MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 27 ottobre 2010 | Ingegneri.info

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 27 ottobre 2010

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO - DECRETO 27 ottobre 2010 - Approvazione del Piano operativo annuale (POA) 2010 per la ricerca di sistema elettrico nazionale. (10A13568) - (GU n. 269 del 17-11-2010 )

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO

DECRETO 27 ottobre 2010

Approvazione del Piano operativo annuale (POA) 2010 per la ricerca di
sistema elettrico nazionale. (10A13568)

IL MINISTRO
DELLO SVILUPPO ECONOMICO

Visto il decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 di attuazione
della direttiva n. 96/92/CE, recante norme comuni per il mercato
interno dell’energia elettrica ed in particolare l’art. 3, comma 11,
concernente gli oneri generale afferenti al sistema elettrico;
Visto il decreto interministeriale in data 26 gennaio 2000 e
successive modifiche concernente l’individuazione degli oneri
generali afferenti al sistema elettrico ed in particolare:
l’art. 10, comma 2, lettera b), che dispone che le attivita’ di
ricerca e sviluppo finalizzate all’innovazione tecnica e tecnologica
di interesse generale per il settore elettrico possono essere a
beneficio degli utenti del sistema elettrico nazionale e
contestualmente di interesse specifico di soggetti operanti nel
settore dell’energia elettrica nazionale o internazionale;
l’art. 11, comma 2, che dispone che il Ministro dell’industria,
del commercio e dell’artigianato definisce le modalita’ per la
selezione dei progetti di ricerca da ammettere all’erogazione degli
stanziamenti a carico di un fondo per il finanziamento dell’attivita’
di ricerca istituito presso la cassa conguaglio per il settore
elettrico;
Visto il decreto del Ministro delle attivita’ produttive 8 marzo
2006 (di seguito: il decreto 8 marzo 2006), recante nuove modalita’
di gestione del fondo per il finanziamento delle attivita’ di ricerca
e sviluppo di interesse generale per il sistema elettrico nazionale;
ed in particolare:
l’art. 2, comma 1, che prevede la predisposizione da parte del
Comitato di esperti di ricerca per il sistema elettrico (di seguito:
CERSE) del piano triennale, contenente le priorita’ delle attivita’
di ricerca e sviluppo di interesse generale per il sistema elettrico
nazionale, gli obiettivi, i progetti di ricerca e sviluppo ed i
risultati attesi, la previsione del fabbisogno per il finanziamento
del fondo per le attivita’ di ricerca e sviluppo di interesse
generale per il sistema elettrico nazionale, previa consultazione
dell’Autorita’ per l’energia elettrica ed il gas, del Ministero
dell’istruzione, dell’universita’ e della ricerca, del Ministero
dell’ambiente e della tutela del territorio (ora denominato:
Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare) e
della cassa conguaglio per il settore elettrico;
l’art. 2, comma 2, che prevede che il piano triennale predisposto
dal CERSE e’ trasmesso al Ministero delle attivita’ produttive (ora
Ministero dello sviluppo economico) entro il mese di agosto di
ciascun anno;
l’art. 2, comma 3, che prevede l’approvazione del piano triennale
e della relativa previsione di fabbisogno da parte del Ministero
delle attivita’ produttive;
Vista la decisione della Commissione europea – DG concorrenza, in
data 20 dicembre 2006, n. C(2006)6681 def, sull’aiuto di Stato
NN.I27/05 – Ricerca e sviluppo nel settore elettrico, con la quale e’
stato espresso parere favorevole circa la compatibilita’ con il
trattato del regime di finanziamento alle attivita’ di ricerca e
sviluppo nel settore elettrico;
Visto il decreto-legge in data 18 giugno 2007, n. 73, recante
«Misure urgenti per l’attuazione di disposizioni comunitarie in
materia di liberalizzazione dei mercati dell’energia», convertito con
modificazioni nella legge 3 agosto 2007, n. 125, che all’art. 1,
comma 6, prevede che il Ministero dello sviluppo economico attui le
disposizioni in materia di ricerca e sviluppo di sistema, previste
dal decreto 8 marzo 2006, rientranti tra gli oneri generali di
sistema gestiti dalla cassa conguaglio per il settore elettrico;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 21 giugno
2007, n. 383, registrato alla Corte dei conti il 28 giugno 2007,
registro n. 3, foglio n. 231, con il quale sono state attribuite
transitoriamente all’Autorita’ per l’energia elettrica ed il gas (di
seguito: Autorita’) le funzioni del CERSE di cui al decreto 8 marzo
2006, in via di ricostituzione;
Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico in data 19
marzo 2009 (di seguito: il decreto 19 marzo 2009) recante
approvazione del piano triennale 2009-2011 della ricerca di sistema e
del piano operativo annuale 2009 e l’attribuzione delle risorse del
fondo di cui al citato decreto interministeriale 26 gennaio 2000, che
prevede:
l’indicazione delle aree prioritarie di ricerca a totale
beneficio degli utenti del sistema elettrico: governo, gestione e
sviluppo del sistema elettrico nazionale; produzione di energia
elettrica e protezione dell’ambiente; razionalizzazione e risparmio
nell’uso dell’energia elettrica;
la possibilita’ per il Ministero dello sviluppo economico di
stipulare accordi di programma triennali, secondo quanto previsto
dall’art. 4, comma 1, del decreto 8 marzo 2006, indicando, a tal
fine, come soggetti beneficiari l’ENEA, il CNR e la societa’ ERSE,ora
RSE;
Vista la legge n. 99 del 23 luglio 2009, recante disposizioni per
lo sviluppo e l’internazionalizzazione delle imprese, nonche’ in
materia di energia, ed in particolare l’art. 38 che prevede, al fine
di garantire la continuita’ delle iniziative intraprese nel settore
della ricerca di sistema elettrico, che il Ministro dello sviluppo
economico attui le disposizioni in materia di ricerca e sviluppo di
sistema previste dall’art. 3, comma 11, del decreto legislativo 16
marzo 1999, n. 79, e dal decreto 8 marzo 2006.
Vista la nota di questo Ministero del 1° giugno 2010, in cui viene
chiesto all’Autorita’, nelle sue funzioni di CERSE, di procedere con
l’elaborazione di una proposta di piano operativo annuale 2010, che
tenga conto delle aree strategiche individuate nel piano triennale
2009-2011 e dei temi di ricerca gia’ avviati in coerenza con il piano
operativo annuale 2009, nonche’ dei nuovi orientamenti del governo in
materia di politica energetica esplicitati dall’art. 38 della legge
n. 99/2009;
Vista la delibera dell’autorita’ 5 agosto 2010 – RDS 7/10, con la
quale l’autorita’, nelle sue funzioni di CERSE, ha trasmesso al
Ministero dello sviluppo economico la «proposta di piano operativo
annuale 2010 del piano triennale della ricerca di sistema elettrico
2009-2011»;
Ritenuto di dover dare continuita’ alle attivita’ di ricerca di
sistema elettrico attualmente in fase di sviluppo, nell’ambito del
piano triennale 2009-2011 in coerenza con gli obiettivi in esso
contenuti e con gli indirizzi del Governo in tema di energia ed
ambiente;
Ritenuto che la proposta di piano di operativo annuale 2010 sia
coerente con il piano triennale 2009-2011 nonche’ con le priorita’ di
ricerca nel settore elettrico e i nuovi orientamenti del governo;
Ritenuto opportuno procedere tempestivamente all’approvazione del
piano operativo annuale per l’anno 2010 al fine di non interrompere
la politica di promozione e sostegno alla ricerca di sistema nel
settore elettrico;

Decreta:

Art. 1

1. E’ approvato il piano operativo annuale per l’anno 2010
(allegato A), allegato al presente decreto come parte integrante
dello stesso.

Art. 2

1. Sono destinati al finanziamento dei piani annuali 2010 degli
accordi di programma di cui in premessa, 45 milioni di euro, a valere
sulle disponibilita’ del fondo, cosi’ ripartiti:
a. 8 milioni di euro per l’accordo di programma con ENEA, per
lo svolgimento di attivita’ relative alla razionalizzazione e
risparmio nell’uso dell’energia elettrica ed allo sviluppo delle
conoscenze per l’utilizzo della fonte nucleare, che preveda in
particolare una partecipazione da parte dei principali Istituti
universitari nazionali, per una quota non inferiore al 20% delle
risorse finanziarie complessive, nonche’ l’intervento delle societa’
partecipate;
b. 3 milioni di euro per l’accordo di programma con il CNR, per
lo svolgimento di attivita’ relative alla produzione di energia
elettrica e protezione dell’ambiente, che preveda in particolare una
partecipazione alle attivita’ da parte dei principali Istituti
universitari nazionali, per una quota non inferiore al 20% delle
risorse finanziarie complessive;
c. 34 milioni di euro per l’accordo di programma con la
societa’ RSE S.p.A., per lo svolgimento di attivita’ relative al
governo, gestione e sviluppo del sistema elettrico nazionale, con
particolare riferimento alle infrastrutture di rete, agli scenari
futuri ed allo sviluppo e diffusione delle fonti rinnovabili.

Art. 3

1. Il presente decreto e’ trasmesso alla cassa conguaglio per il
settore elettrico per il seguito di competenza ed all’Autorita’ per
l’energia elettrica ed il gas.
2. Il presente decreto e’ pubblicato nella Gazzetta Ufficiale della
Repubblica italiana e nel sito del Ministero dello sviluppo
economico, ed entra in vigore il giorno successivo alla data di prima
pubblicazione.
Roma, 27 ottobre 2010

Il Ministro: Romani

Allegato A

Parte di provvedimento in formato grafico

MINISTERO DELLO SVILUPPO ECONOMICO – DECRETO 27 ottobre 2010

Ingegneri.info