MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI - DECRETO 27 novembre 2008 | Ingegneri.info

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI – DECRETO 27 novembre 2008

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI - DECRETO 27 novembre 2008 - Riparto dello stanziamento di € 51.645.690,00 per il potenziamento dei servizi per l'impiego e gli uffici di collocamento della Gente di mare per l'anno 2008, ai sensi dell'articolo 1, comma 1165, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, per le finalita' di cui all'articolo 117, comma 5, della legge n. 388/2000. (GU n. 39 del 17-2-2009 )

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI

DECRETO 27 novembre 2008

Riparto dello stanziamento di € 51.645.690,00 per il
potenziamento dei servizi per l’impiego e gli uffici di collocamento
della Gente di mare per l’anno 2008, ai sensi dell’articolo 1, comma
1165, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, per le finalita’ di cui
all’articolo 117, comma 5, della legge n. 388/2000.

IL DIRETTORE GENERALE
del mercato del lavoro

Visto il decreto legislativo 23 dicembre 1997, n. 469, recante il
conferimento alle Regioni e agli Enti locali di funzioni e compiti in
materia di mercato del lavoro e, in particolare, l’art. 2, che
conferisce alle Regioni le funzioni ed i compiti in materia di
collocamento e di politica attiva del lavoro;
Visto l’ art. 1, comma 1165, della legge 27 dicembre 2006, n. 296
(legge finanziaria 2007) che stanzia, per le annualita’ 2007 e 2008,
rispettivamente l’ammontare di euro 27.000.000,00 e di euro
51.645.690,00 a carico del Fondo dell’occupazione per le finalita’ di
cui all’art. 117, comma 5, della legge 23 dicembre 2000, n. 388
(legge finanziaria 2001) ossia per il potenziamento dello sviluppo
dei servizi per l’impiego al fine di assicurare l’esercizio delle
funzioni esplicitate nell’accordo in materia di standard minimi di
funzionamento;
Visto il decreto ministeriale del 2 novembre 2007, pubblicato nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana n. 272, del 22 novembre
2007, di riparto tra le Regioni e le Province Autonome delle risorse
finanziarie relative al 2007, per il potenziamento dei Servizi per
l’impiego ai sensi del citato art. 1, comma 1165, della legge n.
296/2006;
Ritenuto di procedere, in attuazione di quanto previsto dal
suddetto art. 1, comma 1165, della legge n. 296/2006, e al riparto
delle risorse finanziarie relative all’annualita’ 2008 sulla base
degli stessi criteri gia’ adottati per il 2007 ossia, per il 60%
dello stanziamento, in base al numero delle persone in cerca di
lavoro e, per il restante 40%, in base ai residenti di eta’ superiore
ai 15 anni, calcolati secondo i dati ISTAT su base Regionale e
Provinciale;
Visti i dati pubblicati sull’annuario ISTAT «Forze di lavoro –
media 2007», tav. 2.1 dai quali risulta il numero delle persone in
cerca di lavoro ed il numero della popolazione residente di eta’
superiore ai 15 anni, calcolati su base Regionale e Provinciale;
Considerato altresi’ che la suddetta rilevazione ISTAT non riporta
i dati relativi alle Province della Regione Sardegna di recente
istituzione: Carbonia-Iglesias, Medio-Campidano, Ogliastria e
Olbia-Tempio;
Ritenuto pertanto opportuno prevedere, per l’annualita’ 2008 un
importo forfetario pari a euro 800.000,00 da ripartire in parti
uguali, tra le suddette Province di recente istituzione;
Considerato altresi’ che, con nota prot. 3347/08 coord del 19
novembre 2008, il Coordinamento tecnico delle Regioni, ha evidenziato
che la Regione Sardegna, considerate le caratteristiche del
territorio e della popolazione manifestatesi a seguito della
riorganizzazione amministrativa del proprio territorio, ha richiesto
di procedere ad una diversa attribuzione delle risorse spettanti alle
proprie Province in conformita’ a quanto riportato nella tabella
allegata alla citata nota del 19 novembre 2008;
Considerato inoltre che la Regione Siciliana ha realizzato il
processo di decentramento istituzionale di compiti e funzioni ai
sensi degli articoli 14 e 15 dello Statuto della regione stessa ma
che l’organizzazione interna non consente alle Province regionali di
acquisire direttamente le risorse da erogare;
Visto altresi’ il decreto del Presidente della Repubblica n. 231
del 18 aprile 2006, recante la nuova disciplina del collocamento
della gente di mare a norma dell’art. 2, comma 4, del decreto
legislativo n. 297/2002, in base al quale vengono ridefinite le
procedure di tale tipologia di collocamento e, nel contempo, vengono
posti alle dipendenze funzionali del Ministero del lavoro, della
salute e delle politiche sociali, gli Uffici di collocamento della
Gente di mare, operanti presso le Capitanerie di Porto, come
individuate ai sensi dell’art. 2 del regio decreto-legge 24 maggio
1925, n. 1031 e successive modifiche e integrazioni;
Tenuto conto che, ai sensi del suddetto decreto del Presidente
della Repubblica n. 231/2006, gli Uffici di collocamento della gente
di mare sono a tutti gli effetti equiparati ai Servizi per l’impiego
per le finalita’ e le funzioni previste dal decreto legislativo n.
181/2000, come modificato e integrato dal decreto legislativo n.
297/2002, relativamente allo specifico settore marittimo e della
pesca;
Ritenuto quindi di destinare, per il potenziamento dei suddetti
Uffici di collocamento della Gente di mare, operanti presso le
Capitanerie di Porto, una quota delle risorse finanziarie
dell’annualita’ 2008, pari complessivamente a euro 1.000.000,00, da
suddividere, per la specificita’ organizzativa di detti Uffici,
proporzionalmente al numero degli iscritti nelle matricole della
Gente di mare di 1°, 2° e 3° categoria di ciascuna Capitaneria di
porto e Ufficio circondariale marittimo, cosi’ come risultanti alla
data del 31 ottobre 2008, che rappresentano il potenziale bacino
d’utenza al quale gli Uffici di collocamento della gente di mare
offrono i servizi previsti dalla normativa su richiamata;
Visto il decreto legislativo n. 267 del 18 agosto 2000 recante
«Testo unico delle leggi sull’ordinamento degli Enti Locali» e, in
particolare, l’art. 158 che prevede esplicitamente l’obbligo degli
Enti locali di presentare il rendiconto all’Amministrazione erogante
in caso di contributi straordinari assegnati da amministrazioni
pubbliche che dimostri le spese e i risultati ottenuti;
Visto il parere ai sensi dell’art. 9, comma 3, del decreto
legislativo 28 agosto 1997, n. 281 sulla proposta di ripartizione
delle risorse per l’anno 2008, tra le Regioni e le Province, per il
potenziamento dei Servizi per l’impiego, di cui all’art. 1, comma
1165, della legge 27 dicembre 2006, n. 296 espresso dalla Conferenza
Unificata presso la Presidenza del Consiglio dei Ministri nella
seduta del 20 novembre 2008;
Decreta:

Art. 1.

Tenuto conto di quanto indicato in premessa, l’importo pari ad euro
51.645.690,00, relativo all’annualita’ 2008, e’ ripartito nel
seguente modo.
L’ammontare di euro 50.645.690,00, e’ ripartito tra le Regioni e le
Province Autonome, come da Tabella A, allegata al presente decreto di
cui costituisce parte integrante.
L’ammontare rimanente di euro 1.000.000,00, e’ ripartito tra gli
Uffici di collocamento della Gente di mare, operanti presso le
Capitanerie di Porto, ai sensi dell’art. 2 del regio decreto-legge 24
maggio 1925, n. 1031 e successive modifiche e integrazioni, come da
Tabella B, allegata al presente decreto di cui costituisce parte
integrante.

Art. 2.

Le risorse finanziarie di cui al comma 2 del precedente art. 1
saranno trasferite alle Regioni e alle Province Autonome.
Le Regioni dovranno, entro 60 giorni dal trasferimento di dette
risorse finanziarie, provvedere al successivo trasferimento delle
stesse alle Province del proprio territorio secondo la ripartizione
di cui alla Tabella A, allegata al presente decreto, e dovranno darne
tempestiva comunicazione al Ministero.
Ove detto trasferimento non dovesse avvenire il Ministero,
considerato il vincolo di destinazione di cui alla norma, attivera’
le procedure di recupero delle risorse a qualunque titolo trasferite
alle Regioni inadempienti.
Le Regione Siciliana, considerato quanto in premessa, dovra’
utilizzare le risorse finanziarie per interventi destinati alle aree
territoriali secondo la ripartizione fissata nella citata tabella A
allegata, dandone comunicazione al Ministero. Anche per detta Regione
resta valido il vincolo di destinazione di cui alla norma e,
pertanto, in caso di inadempienza il Ministero potra’ attivare le
procedure di recupero delle risorse a qualunque titolo trasferite.
La risorse finanziarie di cui al comma 3 del precedente art. 1
saranno accreditate, in contabilita’ ordinaria, ai funzionari
delegati Comandanti delle Capitanerie di porto sedi di Direzione
marittima, che le impiegheranno per il potenziamento degli Uffici di
collocamento della gente di mare ricadenti nell’ambito delle
circoscrizioni di competenza.

Art. 3.

Nel rispetto di quanto fissato nel Patto di stabilita’ interno
nonche’ dal decreto-legge 25 giugno 2008 n. 112, convertito in legge
6 agosto 2008 n. 133, in materia di spesa per il personale, e fermo
restando altresi’ il vincolo di destinazione di cui alla norma, le
risorse finanziarie di cui al precedente art. 1 dovranno essere
destinate prioritariamente all’avvio di nuovi servizi rivolti
all’utenza e/o al potenziamento dei servizi gia’ attivati.

Art. 4.

Il Ministero predisporra’, con l’assistenza tecnica dell’ISFOL e in
accordo con le Regioni, un sistema di monitoraggio periodico
sull’utilizzo delle risorse finanziarie e sui risultati ottenuti
dandone ampia diffusione.
A tal fine, tenuto conto del vincolo di destinazione di tali
interventi, le Province forniranno alle Regioni, anche in attuazione
di quanto disposto dalla normativa vigente, le informazioni
necessarie. Le Regioni provvederanno a trasmettere, secondo le
procedure concordate, tali informazioni al Ministero, anche al fine
di orientare, nel rispetto dei criteri di premialita’, l’attivita’ di
programmazione e di intervento dell’amministrazione centrale.

Art. 5.

La spesa complessiva di euro 51.645.690,00 gravera’ sul Fondo per
l’occupazione – Capitolo 7207 (Piano Gestionale 02) per l’esercizio
finanziario 2008 e sara’ impegnata dalla Direzione Generale degli
Ammortizzatori sociali e Incentivi all’occupazione con successivo
provvedimento.
Il presente decreto sara’ trasmesso agli Organi di controllo e
sara’, successivamente, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana.
Roma, 27 novembre 2008

Il direttore generale: Verbaro

Registrato alla Corte dei conti il 21 gennaio 2009
Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla
persona e dei beni culturali, registro n. 1, foglio n. 27

Allegato

—-> Vedere Allegato da pag. 27 a pag. 28 <----

MINISTERO DEL LAVORO, DELLA SALUTE E DELLE POLITICHE SOCIALI – DECRETO 27 novembre 2008

Ingegneri.info