MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA - DECRETO 3 settembre 2008 | Ingegneri.info

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA – DECRETO 3 settembre 2008

MINISTERO DELL'ISTRUZIONE DELL'UNIVERSITA' E DELLA RICERCA - DECRETO 3 settembre 2008 - Cumulabilita' delle agevolazioni a favore delle attivita' di ricerca e sviluppo di cui al decreto 8 agosto 2000, n. 593 e successive modificazioni ed integrazioni, con le agevolazioni nella forma del credito di imposta. (GU n. 8 del 12-1-2009 )

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

DECRETO 3 settembre 2008

Cumulabilita’ delle agevolazioni a favore delle attivita’ di
ricerca e sviluppo di cui al decreto 8 agosto 2000, n. 593 e
successive modificazioni ed integrazioni, con le agevolazioni nella
forma del credito di imposta.

IL MINISTRO DELL’ISTRUZIONE,
DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA

Visto il decreto-legge 16 maggio 2008, n. 85, recante disposizioni
urgenti per l’adeguamento delle strutture di Governo in applicazione
dell’art. 1, commi 376 e 377, della legge 24 dicembre 2007, n. 244,
convertito, con modificazioni nella legge 14 luglio 2008, n. 121;
Visto l’art. 1, commi 280 e seguenti della legge 27 dicembre 2006,
successivamente modificato dall’art. 1, comma 66 della legge 24
dicembre 2007, n. 244, che istituisce, nelle forme e modalita’ ivi
previste, un credito di imposta in favore delle imprese per lo
svolgimento di attivita’ di ricerca e sviluppo, in conformita’ alla
vigente disciplina comunitaria degli aiuti di Stato in materia;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico, di concerto
con il Ministro dell’economia e delle finanze, del 28 marzo 2008, n.
76, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 92 del 18 aprile 2008, con
il quale e’ stato adottato il regolamento recante le disposizioni per
l’adempimento degli obblighi di comunicazione a carico delle imprese,
per le modalita’ di accertamento e verifica delle spese per il
credito di imposta di cui alle norme indicate;
Vista la disciplina comunitaria per gli aiuti di Stato alla
ricerca, sviluppo e innovazione n. 2006/C323/01, pubblicata nella
Gazzetta Ufficiale delle Comunita’ europee del 30 dicembre 2006, n.
C323/1;
Vista la decisione della Commissione europea dell’11 dicembre 2007
C(2007) 6042 def. con la quale si stabilisce che il credito di
imposta sopra citato, non classificandosi come aiuto di Stato, non
rientra nel campo di applicazione dell’art. 87, paragrafo 1 del
trattato CE;
Vista la circolare n. 46/E con la quale la Agenzia delle entrate,
nel fornire specifici chiarimenti in ordine all’applicazione del
citato credito di imposta, ribadisce la cumulabilita’ dello stesso
con altri contributi pubblici e agevolazioni, «… salvo che le norme
disciplinanti le altre misure a favore della ricerca non dispongano
diversamente»;
Visto il decreto legislativo n. 297 del 27 luglio 1999, e
successive modifiche e integrazioni, recante: «Riordino della
disciplina e snellimento delle procedure per il sostegno della
ricerca scientifica e tecnologica, per la diffusione delle
tecnologie, per la mobilita’ dei ricercatori», ed istituente il Fondo
per le agevolazioni alla ricerca (FAR);
Visto il decreto del Ministro dell’universita’ e della ricerca
scientifica e tecnologica in data 8 agosto 2000, n. 593, recante:
«Modalita’ procedurali per la concessione delle agevolazioni previste
dal decreto legislativo 27 luglio 1999, n. 297», approvato con la
nota della Commissione europea del 26 luglio 2000, n. D 430165,
registrato alla Corte dei conti il 12 dicembre 2000, registro n. 1
URST, foglio n. 1661 e pubblicato nel supplemento ordinario alla
Gazzetta Ufficiale n. 14 del 18 gennaio 2001;
Visto il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze del 10
ottobre 2003, emanato d’intesa con il Ministro dell’universita’ e
della ricerca, recante «Criteri e modalita’ di concessione delle
agevolazioni previste dagli interventi a valere sul Fondo per le
agevolazioni alla ricerca (FAR)», registrato alla Corte dei conti il
30 ottobre 2003 e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale del 25 novembre
2003, n. 274;
Visto il decreto del Ministro dell’universita’ e della ricerca del
2 gennaio 2008, registrato alla Corte dei conti il 16 aprile 2008,
registro n. 1, foglio n. 388, e pubblicato nella Gazzetta Ufficiale
n. 119 del 22 maggio 2008;
Considerato che le richiamate disposizioni attuative del decreto
legislativo n. 297/1999 prevedono espressamente la non cumulabilita’
delle agevolazioni ivi previste con altre agevolazioni pubbliche
nazionali o internazionali;
Rilevata la necessita’, al fine di garantire la migliore operativa
della misura del credito di imposta descritta, di eliminare il
divieto di cumulabilita’ previsto dal richiamato decreto ministeriale
n. 593/2000, con esclusivo riferimento alle agevolazioni previste dal
citato credito di imposta;

Decreta:

Articolo unico

Le agevolazioni in favore delle attivita’ di ricerca e sviluppo,
previste dal decreto legislativo 27 luglio 1999, n. 297, e
disciplinate dal decreto ministeriale 8 agosto 2000, n 593, e
successive modifiche e integrazioni, sono cumulabili, con effetto dal
periodo di imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2006,
con le agevolazioni nella forma del credito di imposta previste
dall’art. 1, commi 280 e seguenti della legge 27 dicembre 2006,
successivamente modificato dall’art. 1 , comma 66 della legge 24
dicembre 2007, n. 244.
Il presente decreto sara’ trasmesso alla Corte dei conti per la
registrazione ed entra in vigore con la sua pubblicazione nella
Gazzetta Ufficiale della Repubblica italiana.
Roma, 3 settembre 2008
Il Ministro : Gelmini
Registrato alla Corte dei conti il 26 novembre 2008
Ufficio di controllo preventivo sui Ministeri dei servizi alla
persona e dei beni culturali, registro n. 6, foglio n. 89

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA – DECRETO 3 settembre 2008

Ingegneri.info