MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI - DECRETO 4 marzo 2011 | Ingegneri.info

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 4 marzo 2011

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI - DECRETO 4 marzo 2011 - Approvazione del piano assicurativo agricolo 2011. (11A06942) - (GU n. 119 del 24-5-2011 )

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI

DECRETO 4 marzo 2011

Approvazione del piano assicurativo agricolo 2011. (11A06942)

IL MINISTRO DELLE POLITICHE AGRICOLE
ALIMENTARI E FORESTALI

Visto il decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102 e successive
modifiche, concernente interventi finanziari a sostegno delle imprese
agricole;
Visto il Capo I del medesimo decreto legislativo n. 102/2004, che
disciplina gli aiuti per il pagamento dei premi assicurativi ed, in
particolare, l’art. 4 che stabilisce procedure, modalita’ e termini
per l’adozione del piano assicurativo agricolo annuale sentite le
proposte di apposita Commissione Tecnica;
Visto l’art. 68, del Regolamento (CE) n. 73/009, del Consiglio del
19 gennaio 2009, che prevede, tra l’altro, l’erogazione di un
contributo pubblico sulla spesa assicurativa per la copertura dei
rischi di perdite economiche causate da avversita’ atmosferiche sui
raccolti, da epizoozie negli allevamenti zootecnici, da malattie
delle piante e da infestazioni parassitarie sulle produzioni
vegetali, che producono perdite superiori al 30 per cento delle
produzione media annua;
Visto l’art. 11 del decreto 29 luglio 2009, del Ministro delle
politiche agricole alimentari e forestali, di attivazione della
misura comunitaria di cui all’art. 68 del Regolamento (CE) n.
73/2009, per la copertura assicurativa dei rischi agricoli, secondo
le procedure previste dal decreto legislativo n. 102/2004 e
successive modifiche;
Visto il piano nazionale di sostegno dell’OCM vino trasmesso alla
commissione europea, in attuazione del Regolamento (CE) n. 1234/2007
e successive modifiche e, in particolare, la previsione della misura
relativa all’assicurazione del raccolto di uva da vino;
Visto il decreto 13 ottobre 2008, del Ministro delle politiche
agricole alimentari e forestali, registrato alla Corte dei Conti il
17 novembre 2008, registro 4, foglio 108, con il quale, in attuazione
dell’art. 2, del decreto legislativo 29 marzo 2004, n. 102 e
successive modifiche, sono stabilite le procedure e modalita’ di
calcolo della soglia di danno del 30 per cento, per l’ammissibilita’
a contributo delle polizze assicurative con soglia di danno, e sono
state individuate le cause di morte degli animali per
l’ammissibilita’ a contributo delle polizze che prevedono la
copertura dei costi per lo smaltimento delle carcasse;
Visto il proprio decreto 22 dicembre 2009, n. 30.162, registrato
alla Corte dei Conti il 24 febbraio 2010, registro 1 foglio 114, con
il quale e’ stato approvato il Piano assicurativo per la copertura
dei rischi agricoli del 2010;
Vista la circolare ministeriale 29 marzo 2010, n. 7078 con la quale
sono state stabilite le nuove procedure per la copertura assicurativa
agevolata dei rischi agricoli;
Visto,in particolare, l’art. 4, comma 5-bis, del decreto
legislativo 29 marzo 2004, n. 102, cosi’ come modificato dal decreto
legislativo 18 aprile 2008 n. 82, che al fine di garantire la
continuita’ della copertura dei rischi, dispone la conferma del Piano
assicurativo per l’anno successivo, qualora entro la data del 30
novembre dell’anno precedente, non sia approvato un nuovo Piano, ai
sensi dell’art. 4, comma 2, del predetto decreto legislativo n.
102/04;
Visti gli Orientamenti Comunitari per gli Aiuti di Stato nel
settore agricolo e forestale 2007-2013 (2006/C 319/01), ed in
particolare il punto V. concernente la gestione dei rischi e delle
crisi;
Visto il Regolamento (CEE) n. 1857/2006 della Commissione, del 15
dicembre 2006, ed in particolare l’art. 12, concernente aiuti per il
pagamento dei premi assicurativi;
Viste le determinazioni della Commissione tecnica che propone di
confermare per il 2011 il Piano assicurativo del 2010, con alcune
modifiche ed integrazioni;
Viste le richieste delle Regioni e delle Province Autonome di
Trento e di Bolzano;
Ritenuto di accogliere le proposte integrative nei limiti
consentiti dalla normativa Nazionale e dagli Orientamenti e
Regolamenti della Commissione Europea;
Acquisita l’intesa della Conferenza permanente per i rapporti tra
lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e Bolzano,
espressa nella seduta del 10 febbraio 2011;

Decreta:

Per la copertura dei rischi agricoli del 2011 e’ confermato il
Piano Assicurativo 2010, approvato con il decreto 22 dicembre 2009,
n. 30.162, con le seguenti modifiche ed integrazioni:
1. L’art 1, e’ integrato con le seguenti aggiunte:
al paragrafo 1.3 l’elenco delle strutture aziendali assicurabili
e’ integrato con la categoria ombrai – strutture indipendenti in
ferro zincato coperte con rete ombreggiante;
al paragrafo 1.4 l’elenco delle avversita’ assicurabili con
polizza pluririschio a carico delle strutture aziendali – impianti di
produzioni arboree e arbustive e’ integrato con il Gelo;
al paragrafo 1.6 aggiungere il sottoparagrafo .1 perdite dovute
ad animali selvatici a carico dell’uva da vino;
al paragrafo 1.7.4 l’elenco delle epizoozie assicurabili negli
allevamenti avicoli e’ integrato con la epizoozia salmonellosi;
al paragrafo 1.7.7 l’elenco delle epizoozie assicurabili negli
allevamenti cunicoli e’ integrato con le epizoozie mixomatosi e
malattia emorragica virale.
2. L’art. 3 comma 3 e’ sostituito dal seguente:
le polizze multirischio sulle rese per la stabilizzazione del
ricavo aziendale a seguito di avversita’ atmosferiche coprono
l’insieme delle avversita’ elencate all’art. 1, punto 1.2. Con le
stesse polizze che assicurano le avversita’ atmosferiche possono
essere assicurati i danni da fitopatie e attacchi parassitari sulle
stesse colture, ai sensi dell’art. 2, comma 3, del decreto
legislativo n. 102/2004 e successive modifiche. La copertura
assicurativa ha una durata massima di 12 mesi dalla data di
sottoscrizione del contratto.
3. All’art. 3, comma 7 la parola «coltura» inserita tra le parole
«medesima» e «o allevamento» e’ sostituita con «tipologia colturale»;
4. L’allegato 1 – Tipologie colturali assicurabili e’ cosi’
integrato e modificato:
nella categoria «Vivai» la tipologia «Vivai di piante
ornamentali» e’ sostituita dalle seguenti specificazioni:
vivai di piante ornamentali sotto serra;
vivai di piante ornamentali in pieno campo
vivai di piante ornamentali in vaso.
Nella categoria «Altre colture» la tipologia «Zafferano» e’
sostituita dalle seguenti specificazioni:
zafferano pistilli;
zafferano bulbi.
L’elenco delle colture raggruppate nella categoria «Ortive e
ornamentali» e’ integrato con:
fiori di zucchina.
L’elenco delle colture raggruppate nella categoria «altre
colture» e’ integrato con:
rucola da seme;
basilico da seme;
lino da seme non tessile.
5. L’allegato 2 – Metodologia di calcolo dei parametri contributivi
– il paragrafo: «Garanzie multi rischio» e’ sostituito dal seguente:
Garanzie multi rischio sulle rese per la stabilizzazione del
ricavo aziendale a seguito di avversita’ atmosferiche.
Il parametro delle polizze multi rischio per la stabilizzazione dei
ricavi coincide con il tasso espresso in polizza. Nei limiti delle
disponibilita’ di bilancio, comunitario e nazionale, il relativo
contributo e’ fissato nella misura dell’80% per le polizze con soglia
di danno, ovvero nella misura del 50% per le polizze senza soglia di
danno.
6. L’allegato 3 – 2 Definizioni di eventi e garanzie – II Garanzie
– la definizione di «Garanzie multi rischio sulle rese» e’ sostituita
dalla seguente:
Garanzie multirischio sulle rese per la stabilizzazione del
ricavo aziendale a seguito di avversita’ atmosferiche.
Si intendono i contratti assicurativi che coprono la mancata resa
quali/quantitativa della produzione a causa della combinazione degli
eventi avversi ammessi alla copertura assicurativa agevolata
comprensiva, eventualmente, delle fitopatie. In termini di valore la
mancata resa dovra’ essere espressa come la differenza tra la resa
effettiva risultante al momento del raccolto e la resa media della
produzione ordinaria del triennio precedente in cui non si sono
registrate avversita’ presenti tra quelle assicurate, moltiplicata
per il prezzo medio dell’ultimo triennio, calcolato ai sensi
dell’art. 5 ter del decreto legislativo n. 102/2004, modificato dal
decreto legislativo n. 82/2008. Qualora in uno o piu’ anni del
triennio si sono verificate avversita’, si considerano l’anno o gli
anni immediatamente precedenti.
Il presente decreto sara’ inviato alla Corte dei Conti per la
registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della Repubblica
italiana.
Roma, 4 marzo 2011

Il Ministro: Galan

Registrato alla Corte dei conti il 18 aprile 2011
Ufficio controllo atti Ministeri delle attivita’ produttive, registro
n. 2, foglio n. 62

MINISTERO DELLE POLITICHE AGRICOLE ALIMENTARI E FORESTALI – DECRETO 4 marzo 2011

Ingegneri.info