MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI - DECRETO 26 luglio 2010 | Ingegneri.info

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI – DECRETO 26 luglio 2010

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI - DECRETO 26 luglio 2010 - Incentivi, ai sensi dell'art. 2, comma 151, della legge 23 dicembre 2009 n. 191, per l'assunzione dei lavoratori titolari dell'indennita' di disoccupazione ordinaria con requisiti normali o dell'indennita' speciale di disoccupazione edile. (Decreto n. 53344). (10A12316) - (GU n. 253 del 28-10-2010 )

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI

DECRETO 26 luglio 2010

Incentivi, ai sensi dell’art. 2, comma 151, della legge 23 dicembre
2009 n. 191, per l’assunzione dei lavoratori titolari dell’indennita’
di disoccupazione ordinaria con requisiti normali o dell’indennita’
speciale di disoccupazione edile. (Decreto n. 53344). (10A12316)

IL MINISTRO DEL LAVORO
E DELLE POLITICHE SOCIALI

di concerto con

IL MINISTRO DELL’ECONOMIA
E DELLE FINANZE

Visto l’art. 19, comma 1, del regio decreto-legge 14 aprile 1939,
n. 636, convertito, con modificazioni, dalla legge 6 luglio 1939, n.
1272, che disciplina l’indennita’ di disoccupazione non agricola con
requisiti normali;
Visto l’art. 9 della legge 6 agosto 1975, n. 427, e successive
modificazioni, che disciplina l’indennita’ speciale di disoccupazione
edile;
Vista la legge 23 luglio 1991, n. 223 e, in particolare, l’art. 1 e
l’art. 8, comma 4-bis;
Visto l’art. 2, comma 151, della legge 23 dicembre 2009, n. 191;
Visto l’art. 3 della legge 14 gennaio 1994, n. 20;

Decreta:

Art. 1

Datori di lavoro ammessi all’incentivo

1. Sono ammessi all’incentivo di cui all’art. 2, comma 151, della
legge 23 dicembre 2009 n. 191, tutti i datori di lavoro che assumono
lavoratori titolari dell’indennita’ di disoccupazione ordinaria con
requisiti normali o dell’indennita’ speciale di disoccupazione edile.
2. L’incentivo spetta anche alle societa’ cooperative per il socio
con cui le medesime sottoscrivono un contratto di lavoro subordinato.
3. L’incentivo non spetta se l’assunzione costituisce attuazione di
un obbligo derivante dalla legge, dal contratto collettivo, da un
contratto individuale.
4. L’incentivo non spetta se, nei dodici mesi precedenti, il datore
di lavoro abbia effettuato licenziamenti per giustificato motivo
oggettivo o per riduzione di personale, salvo il caso in cui
l’assunzione sia finalizzata all’acquisizione di professionalita’
sostanzialmente diverse da quelle dei lavoratori licenziati.
5. L’incentivo non spetta, se il datore di lavoro abbia in atto
sospensioni dal lavoro o riduzioni di orario di lavoro connesse ad
una crisi o riorganizzazione aziendale, salvo il caso in cui
l’assunzione sia finalizzata all’acquisizione di professionalita’
sostanzialmente diverse da quelle dei lavoratori sospesi o in
riduzione di orario.
6. L’incentivo non spetta se, nelle ipotesi di cui all’art. 8,
comma 4-bis, della legge 23 luglio 1991, n. 223, tra il datore di
lavoro che assume e il datore di lavoro da cui proviene il lavoratore
vi sia sostanziale coincidenza degli assetti proprietari ovvero
intercorrano rapporti di collegamento o controllo; in tali casi
l’incentivo spetta comunque se l’assunzione avvenga dopo sei mesi dal
licenziamento.

Art. 2

Contratti di lavoro per i quali spetta l’incentivo

1. L’incentivo spetta per le assunzioni a tempo pieno e
indeterminato effettuate dal 1° gennaio 2010 al 31 dicembre 2010.
2. L’incentivo spetta, altresi’, nel caso in cui il datore di
lavoro trasformi nel corso dell’anno 2010 un contratto di lavoro a
tempo determinato, comunque stipulato successivamente al 1° gennaio
2010, in contratto di lavoro a tempo pieno e indeterminato.
3. L’incentivo e’ cumulabile con le riduzioni contributive
eventualmente spettanti in forza della normativa vigente e con
l’incentivo di cui all’art. 2, comma 134, della legge 23 dicembre
2009, n. 191.

Art. 3

Lavoratori per la cui assunzione spetta l’incentivo

L’incentivo spetta se, alla data dell’assunzione, il lavoratore sia
titolare alternativamente:
a) dell’indennita’ di disoccupazione non agricola con requisiti
ordinari, prevista dall’art. 19, comma 1, del regio decreto-legge 14
aprile 1939, n. 636, convertito, con modificazioni, dalla legge 6
luglio 1939, n. 1272;
b) dell’indennita’ speciale di disoccupazione edile, prevista
dall’art. 9 della legge 6 agosto 1975, n. 427, e successive
modificazioni.

Art. 4

Presentazione della domanda

1. Il datore di lavoro che ha stipulato un contratto di lavoro in
conformita’ al precedente art. 2 e che intende chiedere l’incentivo
di cui al presente decreto, deve effettuare apposita domanda
all’Istituto nazionale della previdenza sociale, entro il mese
successivo alla data di stipulazione del contratto di lavoro.
2. Per i contratti stipulati prima della pubblicazione del presente
decreto interministeriale, la domanda puo’ essere presentata entro il
mese successivo alla data di pubblicazione del decreto stesso.

Art. 5

Misura e durata dell’incentivo

1. L’incentivo puo’ essere riconosciuto nel rispetto del limite
massimo complessivo delle risorse finanziarie stanziate, pari a 12
milioni di euro per l’anno 2010.
2. L’INPS verifica la disponibilita’ delle risorse finanziarie a
fronte delle singole domande di accesso all’incentivo stesso.
3. Nel caso in cui le risorse finanziarie di cui al precedente
comma 1 non siano sufficienti, l’incentivo viene concesso secondo
l’ordine cronologico di stipula dei contratti di lavoro.
4. Al datore di lavoro, come individuato al precedente art. 1,
spetta un incentivo mensile pari all’indennita’ che sarebbe spettata
al lavoratore assunto, per ogni mensilita’ o quota di mensilita’
residue rispetto a quelle gia’ percepite, con esclusione di quanto
sarebbe stato riconosciuto a titolo di contribuzione figurativa.
5. L’importo dell’incentivo non puo’ essere superiore alla
retribuzione erogata al lavoratore interessato riferita al
corrispondente mese dell’anno.
6. L’incentivo e’ erogato attraverso il conguaglio con le somme
dovute dai datori di lavoro a titolo di contributi previdenziali.
7. L’INPS provvede a comunicare le risultanze delle concessioni
dell’incentivo di cui al presente decreto al Ministero del lavoro e
delle politiche sociali e al Ministero dell’economia e delle finanze.
Il presente decreto sara’ trasmesso per il visto e la registrazione
alla Corte dei conti e sara’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, 26 luglio 2010

Il Ministro del lavoro
e delle politiche sociali
Sacconi
Il Ministro dell’economia
e delle finanze
Tremonti

Registrato alla Corte dei conti il 23 settembre 2010,
Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla
persona e dei beni culturali, registro n. 15, foglio n. 342.

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI – DECRETO 26 luglio 2010

Ingegneri.info