MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 4 Maggio 2007 | Ingegneri.info

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 4 Maggio 2007

MINISTERO DELL'ECONOMIA E DELLE FINANZE - DECRETO 4 Maggio 2007 - Riparto delle somme concernenti il ripiano selettivo dei disavanzi pregressi nel settore sanitario. (GU n. 122 del 28-5-2007 )

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE

DECRETO 4 Maggio 2007

Riparto delle somme concernenti il ripiano selettivo dei disavanzi
pregressi nel settore sanitario.

IL MINISTRO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE
di concerto con
IL MINISTRO DELLA SALUTE
Visto il decreto-legge 20 marzo 2007, n. 23, recante disposizioni
urgenti per il ripiano selettivo dei disavanzi pregressi nel settore
sanitario;
Visto il comma 1 dell’art. 1, il quale dispone che lo Stato
concorre al ripiano dei disavanzi del Servizio sanitario nazionale
per il periodo 2001-2005 nei confronti delle regioni che:
sottoscrivono l’accordo con lo Stato per i piani di rientro ed
accedono al fondo transitorio di cui all’art. 1, comma 796,
lettera b), della legge 27 dicembre 2006, n. 296;
al fine dell’ammortamento del debito accumulato al 31 dicembre
2005 destinano al settore sanitario quote di manovre fiscali gia’
adottate o quote di tributi erariali attribuiti alle regioni stesse
ovvero misure fiscali da attivarsi sul proprio territorio, in via
ulteriore rispetto all’incremento nella misura massima
dell’addizionale regionale all’imposta sul reddito delle persone
fisiche e dell’aliquota dell’imposta regionale sulle attivita’
produttive;
Visto il comma 3 del medesimo art. 1, il quale dispone che:
per le finalita’ di cui al comma 1 e’ autorizzata, a titolo di
regolazione debitoria, la spesa di 3.000 milioni di euro per l’anno
2007;
i predetti 3.000 milioni di euro sono ripartiti tra le regioni
interessate con decreto del Ministro dell’economia e delle finanze,
di concerto con il Ministro della salute, sentito il Ministro per gli
affari regionali e le autonomie locali, sulla base dei debiti
accumulati fino al 31 dicembre 2005, della capacita’ fiscale
regionale e della partecipazione delle regioni al finanziamento del
fabbisogno sanitario;
Valutato che hanno la possibilita’ di accedere all’importo di 3.000
milioni di euro, conseguentemente alla verifica dei requisiti di cui
all’art. 1, comma 1, le seguenti regioni: Abruzzo, Campania, Lazio,
Molise e Sicilia;
Ritenuto di dover ripartire, in attuazione dei criteri previsti dal
comma 3 dell’art. 1 del richiamato decreto-legge 20 marzo 2007, n.
23, le disponibilita’ finanziarie tra le regioni sulla base dei
seguenti parametri, tenendo conto del livello di partecipazione delle
regioni al finanziamento del fabbisogno sanitario:
per 2.500 milioni di euro in funzione del debito regionale non
coperto al 31 dicembre 2005, nonostante l’attivazione al livello
massimo dell’addizionale regionale all’imposta sul reddito delle
persone fisiche e dell’aliquota dell’imposta regionale sulle
attivita’ produttive;
per 300 milioni di euro in funzione del debito regionale
procapite al 31 dicembre 2005, al netto dei crediti verso lo Stato;
per 200 milioni di euro in funzione dell’ulteriore sforzo
fiscale, richiesto ai fini dell’ammortamento del debito non coperto
fino al 31 dicembre 2005, rispetto alla massimizzazione
dell’addizionale regionale all’imposta sul reddito delle persone
fisiche e dell’aliquota dell’imposta regionale sulle attivita’
produttive;
Sentito il Ministro per gli affari regionali e le autonomie locali;
Decreta:
Art. 1.
1. L’importo di 3.000 milioni di euro di cui al comma 3 dell’art. 1
del decreto-legge 20 marzo 2007, n. 23, e’ cosi’ ripartito:
regione Abruzzo 144 milioni di euro;
regione Campania 363 milioni di euro;
regione Lazio 2.079 milioni di euro;
regione Molise 202 milioni di euro;
regione Sicilia 212 milioni di euro.
2. Gli importi previsti per le singole regioni saranno erogati al
perfezionarsi degli accordi approvativi dei piani di rientro.
3. Il presente decreto sara’ trasmesso ai competenti organi di
controllo per la registrazione e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, 4 maggio 2007

Il Ministro dell’economia
e delle finanze
Padoa Schioppa
Il Ministro della salute
Turco

Registrato alla Corte dei conti il 9 maggio 2007
Ufficio di controllo sui Ministeri economico-finanziari,
registro n. 3
Economia e finanze, foglio n. 1

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE – DECRETO 4 Maggio 2007

Ingegneri.info