e comma 2,
lettera a) della legge 11 gennaio 2007, n. 1 (Disposizioni
in materia di esami di Stato conclusivi dei corsi di studio
di istruzione secondaria superiore e delega al Governo in
materia di raccordo tra la scuola e le universita), e’ il
seguente:
«Art. 2 (Delega in materia di percorsi di orientamento,
di accesso all’istruzione post-secondaria e di
valorizzazione di risultati di eccellenza). – 1. Il Governo
e’ delegato ad adottare, entro dodici mesi dalla data di
entrata in vigore della presente legge, su proposta del
Ministro della pubblica istruzione e, per quanto riguarda
le lettere a), b) e c), su proposta del Ministro
dell’universita’ e della ricerca e del Ministro della
pubblica istruzione, previo parere delle competenti
Commissioni della Camera dei deputati e del Senato della
Repubblica, da rendere entro sessanta giorni dalla data di
trasmissione dei relativi schemi, trascorsi i quali possono
essere comunque adottati, uno o piu’ decreti legislativi
finalizzati a:
a) realizzare appositi percorsi di orientamento
finalizzati alla scelta, da parte degli studenti, di corsi
di laurea universitari e dell’alta formazione artistica,
musicale e coreutica, di percorsi della formazione tecnica
superiore, nonche’ di percorsi finalizzati alle professioni
e al lavoro;
(omissis).
2. I decreti legislativi di cui al comma 1 sono emanati
con l’osservanza dei seguenti principi e criteri direttivi:
a) per i decreti legislativi di cui alla lettera a),
prevedere l’individuazione delle misure e modalita’ di
raccordo tra le istituzioni scolastiche, le universita’,
gli istituti di alta formazione artistica, musicale e
coreutica, gli istituti della formazione tecnica superiore,
nonche’ i percorsi finalizzati alle professioni e al
lavoro; prevedere, nella definizione e realizzazione dei
percorsi di orientamento, la partecipazione anche di
docenti universitari e dell’alta formazione artistica,
musicale e coreutica, nonche’ della formazione tecnica
superiore; prevedere la realizzazione dei predetti percorsi
nell’ultimo anno del corso di studi;».
– Il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297,
recante Approvazione del testo unico delle disposizioni
legislative vigenti in materia di istruzione, relative alle
scuole di ogni ordine e grado e’ stato pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale 19 maggio 1994, n. 115, supplemento
ordinario.
– Il testo dell’art. 21, della legge 15 marzo 1997, n.
59 (Delega al Governo per il conferimento di funzioni e
compiti alle regioni ed enti locali, per la riforma della
Pubblica amministrazione e per la semplificazione
amministrativa), e’ il seguente:
«Art. 21. – 1. L’autonomia delle istituzioni
scolastiche e degli istituti educativi si inserisce nel
processo di realizzazione dell’autonomia e della
riorganizzazione dell’intero sistema formativo. Ai fini
della realizzazione della autonomia delle istituzioni
scolastiche le funzioni dell’Amministrazione centrale e
periferica della pubblica istruzione in materia di gestione
del servizio di istruzione, fermi restando i livelli
unitari e nazionali di fruizione del diritto allo studio
nonche’ gli elementi comuni all’intero sistema scolastico
pubblico in materia di gestione e programmazione definiti
dallo Stato, sono progressivamente attribuite alle
istituzioni scolastiche, attuando a tal fine anche
l’estensione ai circoli didattici, alle scuole medie, alle
scuole e agli istituti di istruzione secondaria, della
personalita’ giuridica degli istituti tecnici e
professionali e degli istituti d’arte ed ampliando
l’autonomia per tutte le tipologie degli istituti di
istruzione, anche in deroga alle norme vigenti in materia
di contabilita’ dello Stato. Le disposizioni del presente
articolo si applicano anche agli istituti educativi, tenuto
conto delle loro specificita’ ordinamentali.
2. Ai fini di quanto previsto nel comma 1, si provvede
con uno o piu’ regolamenti da adottare ai sensi dell’art.
17, comma 2, della legge 23 agosto 1988, n. 400, nel
termine di nove mesi dalla data di entrata in vigore della
presente legg…

[Continua nel file zip allegato]

DECRETO LEGISLATIVO 14 gennaio 2008, n.22 – Definizione dei percorsi di orientamento finalizzati alle professioni e al lavoro, a norma dell’articolo 2, comma 1, della legge 11 gennaio 2007, n. 1. (GU n. 32 del 7-2-2008

Ingegneri.info