Direttiva CEE 27/07/1976 | Ingegneri.info

Direttiva CEE 27/07/1976

Direttiva CEE 27/07/1976 n. 76 - Ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati Membri relative alle restrizioni in materia di immissione sul mercato e di uso di talune sostanze e preparati pericolosi. Gazzetta Europea 27/09/1976 n. 262

Direttiva CEE 27/07/1976 n. 76
Ravvicinamento delle disposizioni
legislative, regolamentari ed amministrative degli Stati Membri
relative alle restrizioni in materia di immissione sul mercato e di
uso di talune sostanze e preparati pericolosi.
Gazzetta Europea
27/09/1976 n. 262

IL CONSIGLIO DELLE COMUNITÀ EUROPEE ,

visto il
trattato che istituisce la Comunità economica europea , in particolare
l ‘ articolo 100 ,

vista la proposta della Commissione ,

visto il
parere del Parlamento europeo ( 1 ) ,

visto il parere del Comitato
economico e sociale ( 2 ) ,

considerando che tutte le
regolamentazioni concernenti l ‘ immissione sul mercato di sostanze e
preparati pericolosi avere quale obiettivo la salvaguardia della
popolazione , soprattutto delle persone che usano detti preparati e
sostanze ;

considerando che esse devono contribuire a proteggere l ‘
ambiente da tutte le sostanze e preparati che presentano
caratteristiche di ecotossicità o che possono inquinarlo ;

considerando che esse debbono altresì contribuire ad un ripristino ,
preservazione e miglioramento della qualità per la vita dell’essere
umano ;

considerando che le sostanze ed i preparati pericolosi sono
oggetto di regolamentazioni negli Stati membri ; che tali
regolamentazioni presentano differenze per quanto riguarda le
condizioni di immissione sul mercato e di uso ; che dette differenze
costituiscono un ostacolo agli scambi ed hanno un ‘ incidenza diretta
sull’istituzione e sul funzionamento del mercato comune ;

considerando che è pertanto necessario eliminare questo ostacolo ;
che per conseguire tale obiettivo è indispensabile il ravvicinamento
delle disposizioni legislative esistenti in materia negli Stati membri
;

considerando che disposizioni relative ad alcune sostanze e
preparati pericolosi sono già previste da direttive comunitarie ; che
è tuttavia necessario stabilire una regolamentazione per altri
prodotti , specialmente per quelli che certe organizzazioni
internazionali hanno deciso di limitare , per esempio : per i defenili
policlorurati ( PCB ) , al cui riguardo il consiglio decisione
concernente la limitazione della produzione e dell’impiego ; che tale
misura è necessaria per prevenire l’assorbimento di PCB da parte del
corpo umano , quindi i conseguenti danni per la salute dell’uomo;

considerando che gli esami approfonditi hanno dimostrato che i
trifenili policlorurati ( PCT ) presentano rischi paragonabili a
quelli causati PCB ; che , quindi , la loro immissione sul mercato ed
il conseguente uso deve essere anch’esso limitato ;

considerando che
sarà inoltre necessario riesaminare periodicamente l ‘ intera materia
, allo scopo di giungere ad una progressiva completa eliminazione dei
PCB e dei PCT ;

considerando che l ‘ uso del cloruro-1-etilene (
cloruro di vinile monomero ) come agente propulsore degli aerosol
presenta pericoli per la salute dell’uomo; che occorre quindi vietarne
l ‘ uso,

HA ADOTTATO LA PRESENTE DIRETTIVA :

Articolo 1
1 .
Fatta salva l ‘ applicazione di altre disposizioni comunitarie in
materia , la presente direttiva concerne le restrizioni all ‘
immissione sul mercato e all ‘ uso negli Stati membri della Comunità
di sostanze e preparati pericolosi elencati nell’allegato .

2 . La
presente direttiva non si applica :
a ) al trasporto delle sostanze e
dei preparati pericolosi per ferrovia , su strada , per via fluviale ,
marittima od aerea ,
b ) alle sostanze e ai preparati pericolosi
esportati verso paesi terzi ,
c ) alle sostanze e ai preparati in
transito sottoposti a controllo doganale purché non siano oggetto di
alcuna trasformazione .

3 . A norma della presente direttiva si
intendono per :
a ) sostanze :
gli elementi chimici e i loro
composti allo stato naturale ovvero ottenuti mediante lavorazioni
industriali ;
b ) preparati :
i miscugli o soluzioni composti da due
o più sostanze .

Articolo 2
Gli Stati membri prendono tutte le
opportune disposizioni affinché le sostanze e i preparati pericolosi
elencati in allegato possano essere immessi sul mercato od utilizzati
soltanto alle condizioni ivi previste . Queste limitazioni non si
applicano all ‘ immissione sul mercato o all ‘ uso a fini di ricerca ,
come pure di sviluppo e di analisi.

Articolo 3
1 . Gli Stati membri
adottano le disposizioni necessarie per conformarsi alla presente
direttiva entro diciotto mesi a partire dalla sua notifica e ne
informano immediatamente la Commissione .

2 . Gli Stati membri
comunicano alla Commissione il testo delle disposizioni di diritto
interno che essi adottano nel settore disciplinato dalla presente
direttiva .

Articolo 4
Gli Stati membri sono destinatari della
presente direttiva .

Fatto a Bruxelles , addì 27 luglio 1976 .

Per
il Consiglio
Il Presidente
M . van der STOEL

NOTE:

( 1 ) GU n .
C 60 del 13 . 3 . 1975 , pag . 49 .
( 2 ) GU n . C 16 del 23 . 1 .
1975 , pag . 25 .

ALLEGATO

Denominazione della sostanza , dei
gruppi di sostanze o di preparati “Restrizioni ”
1 . – Difenili
policlorurati ( PCB ) , ad eccezione dei difenili mono e diclorurati *
Non sono ammessi , salvo nelle seguenti eccezioni : ”
– Trifenili
policlorurati ( PCT ) , “1 . Apparecchi elettrici a sistema chiuso :
trasformatori , resistenze e induttanze .”
– I preparati la cui
percentuale in PCB o in PCT supera lo 0,1 % in peso . “2 . Grandi
condensatori ( “kg di peso totale ).”
“3 . Piccoli condensatori (
purché la percentuale massima di cloro dei PCB sia del 43 % e che essi
non contengano più del 3,5 % di difenili pentaclorurati o di difenili
maggiormente clorurati ) . ”
“I piccoli condensatori , che non
rispondono alle esigenze sopra menzionate , possono ancora essere
immessi sul mercato per un anno della presente direttiva . Questa
restrizione non si applica ai piccoli condensatori già in uso .”
“4 .
Fluidi termovettori negli impianti caloriferi a sistema chiuso ( salvo
negli impianti destinati a trattare prodotti alimentari per l ‘ uomo e
per gli animali , prodotti farmaceutici e prodotti per uso veterinario
utilizzati alla data della notifica della presente direttiva , il loro
uso è ancora consentito fino al 31 dicembre 1979 , al più tardi )
.”
“5 . Fluidi idraulici per :”
“a ) l ‘ equipaggiamento sotterraneo
delle miniere ;”
“b ) le macchini di servizio delle celle di
fabbricazione elettrolitica dell’alluminio , usate al momento
dell’adozione della presente direttiva , fino al 31 dicembre 1979 più
tardi .”
“6 . Prodotti di base e prodotti intermedi destinati ad
essere trasformati in altri prodotti che non ricadono sotto il divieto
della presente direttiva .”
2 . Cloruro-1-etilene ( cloruro di vinile
monomero ) .
Non è ammesso come agente propulsore degli aerosol ,
qualunque sia l ‘ impiego .”

Direttiva CEE 27/07/1976

Ingegneri.info