MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI - DECRETO 21 novembre 2007 | Ingegneri.info

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA’ CULTURALI – DECRETO 21 novembre 2007

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA' CULTURALI - DECRETO 21 novembre 2007 - Modalita' di accesso ai finanziamenti destinati ad interventi per la creazione di percorsi museali, bibliotecari e archivistici, finalizzati alla fruizione da parte di ipovedenti, non vedenti e persone con disabilita'. (GU n. 37 del 13-2-2008 )

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA’ CULTURALI
DECRETO 21 novembre 2007
Modalita’ di accesso ai finanziamenti destinati ad interventi per
la creazione di percorsi museali, bibliotecari e archivistici,
finalizzati alla fruizione da parte di ipovedenti, non vedenti e
persone con disabilita’.
IL DIRETTORE GENERALE
per gli affari generali, il bilancio
le risorse umane e la formazione
Visto il decreto legislativo 20 ottobre 1998, n. 368, e successive
modificazioni;
Visto il decreto legislativo 8 gennaio 2004, n. 3;
Visto il decreto legislativo 22 gennaio 2004, n. 42 e successive
modificazioni;
Visto il decreto del Presidente della Repubblica 10 giugno 2004, n.
173, e successive modificazioni;
Visto il decreto ministeriale 24 settembre 2004, e successive
modificazioni;
Vista la legge 27 dicembre 2006, n. 296 (Legge finanziaria 2007),
ed in particolare l’art. 1, comma 1141;
Visto il decreto del Ministro dell’economia e delle finanze 29
dicembre 2006, recante «Ripartizione in capitoli delle unita’
previsionali di base relative al bilancio di previsione dello Stato
per l’anno finanziario 2007», che assegna la somma di euro
10.000.000,00 al cap. 7825 Piano Gestionale 12;
Visto il decreto del Ministro per i beni e le attivita’ culturali
26 febbraio 2007, istitutivo della Commissione per l’analisi delle
problematiche relative alla disabilita’ nello specifico settore dei
beni e delle attivita’ culturali;
Visto il decreto del Ministro per i beni e le attivita’ culturali
14 settembre 2007, recante la ripartizione delle somme summenzionate
e, in particolare, l’art. 3 che dispone che la somma di euro
1.750.000,00 del cap. 7825 e’ destinata ad interventi per la
creazione di percorsi museali, bibliotecari e archivistici
finalizzati alla fruizione da parte di ipovedenti, non vedenti e di
persone con disabilita’ e che le modalita’ di accesso ai
finanziamenti sono definite con apposito bando di gara del direttore
generale per gli affari generali, il bilancio, le risorse umane e la
formazione;
Decreta:

Art. 1.
1. I finanziamenti citati in premessa sono concessi ad istituzioni
e organismi privati, Universita’, Enti di ricerca nel settore della
disabilita’, cooperative sociali, associazioni ed Onlus che si
occupano delle persone con disabilita’, sulla base di progetti
finalizzati alla creazione di percorsi museali, bibliotecari ed
archivistici per la fruizione da parte di ipovedenti e non vedenti e
di persone con disabilita’, nonche’ alla realizzazione di un sistema
di qualita’ per la fruizione del patrimonio museale da parte di
ipovedenti e non vedenti.
2. Saranno privilegiati i progetti che prevedano il raccordo, il
coordinamento, la messa in rete e l’informazione al pubblico di tutte
le iniziative e buone pratiche svolte da soggetti radicati sul
territorio (universita’, enti locali, centri specializzati,
associazioni, Onlus e cooperative sociali) per favorire la piena
accessibilita’ al patrimonio culturale delle persone con disabilita’
sensoriale, motoria e psicocognitiva anche attraverso la creazione di
formati alternativi e di sistemi informatizzati che consentano la
messa in rete delle informazioni, nonche’ la visita e la conoscenza
di musei, aree archeologiche, archivi, biblioteche, indipendentemente
dalla presenza in loco, attraverso l’uso delle nuove tecnologie. In
tale ambito si potra’ prevedere anche la creazione di portali
specializzati (con visibilita’ nazionale e internazionale) di ricerca
e fruizione di documenti in formato alternativo. Saranno inoltre
privilegiati i progetti dedicati alla creazione di reti di
informazione ed erogazione di servizi tra universita’ e tra enti
locali.
3. Saranno privilegiati anche progetti che promuovano la ricerca di
soluzioni architettoniche per interventi di salvaguardia e
valorizzazione di edifici o siti storici culturali volti a garantire
la piena accessibilita’ anche attraverso soluzioni originali ed
innovative.
4. Fermi e impregiudicati i summenzionati criteri, gli articoli 2 e
3 delineano le caratteristiche che dovranno essere possedute in
particolare da due categorie di progetti individuate volte ad
assicurare:
la piena accessibilita’ di 10 siti culturali mediante la
dotazione di idonei strumenti;
un sistema informativo per la qualita’ nella fruizione dei beni
culturali da parte di persone con esigenze specifiche.

Art. 2.
1. Saranno selezionati progetti finalizzati a realizzare la piena
accessibilita’ e fruibilita’ di 10 siti culturali statali individuati
dalla Commissione ministeriale per l’analisi delle problematiche
relative alla disabilita’ nello specifico settore dei beni e delle
attivita’ culturali, sentiti gli uffici ministeriali competenti.
2. I progetti dovranno prevedere la realizzazione della piena
accessibilita’ e fruibilita’ dei siti secondo criteri che saranno
verificati dalla Commissione ministeriale per l’analisi delle
problematiche relative alla disabilita’ nello specifico settore dei
beni e delle attivita’ culturali, in particolare attraverso
l’allestimento di idonee attrezzature volte a consentire una
accessibilita’ anche superiore agli standard minimi previsti dalla
legge. Il risultato dovra’ garantire, anche attraverso la
sperimentazione dei supporti piu’ innovativi e la specifica
formazione del personale addetto all’accoglienza nei siti culturali,
una migliore fruizione del patrimonio culturale alle persone con
disabilita’ temporanea e permanente, motoria, sensoriale e
psicocognitiva, nel rispetto della loro autonomia e delle pari
opportunita’ e soddisfacendo realmente il fabbisogno culturale e
informativo di tutta la popolazione.
3. Per il raggiungimento dell’obiettivo della piena accessibilita’
dei 10 siti selezionati e’ previsto un finanziamento complessivo di
euro 800.000,00 comprensivo delle varie forniture di apposite
strutture ed attrezzature previste per ciascun sito, al fine di
realizzare la piena accessibilita’ di tutti i siti individuati.
4. L’approvvigionamento di tali forniture dovra’ avvenire con la
supervisione del responsabile del procedimento individuato ai sensi
dell’art. 7.

Art. 3.
1. Sara’ selezionato un progetto che prevede come obiettivo un
sistema informativo per la qualita’ nella fruizione dei beni
culturali da parte di persone con esigenze specifiche mediante la
rilevazione delle condizioni di accessibilita’ di siti culturali e
l’acquisizione di tutte le informazioni necessarie per consentire
alla persona con disabilita’ di poter stabilire se, rispetto alle
proprie specifiche esigenze, le caratteristiche di quella particolare
struttura consentano una fruibilita’ soddisfacente. La rilevazione
dovra’ tenere conto delle diverse forme di disabilita’ (temporanea e
permanente, motoria, sensoriale e psicocognitiva) e dovra’ essere
effettuata su un numero stimato di 800 siti culturali statali.
2. La metodologia dovra’ essere caratterizzata dai seguenti
elementi:
la raccolta delle informazioni deve essere basata sulla
rilevazione diretta da parte del personale della struttura
selezionata, supportato da operatori adeguatamente formati;
la raccolta delle informazioni deve avvenire mediante l’utilizzo
di un questionario, appositamente studiato con la collaborazione
delle associazioni e della Commissione ministeriale per l’analisi
delle problematiche relative alla disabilita’ nello specifico settore
dei beni e delle attivita’ culturali, per la rilevazione di tutte le
caratteristiche e degli elementi necessari per garantire
un’informazione esauriente in relazione ad una larga tipologia di
esigenze. Il questionario sara’ somministrato attraverso la rete
intranet del Ministero;
la rilevazione sul campo deve avvenire mediante l’utilizzo di
un’articolata serie di strumenti. Le informazioni testuali dovranno
essere integrate in mappe dei siti rilevati, messe a disposizione dal
responsabile del sito e corredate di fotografie per garantire maggior
chiarezza nella descrizione delle condizioni di fruibilita’ di ogni
struttura.
Il progetto dovra’ prevedere le seguenti attivita’:
coordinamento, organizzazione logistica della campagna di
rilevazione, rendicontazione progetto;
confronto con le associazioni delle persone disabili e con la
Commissione ministeriale per l’analisi delle problematiche relative
alla disabilita’ nello specifico settore dei beni e delle attivita’
culturali;
definizione degli elementi che identificano le strutture da
rilevare;
definizione dei questionari relativi;
supporto alla realizzazione del software di rilevazione e del
sistema di restituzione delle informazioni: attivita’ di confronto
con gli esperti del Ministero per la definizione del sistema di
acquisizione e restituzione informazioni;
formazione dei rilevatori: impostazione 3 corsi, predisposizione
materiale didattico, coordinamento calendario docenti, erogazione
corsi, preferibilmente in modalita’ di e-learning;
supporto alla campagna di rilevazione in 800 siti culturali
statali, incluso spese di missione;
assistenza e supporto del personale incaricato della rilevazione
per la soluzione di problemi durante la stessa;
validazione delle rilevazioni e rilascio delle informazioni:
verifica dei dati pervenuti attraverso la compilazione del
questionario, breve descrizione degli elementi significativi
all’interno della struttura (caratteristiche dei sistemi di
collegamento, tipologia dei servizi offerti, ecc), rilascio
definitivo del dato validato.
L’obiettivo del progetto dovra’ essere quello di fornire alla
generalita’ degli utenti la possibilita’ di avere informazioni
sull’accessibilita’ dei luoghi della cultura attraverso l’uso di
mappe che riproducano gli spazi fisici dei luoghi della cultura
(musei, aree archeologiche, archivi, biblioteche, …) con icone e
dettagli di approfondimento. Le icone potranno descrivere gli
elementi presenti nel sito culturale, valutati come significativi per
la comod…

[Continua nel file zip allegato]

MINISTERO PER I BENI E LE ATTIVITA’ CULTURALI – DECRETO 21 novembre 2007

Ingegneri.info