MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - CIRCOLARE 18 luglio 2008, n. 7666 | Ingegneri.info

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – CIRCOLARE 18 luglio 2008, n. 7666

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - CIRCOLARE 18 luglio 2008, n. 7666 - Attuazione per il 2008 dell'Accordo-quadro siglato il 12 dicembre 2007 tra il Ministero dello sviluppo economico, l'Istituto nazionale per il commercio con l'estero e la Conferenza dei rettori delle Universita' italiane. (GU n. 187 del 11-8-2008 )

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

CIRCOLARE 18 luglio 2008 , n. 7666

Attuazione per il 2008 dell’Accordo-quadro siglato il 12 dicembre
2007 tra il Ministero dello sviluppo economico, l’Istituto nazionale
per il commercio con l’estero e la Conferenza dei rettori delle
Universita’ italiane.

Premessa.

L’accordo-quadro siglato il 12 dicembre 2007 tra il Ministero dello
sviluppo economico (MISE), gia’ Ministero del commercio
internazionale, l’Istituto nazionale per il commercio estero (ICE) e
la Conferenza dei rettori delle Universita’ italiane (CRUI) si
inserisce nella politica di internazionalizzazione del Ministero che
mira a rafforzare la strategia di sistema-paese mediante il
coordinamento delle attivita’ promozionali e il concorso di soggetti
pubblici e privati.
In un’ottica di internazionalizzazione, l’Accordo-quadro con la
Conferenza dei rettori delle Universita’ italiane ha come finalita’
primaria l’integrazione fra il sistema universitario e il mondo delle
imprese per favorire la creazione e lo scambio della conoscenza, la
ricerca e la formazione. In particolare, la finalita’ e’ quella di
valorizzare le Universita’ italiane nelle loro interconnessioni con
il sistema economico nazionale e con le omologhe estere, sotto la
duplice veste di:
soggetti a cui e’ demandata prioritariamente la creazione di
conoscenza e l’alta formazione, fattori fondamentali per lo sviluppo
e la crescita del sistema Paese;
canali per l’acquisizione, lo sviluppo e la diffusione delle
conoscenze specialistiche e innovative, che fanno da supporto ai
processi di internazionalizzazione delle imprese e di acquisizione di
una maggiore competitivita’.
L’Accordo quadro mira pertanto a favorire 1’intgrazione fra la
produzione di conoscenze in una dimensione di internazionalizzazione
del sistema universitario e il mondo delle imprese.
Tale obiettivo e’ perseguito mediante l’elaborazione di progetti
comuni tra Universita’, imprese ed altri soggetti interessati, per
sviluppare efficaci collegamenti tra i fabbisogni delle imprese – in
termini sia di alta formazione, che di ricerca nei settori ad elevato
contenuto tecnologico – e le disponibilita’ del sistema accademico
nazionale, accompagnando cosi’ le imprese nella sperimentazione di
nuove strategie.
Inoltre, il sostegno pubblico all’attivita’ congiunta fra
Universita’ ed Impresa si propone di favorire l’inserimento delle PMI
nelle collaborazioni con l’estero avviate dalle Universita’ e di
ampliare le possibilita’ di implementazione all’estero di progetti
innovativi e di brevetti.
L’Accordo-quadro, tenendo conto delle specifiche finalita’ e delle
peculiarita’ del sistema universitario italiano, demanda (art. 3) al
Ministero il compito di individuare le priorita’, le risorse e le
procedure relative alla selezione e al finanziamento dei progetti. Lo
stesso art. 3 stabilisce che la valutazione dei progetti sia
realizzata con l’apporto di un Comitato costituito ad hoc (art. 4),
presieduto dal Direttore generale della Direzione promozione scambi
del Ministero dello sviluppo economico e composto da altri 4 membri,
in rappresentanza rispettivamente del Ministero, degli affari esteri,
del Ministero dell’istruzione universita’ e ricerca, della CRUI e
dell’ICE, di seguito denominato «Comitato di valutazione».
Il Ministero e l’ICE, per quanto di competenza, procedono al
co-finanziamento dei progetti.
Le «Linee di indirizzo per l’attivita’ promozionale» emanate dal
Ministro dello sviluppo economico costituiscono il quadro di
riferimento per l’individuazione delle priorita’ geografiche e
settoriali.
Alla luce di quanto sopra, per l’attuazione dell’Accordo per l’anno
2008 dovra’ farsi riferimento al co-finanziamento di progetti
congiunti «sistema universitario – sistema imprenditoriale», in
conformita’ alle indicazioni contenute nella presente Circolare.
Art. 1.
Tipologia dei progetti

1. I progetti sono presentati dalle Universita’, singole o
associate, in partenariato con singole imprese, anche in associazione
tra loro; possono inoltre partecipare ai progetti i Parchi
scientifici e tecnologici, i Distretti produttivi, i Centri di
ricerca pubblici e privati, gli Enti territoriali.
2. I progetti devono mirare a sviluppare la collaborazione
all’estero nel campo della ricerca applicata, dell’innovazione e del
trasferimento tecnologico, con il coinvolgimento di almeno un’impresa
italiana.
3. Per dare ai progetti un concreto orientamento
all’internazionalizzazione, in essi deve essere effettivamente
coinvolta almeno un’Universita’ straniera o un centro di ricerca
estero. Tale coinvolgimento deve risultare da una formale lettera di
impegno o da altre forme di accordo da allegare alla Scheda tecnica
di cui all’art. 3.
4. I progetti possono inoltre prevedere:
a) il finanziamento di azioni integrative da parte di altre
amministrazioni o enti pubblici;
b) il partenariato con aggregazioni di PMI, finalizzate alla
realizzazione del progetto.
5. I progetti dovranno essere realizzati entro un periodo massimo
di 18 mesi a decorrere dalla data della stipula del contratto con
l’ICE.

Art. 2.
Risorse e co-finanziamento

1. La copertura finanziaria dei progetti e’ ripartita al 50% tra
Universita’ e MISE/ICE.
2. Fermo rimanendo il principio del co-finanziamento al 50%, le
Universita’ possono coprire la quota di partecipazione con risorse
interne, mentre i soggetti partner imprenditoriali devono partecipare
al progetto con un apporto finanziario.
3. La quota a carico MISE/ICE per ciascun progetto non puo’
comunque superare i 125.000,00 Euro.
4. Le spese ammissibili al co-finanziamento sono indicate
nell’allegato A della presente circolare.
5. Per il periodo 2008/2009, la quota MISE/ICE sara’ coperta dai
fondi per il Programma promozionale ICE, nell’ambito della quota gia’
allocata a questo fine nel programma stesso, pari a Euro
3.000.000,00, salvo intervento di fondi aggiuntivi destinati allo
scopo da disposizioni successive.

Art. 3.
Modalita’ di elaborazione e presentazione dei progetti

1. Le Universita’ presentano i progetti e le relative domande di
finanziamento utilizzando la scheda tecnica allegata alla presente
circolare (Allegato B).
2. La domanda di finanziamento e la scheda tecnica vengono
presentate, anche su supporto informatico, all’Istituto nazionale per
il commercio estero – Dipartimento formazione, via Liszt 21 – 00144
Roma, nonche’ via e-mail all’indirizzo [email protected], entro e
non oltre il 10 ottobre 2008.
3. L’ICE puo’ richiedere ai proponenti eventuali chiarimenti o
integrazioni della documentazione ricevuta. Tutti i chiarimenti o le
integrazioni oggetto della richiesta dell’ICE devono essere forniti
entro 15 giorni dal ricevimento della richiesta, pena l’esclusione
del progetto.

Art. 4.
Selezione dei progetti

1. L’ICE svolge una pre-istruttoria sui progetti pervenuti e ne
sottopone i risultati al Comitato di valutazione, che decide in
merito all’ammissibilita’ degli stessi.
2. Il Comitato di valutazione si riunisce entro trenta giorni dalla
scadenza del termine per la presentazione delle domande.
3. La valutazione e la selezione dei progetti deve concludersi
entro centoventi giorni dalla prima riunione del Comitato di
valutazione. Al termine della valutazione il Comitato elabora una
graduatoria dei progetti e la trasmette al Ministero dello sviluppo
economico.
4. Entro quindici giorni dalla definizione della graduatoria il
Ministero comunica ai proponenti l’esito della selezione.
5. Tra i criteri di selezione per l’ammissibilita’ dei progetti
vengono considerati:
la conformita’ con le indicazioni contenute nella presente
circolare;
la completezza della documentazione presentata;
la coerenza con le «Linee di indirizzo per l’attivita’
promozionale» del Ministero.
Sono considerati elementi di valutazione:
la chiarezza di esposizione dei contenuti e delle ricadute del
progetto;
l’innovativita’ delle iniziative o delle metodologie proposte;
il grado di collaborazione con i sistemi produttivi, Distretti,
Parchi scientifici e tecnologici;
il grado di internazionalizzazione del progetto;
il coinvolgimento di imprese estere;
il finanziamento di azioni integrative da parte di
amministrazioni o enti pubblici;
il partenariato con aggregazioni di PMI finalizzato alla
realizzazione del progetto.

Art. 5.
Gestione dei progetti

1. A completamento di ogni progetto, ciascun beneficiano dovra’
inviare al Ministero dello sviluppo economico una relazione finale
che evidenzi i risultati conseguiti in rapporto agli obiettivi e ai
parametri precedentemente prefissati.
2. Nella gestione delle risorse finanziarie, fermo restando
l’importo complessivo del progetto, sono ammessi scostamenti e
compensazioni nei limiti del 20% delle singole voci di spesa.
3. Gli Uffici all’estero dell’ICE potranno fornire assistenza in
loco per la realizzazione dei progetti.

Art. 6.
Erogazione dei finanziamenti

L’erogazione del co-finanziamento da parte dell’Istituto nazionale
per il commercio estero avra’ luogo in tre tranche, dietro
presentazione dei documenti di spesa, come definiti all’art. 7:
le prime due franche saranno erogate in base allo stato
avanzamento lavori;
la terza tranche sara’ erogata a conclusione del progetto.

Art. 7.
Rendicontazione delle spese

Al fine della rendicontazione dei progetti, i proponenti sono
tenuti a presentare all’ICE la relativa documentazione di spesa. Nel
caso di costi vivi, devono essere allegati i relativi giustificativi
di spesa. Nel caso di costi figurativi (risorse in natura), e’
richiesta un’analitica autocertificazione.
La presente circolare sara’ pubblicata nella Gazzetta Ufficiale
della Repubblica italiana.
Roma, 18 luglio 2008
Il direttore generale

per la promozione degli scambi

Caprioli

Allegato A

—-> Vedere allegato a pag. 22 Vedere allegato alle pagg. 23-24

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – CIRCOLARE 18 luglio 2008, n. 7666

Ingegneri.info