DECRETO LEGISLATIVO 23 Ottobre 2007, n. 221 - Disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, recante Codice del consumo, a norma dell'articolo 7, della legge 29 luglio 2003, n. 229. (GU n. 278 del 29-11-2007 | Ingegneri.info

DECRETO LEGISLATIVO 23 Ottobre 2007, n. 221 – Disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, recante Codice del consumo, a norma dell’articolo 7, della legge 29 luglio 2003, n. 229. (GU n. 278 del 29-11-2007

DECRETO LEGISLATIVO 23 Ottobre 2007, n. 221 - Disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, recante Codice del consumo, a norma dell'articolo 7, della legge 29 luglio 2003, n. 229. (GU n. 278 del 29-11-2007 )

DECRETO LEGISLATIVO 23 Ottobre 2007 , n. 221

Disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo
6 settembre 2005, n. 206, recante Codice del consumo, a norma
dell’articolo 7, della legge 29 luglio 2003, n. 229.

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;
Vista la legge 29 luglio 2003, n. 229, recante interventi in
materia di qualita’ della regolazione, riassetto normativo e
codificazione – Legge di semplificazione 2001, ed in particolare
l’articolo 7, concernente il riassetto in materia di tutela dei
consumatori, e l’articolo 20-bis;
Visto il decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, recante
Codice del consumo, e successive modificazioni;
Visto l’articolo 1, comma 14, della legge 12 luglio 2006, n. 228,
di conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge
12 maggio 2006, n. 173;
Visto il decreto-legge 18 maggio 2006, n. 181, convertito, con
modificazioni, dalla legge 17 luglio 2006, n. 233;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri
13 luglio 2006, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 167 del
20 luglio 2006;
Visto il decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 190, recante
attuazione della direttiva 2002/65/CE relativa alla
commercializzazione a distanza di servizi finanziari ai consumatori;
Visti gli articoli 19-bis e 31-bis del decreto-legge 30 dicembre
2005, n. 273, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 febbraio
2006, n. 51;
Visto il decreto legislativo 2 agosto 2007, n. 146;
Vista la preliminare deliberazione del Consiglio dei Ministri,
adottata nella riunione del 13 settembre 2007;
Acquisito il parere della Conferenza unificata, ai sensi
dell’articolo 8 del decreto legislativo 28 agosto 1997, n. 281,
espresso nella riunione del 20 settembre 2007;
Udito il parere del Consiglio di Stato, espresso dalla sezione
consultiva per gli atti normativi nell’adunanza dell’8 ottobre 2007;
Acquisito il parere delle competenti Commissioni della Camera dei
deputati e del Senato della Repubblica;
Vista la deliberazione del Consiglio dei Ministri, adottata nella
riunione del 23 ottobre 2007;
Sulla proposta del Ministro dello sviluppo economico e del Ministro
per le politiche europee, di concerto con i Ministri per le riforme e
le innovazioni nella pubblica amministrazione, della giustizia,
dell’economia e delle finanze e della salute;

E m a n a

il seguente decreto legislativo:
Art. 1.

Modifiche alle premesse del decreto legislativo 6 settembre 2005, n.
206

1. Al settimo capoverso delle premesse al decreto legislativo
6 settembre 2005, n. 206, recante Codice del consumo, di seguito
indicato, come “Codice del consumo”, dopo le parole: “ai sensi
dell’articolo 15 della legge 16 aprile 1987, n. 183” sono aggiunte le
seguenti: “, come modificato dal decreto legislativo 2 febbraio 2001,
n. 25, di attuazione della direttiva 1999/34/CE”.

Avvertenza Le note qui pubblicate sono state redatte ai
sensi dell’art. 10, commi 2 e 3 del testo unico delle
disposizioni sulla promulgazione delle leggi,
sull’emanazione dei decreti del Presidente della Repubblica
e sulle pubblicazioni ufficiali della Repubblica italiana,
approvato con D.P.R. 28 dicembre 1985, n. 1092, al solo
fine di facilitare la lettura delle disposizioni di legge
modificate alle quali e’ operato il rinvio. Restano
invariati il valore e l’efficacia degli atti legislativi
qui trascritti.

Note alle premesse:

– L’art. 76 della Costituzione stabilisce che
l’esercizio della funzione legislativa non puo’ essere
delegato al Governo se non con determinazione di principi e
criteri direttivi e soltanto per tempo limitato e per
oggetti definiti.
– L’art. 87 della Costituzione conferisce, tra l’altro,
al Presidente della Repubblica il potere di promulgare le
leggi e di emanare i decreti aventi valore di legge ed i
regolamenti.
– Il testo degli articoli 7 e 20-bis della legge
29 luglio 2003, n. 229, recante �Interventi in materia di
qualita’ della regolazione, riassetto normativo e
codificazione. Legge di semplificazione 2001.�, pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale 25 agosto 2003, n. 196, e’ il
seguente:
�Art. 7 (Riassetto in materia di tutela dei
consumatori). – 1. Il Governo e’ delegato ad adottare,
entro ventiquattro mesi dalla data di entrata in vigore
della presente legge, uno o piu’ decreti legislativi, per
il riassetto delle disposizioni vigenti in materia di
tutela dei consumatori ai sensi e secondo i principi e i
criteri direttivi di cui all’art. 20 della legge 15 marzo
1997, n. 59, come sostituito dall’art. 1 della presente
legge, e nel rispetto dei seguenti principi e criteri
direttivi:
a) adeguamento della normativa alle disposizioni
comunitarie e agli accordi internazionali e articolazione
della stessa allo scopo di armonizzarla e riordinarla,
nonche’ di renderla strumento coordinato per il
raggiungimento degli obiettivi di tutela del consumatore
previsti in sede internazionale;
b) omogeneizzazione delle procedure relative al
diritto di recesso del consumatore nelle diverse tipologie
di contratto;
c) conclusione, in materia di contratti a distanza,
del regime di vigenza transitoria delle disposizioni piu’
favorevoli per i consumatori, previste dall’art. 15 del
decreto legislativo 22 maggio 1999, n. 185, di attuazione
della direttiva 97/7/CE del 20 maggio 1997, del Parlamento
europeo e del Consiglio, e rafforzamento della tutela del
consumatore in materia di televendite;
d) coordinamento, nelle procedure di composizione
extragiudiziale delle controversie, dell’intervento delle
associazioni dei consumatori, nel rispetto delle
raccomandazioni della Commissione delle Comunita’
europee.�.
�Art. 20-bis (Decreti legislativi correttivi e
integrativi). – 1. Entro un anno dalla data di entrata in
vigore dei decreti legislativi di cui agli articoli 2, 3,
4, 5, 6, 7, 8, 9 e 11, il Governo puo’ adottare, nel
rispetto degli oggetti e dei principi e criteri direttivi
fissati dalla presente legge e secondo i principi e i
criteri direttivi e la procedura di cui all’art. 20 della
legge 15 marzo 1997, n. 59, e successive modificazioni, uno
o piu’ decreti legislativi recanti disposizioni integrative
e correttive�.
Il decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206,
recante �Codice del consumo, a norma dell’art. 7 della
legge 29 luglio 2003, n. 229�, e’ pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale 8 ottobre 2005, n. 235, S.O.
– Il testo dell’art. 1, comma 14, della legge 12 luglio
2006, n. 228, recante �Conversione in legge, con
modificazioni, del decreto-legge 12 maggio 2006, n. 173,
recante proroga di termini per l’emanazione di atti di
natura regolamentare. Ulteriori proroghe per l’esercizio di
deleghe legislative e in materia di istruzione�, pubblicata
nella Gazzetta Ufficiale 12 luglio 2006, n. 160, e’ il
seguente:
�14. E’ prorogato di un anno il termine di cui al
comma 1 dell’art. 20-bis della legge 29 luglio 2003, n.
229, per l’adozione di uno o piu’ decreti legislativi
recanti disposizioni integrative e correttive dei decreti
legislativi di cui agli articoli 4 e 7 della citata legge
29 luglio 2003, n. 229, nel rispetto degli oggetti, dei
principi e criteri direttivi e della procedura di cui al
medesimo art. 20-bis.�.
– Il decreto-legge 18 maggio 2006, n. 181, recante
�Disposizioni urgenti in materia di riordino delle
attribuzioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri e
dei Ministeri e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
18 maggio 2006, n. 114 e convertito in legge, con
modificazioni, dalla legge 17 luglio 2006, n. 233, recante
�Disposizioni urgenti in materia di riordino delle
attribuzioni della Presidenza del Consiglio dei Ministri e
dei Ministeri. Delega al Governo per il coordinamento delle
disposizioni in materia di funzioni e organizzazione della
Presidenza del Consiglio dei Ministri e dei Ministeri�,
pubblicata nella Gazzetta Ufficiale 17 luglio 2006, n. 164.
– Il decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 190
abrogato dal presente decreto, recava �Attuazione della
direttiva 2002/65/CE relativa alla commercializzazione a
distanza di …

[Continua nel file zip allegato]

DECRETO LEGISLATIVO 23 Ottobre 2007, n. 221 – Disposizioni correttive ed integrative del decreto legislativo 6 settembre 2005, n. 206, recante Codice del consumo, a norma dell’articolo 7, della legge 29 luglio 2003, n. 229. (GU n. 278 del 29-11-2007

Ingegneri.info