MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - CIRCOLARE 17 dicembre 2009, n. 1509 | Ingegneri.info

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – CIRCOLARE 17 dicembre 2009, n. 1509

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - CIRCOLARE 17 dicembre 2009, n. 1509 - Chiarimenti e precisazioni in merito alle variazioni di programmi, oggetto delle agevolazioni previste dall'articolo 14 della legge 17 dicembre 1982, n. 46 (FIT), proposti congiuntamente da piu' soggetti. (09A15304) (GU n. 298 del 23-12-2009 )

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

CIRCOLARE 17 dicembre 2009 , n. 1509

Chiarimenti e precisazioni in merito alle variazioni di programmi,
oggetto delle agevolazioni previste dall’articolo 14 della legge 17
dicembre 1982, n. 46 (FIT), proposti congiuntamente da piu’ soggetti.
(09A15304)

Alle imprese interessate
Alle Banche concessionarie
All’A.B.I.
A Cassa depositi e prestiti S.p.a.

1.1. La direttiva 16 gennaio 2001 e la direttiva 10 luglio 2008 che
adegua la precedente alla disciplina comunitaria n. 2006/C 323/01, in
materia di aiuti di Stato a favore di ricerca, sviluppo e
innovazione, prevedono che i soggetti beneficiari possono presentare
programmi di sviluppo sperimentale anche congiuntamente. Fermo
restando quanto gia’ stabilito in merito alle variazioni dei
programmi agevolati dalle direttive richiamate e dalla circolare n.
1034240 dell’11 maggio 2001, con la presente circolare si forniscono
ulteriori precisazioni riguardanti le predette variazioni nel caso di
programmi da realizzare congiuntamente da due o piu’ soggetti.
1.2. Le variazioni riguardanti la rinuncia o la impossibilita’ a
partecipare alla realizzazione del programma, da parte di uno o piu’
soggetti, dovranno essere tempestivamente comunicate al Ministero per
il tramite del soggetto gestore ai fini dei conseguenti adempimenti.
1.3. I restanti beneficiari dovranno comunicare al Ministero il
proprio interesse a proseguire comunque il programma, con contestuale
proposta di nuova articolazione delle attivita’, da valutarsi a cura
della banca concessionaria.
1.4. La banca concessionaria, previa verifica della effettiva
organicita’ e funzionalita’ del programma, in relazione sia agli
aspetti tecnico-dimensionali che economico-finanziari, cosi’ come
modificato per effetto della rinuncia e della conservazione degli
obiettivi e delle finalita’ del programma anche in assenza del/i
soggetto/soggetti che non partecipano piu’ alla sua realizzazione,
comunichera’ le proprie valutazioni al Ministero al fine di
consentire l’adozione dei conseguenti provvedimenti.
2. Quanto disposto dai punti 1.3 e 1.4 trova applicazione anche nei
casi di revoca delle agevolazioni ad uno o a piu’ soggetti
beneficiari partecipanti a programmi congiunti.
Roma, 17 dicembre 2009

Il direttore generale
per l’incentivazione delle attivita’ imprenditoriali
Esposito

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – CIRCOLARE 17 dicembre 2009, n. 1509

Ingegneri.info