MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI - DECRETO 22 Ottobre 2007 | Ingegneri.info

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 22 Ottobre 2007

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI - DECRETO 22 Ottobre 2007 - Disposizioni riguardanti il regime di pagamento unico. (GU n. 289 del 13-12-2007 )

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

DECRETO 22 Ottobre 2007

Disposizioni riguardanti il regime di pagamento unico.

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

Visto il regolamento (CE) n. 1782/2003 del Consiglio, del
29 settembre 2003, che stabilisce norme comuni relative ai regimi di
sostegno diretto della politica agricola comune e istituisce taluni
regimi di sostegno a favore degli agricoltori, e successive
modificazioni ed integrazioni;
Visto il regolamento (CE) n. 2200/1996 del Consiglio, del
28 ottobre 1996, relativo all’organizzazione comune dei mercati nel
settore degli ortofrutticoli, e successive modificazioni ed
integrazioni;
Visto il regolamento (CE) n. 2201/1996 del Consiglio, del
28 ottobre 1996, relativo all’organizzazione comune dei mercati nel
settore dei prodotti trasformati a base di ortofrutticoli, e
successive modificazioni ed integrazioni;
Visto il regolamento (CE) n. 2202/1996 del Consiglio, del
28 ottobre 1996, che istituisce un regime di aiuti ai produttori di
taluni agrumi;
Visto il regolamento (CE) n. 1182/2007 del Consiglio, del
26 settembre 2007, recante norme specifiche per il settore
ortofrutticolo, ed in particolare l’art. 52, punto 8, con il quale e’
stato modificato l’art. 51 del regolamento (CE) n. 1782/2003, e
l’allegato II, recante integrazione dell’allegato VII del regolamento
(CE) n. 1782/2003;
Visto il regolamento (CE) n. 795/2004 della Commissione, del
21 aprile 2004, recante modalita’ d’applicazione del regime di
pagamento unico, e successive modificazioni ed integrazioni;
Visto il regolamento (CE) n. 1444/2002 della Commissione, del
24 luglio 2002, concernente definizione ed elenco dei prodotti
agricoli;
Visto il decreto ministeriale 5 agosto 2004, recante disposizioni
per l’attuazione della riforma della politica agricola comune, e
successive modificazioni ed integrazioni;
Visto l’art. 4, comma 3 della legge 29 dicembre 1990, n. 428,
concernente disposizioni per l’adempimento di obblighi derivanti
dall’appartenenza dell’Italia alle Comunita’ europee (legge
comunitaria per il 1990) cosi’ come modificato dall’art. 2, comma 1,
del decreto-legge 24 giugno 2004, n. 157, convertito con
modificazioni nella legge 3 agosto 2004, n. 204, con il quale si
dispone che il Ministro delle politiche agricole e forestali,
nell’ambito di sua competenza, provvede con decreto all’applicazione
nel territorio nazionale dei regolamenti emanati dalla Comunita’
europea;
Considerato che l’art. 33 e l’allegato VII, lettera M, del
regolamento (CE) n. 1782/2003 consentono agli Stati membri di
attribuire ai produttori di ortofrutticoli, di patate da consumo e di
vivai un aiuto ai sensi del Titolo III del regolamento medesimo,
prevedendo altresi’ la possibilita’ di rinviare fino al 31 dicembre
2010 ogni decisione in tal senso;
Considerato che, ad eccezione dei prodotti rientranti nel campo di
applicazione del regolamento (CE) n. 2201/1996 e del regolamento (CE)
n. 2202/1996, le produzioni ortofrutticole, le patate da consumo ed i
vivai non sono attualmente oggetto di aiuti diretti, e che pertanto
non sussiste l’esigenza di assicurare, nel quadro del nuovo regime,
continuita’ al sostegno destinato alle imprese;
Considerato, pertanto, che appare preferibile rinviare fino al
31 dicembre 2010 ogni decisione in merito alla assegnazione di un
aiuto ai sensi del Titolo III del regolamento (CE) n. 1782/2003,
anche al fine di verificare le condizioni di mercato che si
determineranno nei prossimi anni;
Considerato che tale soluzione non e’ tuttavia opportuna per le
colture di agrumi, nonche’ di pere, pesche, prugne e pomodoro
destinati alla trasformazione, in relazione alle quali appare
necessario dare continuita’ al sostegno finora erogato ai sensi dei
regolamenti (CE) n. 2201/1996 e n. 2202/1996, disponendo, con
separati provvedimenti, l’attribuzione di un aiuto ai sensi del
Titolo III del regolamento (CE) n. 1782/2003;
Considerato che la sopraindicata modifica dell’art. 51 del
regolamento (CE) n. 1782/2003 rimuove il divieto di coltivare
prodotti ortofrutticoli, patate da consumo e vivai, sulle superfici
dichiarate ai fini del pagamento unico, ma consente agli Stati membri
di rinviare fino al 31 dicembre 2010 l’efficacia di tale misura;
Considerato che la rimozione del predetto divieto di coltivazione
potrebbe provocare una crescita eccessiva del volume della produzione
e dell’offerta delle patate da consumo, dei vivai e della frutta, ad
eccezione degli agrumi, con gravi conseguenze per gli equilibri di
mercato e per i redditi dei produttori;
Considerato, pertanto, che appare preferibile, a tutela del reddito
dei predetti produttori, mantenere in vigore il divieto sopraindicato
per la frutta, ad eccezione degli agrumi, per le patate da consumo e
per i vivai fino al 31 dicembre 2010, in modo da consentire ai
produttori di prepararsi al cambiamento del quadro produttivo;
Considerato che la normativa comunitaria impone agli Stati membri
di assumere entro il 1° novembre 2007 le eventuali decisioni in
deroga al disposto dell’art. 51 del regolamento (CE) n. 1782/2003;
Ritenuta l’opportunita’ di avvalersi della facolta’ prevista al
2° sottoparagrafo dell’art. 51 del regolamento (CE) n. 1782/2003,
rinviando al 31 dicembre 2010 la rimozione del divieto di coltivare,
sulle superfici dichiarate ai fini del pagamento unico, la frutta, le
patate da consumo ed i vivai;
Ritenuta l’opportunita’ di escludere, fino al 31 dicembre 2010, dal
calcolo dell’importo di riferimento di cui al Titolo III del
regolamento (CE) n. 1782/2003, i prodotti ortofrutticoli, le patate
da consumo ed i vivai, con la eccezione degli agrumi nonche’ delle
pere, pesche, prugne e pomodoro destinati alla trasformazione;
Sancita l’intesa della Conferenza permanente per i rapporti tra lo
Stato e le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano, nella
seduta del 18 ottobre 2007.

Decreta:

Art. 1.
Definizioni

Ai fini del presente decreto si intende per:
“ortofrutticoli”: i prodotti di cui all’art. 1, paragrafo 2, del
regolamento (CE) n. 2200/1996 e all’art. 1, paragrafo 2, del
regolamento (CE) n. 2201/1996;
“patate da consumo”: le patate del codice NC 0701 diverse da
quelle destinate alla fabbricazione di fecola di patate, per le quali
e’ concesso l’aiuto di cui all’art. 93 del regolamento (CE) n.
1782/2003;
“agrumi”: i prodotti di cui al codice NC 0805;
“pomodoro, pere, pesche e prugne destinati alla trasformazione”:
i prodotti di cui al regolamento (CE) n. 2201/1996;
“vivai” le coltivazioni di cui all’allegato I, lettera G/5 del
regolamento (CE) n. 1444/2002.

Art. 2.
Uso agricolo del suolo

In applicazione del disposto dell’art. 51, 2° sottoparagrafo del
regolamento (CE) n. 1782/2003, per gli anni dal 2008 al 2010, le
superfici dichiarate al regime di pagamento unico ai sensi dell’art.
44, paragrafo 3, del regolamento medesimo non possono essere
utilizzate per la produzione di patate da consumo, di vivai e di
frutta in coltura permanente, ad eccezione degli agrumi.

Art. 3.
Pagamento unico

Nel periodo di cui all’art. 2, sono esclusi dal calcolo
dell’importo di riferimento di cui al Titolo III del regolamento (CE)
n. 1782/2003 le patate da consumo, i vivai ed i prodotti
ortofrutticoli, con la eccezione degli agrumi, nonche’ delle pere,
pesche, prugne e pomodoro destinati alla trasformazione.
Il presente decreto e’ trasmesso alla Corte dei conti per la
registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana.
Roma, 22 ottobre 2007

Il Ministro: De Castro
Registrato alla Corte dei conti il 23 novembre 2007 Ufficio di
controllo atti Ministeri delle attivita’ produttive, registro n. 4,
foglio n. 198

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 22 Ottobre 2007

Ingegneri.info