ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 dicembre 2008 | Ingegneri.info

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 dicembre 2008

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 dicembre 2008 - Disposizioni urgenti di protezione civile. (Ordinanza n. 3721). (GU n. 301 del 27-12-2008 )

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 dicembre 2008

Disposizioni urgenti di protezione civile. (Ordinanza n. 3721).

IL PRESIDENTE
DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

Visto l’art. 5, commi 2 e 3 della legge 24 febbraio 1992, n. 225;
Visto l’art. 107 del decreto legislativo 31 marzo 1998, n. 112;
Visto il decreto-legge 7 settembre 2001, n. 343, convertito, con
modificazioni, dalla legge 9 novembre 2001, n. 401;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 8
settembre 2006, recante la dichiarazione dello stato di emergenza
ambientale determinatosi nel settore del traffico e della mobilita’
nella citta’ di Messina;
Vista l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri del 5
dicembre 2007, n. 3633, recante «interventi urgenti di protezione
civile diretti a fronteggiare l’emergenza ambientale determinatasi
nel settore del traffico e della mobilita’ nella citta’ di Messina»,
cosi’ come modificata dall’art. 10 dell’ordinanza del Presidente del
Consiglio dei Ministri 17 aprile 2008, n. 3669;
Ravvisata l’opportunita’ di provvedere alla nomina del sindaco del
comune di Messina quale Commissario delegato per la prosecuzione
degli interventi previsti dalle citate ordinanze, finalizzate al
superamento della situazione emergenziale ed al definitivo rientro
nell’ordinario;
Vista l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3662
del 19 marzo 2008, recante disposizioni urgenti per fronteggiare
l’emergenza nel settore dello smaltimento dei rifiuti nella regione
Campania e per consentire il passaggio alla gestione ordinaria e
l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3700 del 5
settembre 2008, recante ulteriori disposizioni urgenti per lo
svolgimento del grande evento relativo al 150° Anniversario
dell’Unita’ d’Italia con riferimento al Teatro S. Carlo di Napoli,
nonche’ la nota in data 11 novembre 2008 del Dipartimento per le
politiche di sviluppo e coesione del Ministero dello sviluppo
economico;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 22
settembre 2006, con il quale e’ stato dichiarato lo stato di
emergenza in relazione alle eccezionali avversita’ atmosferiche
verificatesi nei giorni dal 14 al 17 settembre 2006 nei territori
delle regioni Marche, Liguria e Veneto, nonche’ l’ordinanza del
Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3548 del 25 ottobre 2006, e
successive modificazioni ed integrazioni;
Vista la nota del Presidente della regione Marche del 25 settembre
2008;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 30
maggio 2008, con il quale e’ stato dichiarato lo stato di emergenza
in ordine agli eccezionali eventi meteorologici che hanno colpito la
regione Piemonte e la regione autonoma Valle d’Aosta il giorno 29
maggio 2008, nonche’ l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei
Ministri n. 3683 del 13 giugno 2008;
Vista la nota della regione Piemonte del 4 dicembre 2008;
Visto l’art. 3 dell’ordinanza del Presidente del Consiglio dei
Ministri n. 3452 del 2005 e la nota del 10 dicembre 2008 del
Commissario delegato presidente della provincia di Rieti, nonche’ la
nota del 16 dicembre 2008 del presidente della regione Lazio;
Vista l’ordinanza di protezione civile n. 3187 del 22 marzo 2002,
recante «Disposizioni urgenti per fronteggiare l’emergenza nel
settore dell’approvvigionamento idrico, del trasporto e della
distribuzione delle acque per i diversi usi nella regione Basilicata,
nonche’ la nota del 18 novembre 2008 del Presidente della regione
Basilicata;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 23
novembre 2006 con il quale e’ stato dichiarato lo stato di emergenza
in relazione alla grave situazione determinatasi nello stabilimento
Stoppani sito nel comune di Cogoleto in provincia di Genova;
Vista l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3354
del 5 dicembre 2006, recante: «Disposizioni urgenti di protezione
civile per fronteggiare la grave situazione di emergenza
determinatasi nello stabilimento Stoppani sito nel comune di Cogoleto
in provincia di Genova», e successive modificazioni ed integrazioni;
Visto il decreto-legge 23 maggio 2008, n. 90, convertito, con
modificazioni, dalla legge 14 luglio 2008, n. 123, ed in particolare
l’art. 19 del citato decreto-legge n. 90/2008 con il quale e’ stato
prorogato fino al 31 dicembre 2009 lo stato di emergenza nel settore
dei rifiuti nella regione Campania;
Vista l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3682
del 10 giugno 2008, e successive modificazioni ed integrazioni;
Visto il decreto-legge 6 novembre 2008, n. 172, recante misure
straordinarie per fronteggiare l’emergenza nel settore dello
smaltimento dei rifiuti nella regione Campania, nonche’ misure
urgenti di tutela ambientale;
Visto in particolare l’art. 1, comma 2 del decreto-legge 6 novembre
2008, n. 172, che prevede, per tutta la durata dello stato di
emergenza rifiuti nella regione Campania ed in via sperimentale che,
chi provvede al conferimento dei rifiuti ingombranti a soggetti
pubblici o privati autorizzati al servizio di raccolta a domicilio,
e’ esonerato dal pagamento degli oneri di trasporto e di smaltimento;
Ravvisata la necessita’ di definire specificamente le modalita’
attuative del servizio di raccolta dei rifiuti ingombranti presso il
domicilio degli utenti ed i relativi oneri;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 31
ottobre 2008, recante la proroga, fino al 30 marzo 2009, dello stato
di emergenza in materia di bonifica e di risanamento ambientale dei
suoli, delle falde e dei sedimenti inquinati, nonche’ in materia di
tutela delle acque superficiali e sotterranee e dei cicli di
depurazione nella regione Siciliana;
Visto l’art. 12 dell’ordinanza di protezione civile n. 3072 del 31
luglio 2000, e successive modifiche ed integrazioni, con cui i
Prefetti delle province di Caltanissetta e Siracusa sono stati
nominati Commissari delegati per l’attuazione degli interventi
previsti nel Piano di disinquinamento per il risanamento dei
territori delle medesime province di cui ai decreti del Presidente
della Repubblica 17 gennaio 1995;
Vista la nota del 10 dicembre 2008 del Presidente della regione
Siciliana;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri in data
11 dicembre 2007, recante la dichiarazione, fino al 31 dicembre 2009,
dello stato d’emergenza socio – economico – sanitaria nel territorio
della regione Calabria e l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei
Ministri n. 3635 del 21 dicembre 2007, e successive modificazioni ed
integrazioni;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del
dicembre 2008, con il quale e’ stato dichiarato, sino al 31 dicembre
2009, lo stato di emergenza determinatosi nel settore del traffico e
della mobilita’ nel territorio della citta’ di Napoli;
Viste le ordinanze di protezione civile n. 2509 del 22 febbraio
2007, e successive modifiche ed integrazioni e n. 3566 del 5 marzo
2007, e successive modifiche ed integrazioni;
Vista la nota del Commissario delegato per le bonifiche e la tutela
delle acque nella regione Campania del 9 dicembre 2008;
Viste le ordinanze di protezione civile n. 2425 del 18 marzo 1996,
n. 2470 del 31 ottobre 1996, n. 2560 del 2 maggio 1997, n. 2714 del
20 novembre 1997, n. 2774 del 31 marzo 1998, n. 2948 del 25 febbraio
1999, n. 3011 del 21 ottobre 1999, n. 3031 del 21 dicembre 1999, n.
3032 del 21 dicembre 1999, n. 3060 del 2 giugno 2000, n. 3095 del 23
novembre 2000, n. 3100 del 22 dicembre 2000, n. 3111 del 12 marzo del
2001, n. 3119 del 27 marzo 2001, n. 3286 del 9 maggio 2003, n. 3485
del 22 dicembre 2005, n. 3536 del 28 luglio 2006, n. 3619 del 5
ottobre 2007, n. 3638 del 31 dicembre 2007 e n. 3654 del 2 febbraio
2008;
Vista l’ordinanza del Presidente del Consiglio dei Ministri n. 3606
del 28 agosto 2007, e successive modificazioni ed integrazioni,
recante: «Disposizioni urgenti di protezione civile dirette a
fronteggiare lo stato di emergenza in atto nei territori delle
regioni Lazio, Campania, Puglia, Calabria e della regione Siciliana
in relazione ad eventi calamitosi dovuti alla diffusione di incendi e
fenomeni di combustione;
Su proposta del Capo del Dipartimento della protezione civile della
Presidenza del Consiglio dei Ministri;
Dispone:

Art. 1.

1. Al fine di garantire la prosecuzione degli interventi
finalizzati a fronteggiare la grave situazione di emergenza
ambientale determinatasi nel settore del traffico e della mobilita’
nella citta’ di Messina, il sindaco di Messina e’ nominato
Commissario delegato in sostituzione del Prefetto di Messina, gia’
nominato Commissario delegato ai sensi dell’ordinanza di protezione
civile n. 3633 del 5 dicembre 2007, e successive modificazioni ed
integrazioni, e si avvale della struttura e dei poteri di cui alle
ordinanze del Presidente del Consiglio dei Ministri emanate per
fronteggiare il contesto emergenziale in rassegna.
2. Entro dieci giorni dalla pubblicazione della presente ordinanza,
il Prefetto di Messina provvede al passaggio delle consegne
trasmettendo tutta la pertinente documentazione al sindaco di
Messina.

Art. 2.

1. Al fine di garantire una migliore gestione delle risorse del
Fondo…

[Continua nel file zip allegato]

ORDINANZA DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 19 dicembre 2008

Ingegneri.info