DECRETO LEGISLATIVO 14 settembre 2009, n. 142 - Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento (CE) n. 183/2005 | Ingegneri.info

DECRETO LEGISLATIVO 14 settembre 2009, n. 142 – Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento (CE) n. 183/2005

DECRETO LEGISLATIVO 14 settembre 2009, n. 142 - Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento (CE) n. 183/2005 che stabilisce i requisiti per l'igiene dei mangimi. (09G0151) (GU n. 239 del 14-10-2009 )

DECRETO LEGISLATIVO 14 settembre 2009 , n. 142

Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del
regolamento (CE) n. 183/2005 che stabilisce i requisiti per l’igiene
dei mangimi. (09G0151)

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;
Visto l’articolo 3 della legge 25 febbraio 2008, n. 34, recante
disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti
dall’appartenenza dell’Italia alle Comunita’ europee (Legge
comunitaria 2007) con cui e’ stata conferita delega al Governo per la
disciplina sanzionatoria di disposizioni comunitarie;
Vista la legge del 15 febbraio 1963, n. 281, recante disciplina
della preparazione e del commercio dei mangimi;
Vista la legge 24 novembre 1981, n. 689, recante modifiche al
sistema penale;
Visto il decreto legislativo 30 dicembre 1999, n. 507, recante
depenalizzazione dei reati minori e riforma del sistema
sanzionatorio, ai sensi dell’articolo 1 della legge 25 giugno 1999,
n. 205;
Visto il regolamento (CE) n. 183/2005 del Parlamento europeo e del
Consiglio, del 12 gennaio 2005, che stabilisce requisiti per l’igiene
dei mangimi, ed in particolare l’articolo 30;
Visto il decreto-legge 11 gennaio 2001, n. 1, convertito, con
modificazioni, dalla legge del 9 marzo 2001, n. 49;
Visto il decreto legislativo 5 aprile 2006, n. 190, recante
disciplina sanzionatoria per le violazioni del regolamento (CE) n.
178/2002 che stabilisce i principi e i requisiti generali della
legislazione alimentare, istituisce l’Autorita’ europea per la
sicurezza alimentare e fissa procedure nel settore della sicurezza
alimentare;
Viste le linee guida emanate dal Ministero della salute con nota
del 27 aprile 2007, prot. DGSA.VII/3298/P in materia di importazioni
ed esportazioni di additivi, premiscele e mangimi che li contengono
non conformi alle norme UE;
Visto il decreto legislativo del 6 novembre 2007, n. 193, recante
attuazione della direttiva 2004/41/CE relativa ai controlli in
materia di sicurezza alimentare e applicazione dei regolamenti
comunitari nel medesimo settore;
Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri,
adottata nella riunione del 6 febbraio 2009;
Acquisito il parere della Conferenza permanente per i rapporti tra
lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano
nella seduta del 25 marzo 2009;
Acquisiti i pareri delle competenti Commissioni della Camera dei
deputati e del Senato della Repubblica;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 31 luglio 2009;
Sulla proposta dei Ministri per le politiche europee e della
giustizia, di concerto con i Ministri del lavoro, della salute e
delle politiche sociali, dell’economia e delle finanze, dello
sviluppo economico e delle politiche agricole alimentari e forestali;

E m a n a
il seguente decreto legislativo:

Art. 1.

Campo di applicazione

1. Il presente decreto reca la disciplina sanzionatoria per la
violazione delle disposizioni di cui al regolamento (CE) n. 183/2005
del Parlamento europeo e del Consiglio, del 12 gennaio 2005, che
stabilisce requisiti per l’igiene dei mangimi di seguito denominato:
«regolamento».
2. Ai fini del presente decreto si applicano le definizioni di cui
all’articolo 3 del regolamento.

Avvertenza:
Il testo delle note qui pubblicato e’ stato redatto
dall’amministrazione competente per materia ai sensi
dell’art. 10, commi 2 e 3 del testo unico delle
disposizioni sulla promulgazione delle leggi,
sull’emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica
e sulle pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo
fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge
modificate o alle quali e’ operato il rinvio. Restano
invariati il valore e l’efficacia degli atti legislativi
qui trascritti.
– Per le direttive CEE vengono forniti gli estremi di
pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale delle Comunita’
europee (GUCE)
Note alle premesse:
– L’art. 76 della Costituzione stabilisce che
l’esercizio della funzione legislativa non puo’ essere
delegato al Governo se non con determinazione di principi e
criteri direttivi e soltanto per tempo limitato e per
oggetti definiti.
– L’art. 87 della Costituzione conferisce, tra l’altro,
al Presidente della Repubblica il potere di promulgare le
leggi e di emanare i decreti aventi valore di legge ed i
regolamenti.
– L’art. 3 della legge 25 febbraio 2008, n. 34,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale 6 marzo 2008, n. 56,
supplemento ordinario, cosi’ recita:
«Art. 3 (Delega al Governo per la disciplina
sanzionatoria di violazioni di disposizioni comunitarie). –
1. Al fine di assicurare la piena integrazione delle norme
comunitarie nell’ordinamento nazionale, il Governo, fatte
salve le norme penali vigenti, e’ delegato ad adottare,
entro due anni dalla data di entrata in vigore della
presente legge, disposizioni recanti sanzioni penali o
amministrative per le violazioni di direttive comunitarie
attuate in via regolamentare o amministrativa, ai sensi
delle leggi comunitarie vigenti, e di regolamenti
comunitari vigenti alla data di entrata in vigore della
presente legge, per i quali non siano gia’ previste
sanzioni penali o amministrative.
2. La delega di cui al comma 1, e’ esercitata con
decreti legislativi adottati ai sensi dell’art. 14 della
legge 23 agosto 1988, n. 400, su proposta del Presidente
del Consiglio dei Ministri o del Ministro per le politiche
europee e del Ministro della giustizia, di concerto con i
Ministri competenti per materia. I decreti legislativi si
informano ai principi e criteri direttivi di cui all’art.
2, comma 1, lettera c).
3. Gli schemi di decreto legislativo di cui al presente
articolo sono trasmessi alla Camera dei deputati e al
Senato della Repubblica per l’espressione del parere da
parte dei competenti organi parlamentari con le modalita’ e
nei termini previsti dai commi 3 e 8 dell’art. 1.».
– La legge del 15 febbraio 1963, n. 281, e’ pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale 26 marzo 1963, n. 82.
– La legge 24 novembre 1981, n. 689, e’ pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale 30 novembre 1981, n. 329, supplemento
ordinario.
– Il decreto legislativo 30 dicembre 1999, n. 507, e’
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 31 dicembre 1999, n.
306, supplemento ordinario.
– Il regolamento (CE) n. 183/2005 e’ pubblicato nella
G.U.C.E. 8 febbraio 2005, n. L 35.
– La legge 9 marzo 2001, n. 49, e’ pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale 12 marzo 2001, n. 59.
– Il decreto legislativo 5 aprile 2006, n. 190, e’
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 23 maggio 2006, n. 118.
– Il decreto legislativo 6 novembre 2007, n. 193, e’
pubblicato nella Gazzetta Ufficiale 9 novembre 2007, n.
261, supplemento ordinario.
Nota all’art. 1:
– Per il regolamento (CE) n. 183/2005, vedi note alle
premesse.

Art. 2.

Autorita’ competente

1. Le Autorita’ competenti di cui al presente decreto sono il
Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali, le
regioni, le province autonome e le Aziende unita’ sanitarie locali,
negli ambiti di rispettiva competenza.

Art. 3.

Violazioni relative alla registrazione

1. Salvo che il fatto costituisca reato, l’operatore del settore
dei mangimi che non effettua la notifica all’autorita’ competente ai
fini della registrazione di cui all’articolo 9, comma 2, lettera a),
del regolamento, e’ soggetto al pagamento di una sanzione
amministrativa pecuniaria da euro 1.500 a euro 9.000.
2. Salvo che il fatto costituisca reato, l’operatore del settore
dei mangimi che non fornisce all’autorita’ competente le informazioni
di cui all’articolo 9, comma 2, lettera b), del regolamento entro 30
giorni dalla variazione, e’ soggetto al pagamento di una sanzione
amministrativa pecuniaria da euro 500 a euro 3.000.
3. Salvo che il fatto costituisca reato l’operatore del settore dei
mangimi che continua la propria attivita’ anche in caso di
sospensione o revoca della registrazione da parte dell’autorita’
competente di cui agli articoli 14 e 15 del regolamento e’ soggetto
al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 3.000
a euro 18.000.

Art. 4.

Violazioni relative al riconoscimento

1. Salvo che il fatto costituisca reato, l’operatore del settore
dei mangimi che esercita una o piu’ attivita’ di cui all’articolo 10,
primo comma, numero 1), lettere a), b), c), del regolamento, senza il
prescritto riconoscimento da parte dell’autorita’ competente, e’
soggetto al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria da
euro 5.000 a euro 30.000.
2. Salvo che il fatto costituisca reato, l’operatore del settore
dei mangimi che non comunica all’autorita’ competente qualsiasi
cambiamento significativo intervenuto nelle attivita’, di cui
all’articolo 10, primo comma, numero 1), lettere a), b) e c), del
regolamento, compresa l’eventuale chiusura, entro trenta giorni dalla
variazione, e’ soggetto al pagamento di una sanzione amministrativa
pecuniaria da euro 1.700 a euro 10.000.
3. Salvo che il fatto costituisca reato, l’operatore del settore
dei mangimi che continua la propria attivita’ anche in caso di
sospensione o revoca del riconoscimento di cui agli articoli 14 e 15
del regolamento e’ soggetto al pagamento di una sanzione
amministrativa pecuniaria da euro 10.000 a euro 60.000.

Art. 5.

Violazioni relative ad obblighi specifici

1. Salvo che il fatto costituisca reato, l’operatore del settore
dei mangimi attivo a livello di produzione primaria ed operazioni
correlate che non rispetta i requisiti generali di cui all’Allegato –
Parte A, Allegato I, del regolamento e’ soggetto al pagamento di una
sanzione amministrativa pecuniaria da euro 250 a euro 1.500.
2. Salvo che il fatto costituisca reato, l’operatore del settore
dei mangimi attivo a livello diverso da quello della produzione
primaria ed operazioni correlate, che non rispetta i requisiti
generali di cui all’Allegato II del regolamento e’ soggetto al
pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 500 a
euro 3.000.
3. Salvo che il fatto costituisca reato, l’operatore del settore
dei mangimi attivo a livello diverso da quello della produzione
primaria ed operazioni correlate, che omette di predisporre le
procedure di autocontrollo o che non fornisce prova all’autorita’
competente della loro predisposizione ai sensi degli articoli 6 e 7
del regolamento, e’ soggetto al pagamento di una sanzione
amministrativa pecuniaria da euro 1.000 a euro 6.000.
4. Salvo che il fatto costituisca reato, l’allevatore che non si
conforma alle disposizioni di cui all’allegato III del regolamento,
per l’alimentazione di animali produttori di alimenti e’ soggetto al
pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria da euro 250 a
euro 1.500.
5. Salvo che il fatto costituisca reato, l’operatore del settore
dei mangimi che viola le prescrizioni dell’articolo 5, comma 6, del
regolamento, e’ soggetto al pagamento di una sanzione amministrativa
pecuniaria da euro 250 a euro 1.500.
6. Fermo restando l’applicazione delle sanzioni amministrative
previste dal presente articolo, quando accerta la violazione di una
delle disposizioni di cui ai commi 1, 2, 3 e 4, l’autorita’
competente per i controlli fissa un termine entro il quale
l’operatore del settore dei mangimi deve adeguarsi alle prescrizioni
del regolamento. In caso di mancato adeguamento nel termine fissato,
l’operatore del settore dei mangimi e’ soggetto al pagamento di una
sanzione amministrativa pecuniaria da euro 1.000 ad euro 6.000.

Art. 6.

Violazioni relative alle importazioni

1. Salvo che il fatto costituisca reato, l’operatore del settore
dei mangimi che importa mangimi da Paesi terzi in violazione delle
disposizioni di cui agli articoli 23 e 24 del regolamento, e’
soggetto al pagamento di una sanzione amministrativa pecuniaria da
euro 5.000 a euro 30.000.

Art. 7.

Sanzioni accessorie

1. Per le violazioni di cui agli articoli 5 e 6 del presente
decreto, gli organi preposti al controllo possono proporre
all’autorita’ competente per la registrazione o il riconoscimento
l’adozione del provvedimento di immediata sospensione della
registrazione o del riconoscimento di cui all’articolo 14 del
regolamento, da comunicare all’interessato.
2. La sospensione della registrazione o del riconoscimento di uno
stabilimento termina con l’avvenuto adeguamento dello stesso ai
requisiti previsti dal regolamento e non puo’ comunque eccedere i
dodici mesi a decorrere dalla data di adozione del relativo
provvedimento.
3. In presenza di gravi e reiterate violazioni di cui al comma 1 e
nei casi previsti dall’articolo 15 del regolamento, la registrazione
o il riconoscimento effettuati ai sensi degli articoli 5 e 10 del
regolamento sono revocate.

Art. 8.

Disposizioni finanziarie

1. Dal presente decreto non devono derivare nuovi o maggiori oneri,
ne’ minori entrate a carico della finanza pubblica.
2. I soggetti pubblici interessati svolgono le attivita’ previste
dal presente decreto con le risorse umane, finanziarie e strumentali
disponibili a legislazione vigente.

Art. 9.

Disposizioni finali

1. Il Ministero del lavoro, della salute e delle politiche sociali,
le regioni, le province autonome di Trento e di Bolzano e le Aziende
unita’ sanitarie locali, provvedono, nell’ambito delle proprie
competenze, all’accertamento delle violazioni amministrative e alla
irrogazione delle relative sanzioni.
2. Sono fatte salve le competenze delle regioni a statuto speciale
e delle province autonome di Trento e di Bolzano secondo gli statuti
di autonomia e le relative norme di attuazione.
3. Il presente decreto entra in vigore il giorno successivo a
quello della sua pubblicazione nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana e le disposizioni ivi contenute, nonche’ le
eventuali successive modifiche, sono notificate, ai sensi
dell’articolo 30 del regolamento, alla Commissione.
Il presente decreto, munito del sigillo dello Stato, sara’ inserito
nella Raccolta ufficiale degli atti normativi della Repubblica
italiana. E’ fatto obbligo a chiunque spetti di osservarlo e di farlo
osservare.

Dato a Roma, addi’ 14 settembre 2009

Il Presidente del Senato della Repubblica
nell’esercizio delle funzioni
del Presidente della Repubblica,
ai sensi dell’articolo 86 della Costituzione
SCHIFANI

Berlusconi, Presidente del
Consiglio dei Ministri
Ronchi, Ministro per le politiche
europee
Alfano, Ministro della giustizia
Sacconi, Ministro del lavoro, della
salute e delle politiche sociali
Tremonti, Ministro dell’economia e
delle finanze
Scajola, Ministro dello sviluppo
economico
Zaia, Ministro delle politiche
agricole alimentari e forestali

Visto, il Guardasigilli: Alfano

DECRETO LEGISLATIVO 14 settembre 2009, n. 142 – Disciplina sanzionatoria per la violazione delle disposizioni del regolamento (CE) n. 183/2005

Ingegneri.info