Decreto Ministeriale 23/02/1988 | Ingegneri.info

Decreto Ministeriale 23/02/1988

Decreto Ministeriale 23/02/1988 n. 84 - Etichettatura speciale da applicare su sostanze e preparati pericolosi. Gazzetta Ufficiale 21/03/1988 n. 67

Decreto Ministeriale 23/02/1988 n. 84
Etichettatura speciale da
applicare su sostanze e preparati pericolosi.
Gazzetta Ufficiale
21/03/1988 n. 67

IL MINISTRO DELLA SANITA’

di concerto con

I
MINISTRI DELL’INTERNO, DELL’INDUSTRIA,

DEL COMMERCIO E
DELL’ARTIGIANATO

e

DEL LAVORO E DELLA PREVIDENZA SOCIALE

Vista
la legge 29 maggio 1974, n. 256, concernente la classificazione e
disciplina dell’imballaggio e della etichettatura delle sostanze e dei
preparati pericolosi ed in particolare quanto disposto dagli articoli
5, 7 e 9;

Visto il decreto del Presidente della Repubblica 6 giugno
1977, n. 1147;

Visto il decreto ministeriale 17 dicembre 1977
concernente la classificazione e la disciplina dell’imballaggio e
della etichettatura delle sostanze e dei preparati pericolosi e
successive modificazioni;

Visto il decreto del Presidente della
Repubblica 24 novembre 1981, n. 927, ed in particolare il punto 4)
dell’art. 4;

Visto il decreto ministeriale 17 ottobre 1984
concernente la classificazione e la disciplina dell’imballaggio e
della etichettatura dei preparati pericolosi-solventi;

Visto il
decreto ministeriale 18 ottobre 1984 concernente la classificazione e
la disciplina dell’imballaggio e dell’etichettatura dei preparati
classificati come pitture, vernici, inchiostri da stampa, adesivi e
affini ed in particolare quanto disposto nell’allegato II, punto 1;

Decreta:

Art. 1

Con il presente decreto sono stabilite le
caratteristiche cui deve rispondere l’etichettatura da applicare a
cura dei fabbricanti e/o degli importatori e/o di chiunque altro
provveda all’immissione sul mercato, sugli imballaggi di sostanze e di
preparati pericolosi che per dimensioni ridotte non permettano una
etichettatura conforme all’art. 7 della legge 29 maggio 1974, n. 256,
comma primo e secondo.

Art. 2

Ai fini dell’applicazione dell’art.
1 è possibile optare tra le due seguenti modalità:

A) mantenere
invariata la dimensione minima (52 x 74 mm.) con l’adozione di una
etichetta volante purché l’etichetta sia:

rigida o semirigida, non
deteriorabile e resistente all’acqua e al prodotto contenuto;

saldamente legata al collo del contenitore o comunque in altro modo
applicata al fine di evitarne il distacco;

B) utilizzare etichette,
anche parzialmente fissate che, pur rispettando la superficie totale
minima (di circa 38 cm2) consentano di sviluppare tale superficie
mantenendo la forma rettangolare, ma al di fuori dei limiti indicati
dall’art. 7 della legge n. 256/1974. Tale etichetta potrà aderire
anche parzialmente, purché in maniera da evitarne il distacco, alla
superficie dell’imballaggio che contiene la sostanza o il preparato.

Art. 3

Il presente decreto sarà pubblicato nella Gazzetta
Ufficiale della Repubblica italiana.

Decreto Ministeriale 23/02/1988

Ingegneri.info