PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI - COMMISSARIO STRAORDINARIO DI GOVERNO PER L'ANAGRAFE NAZIONALE BOVINA | Ingegneri.info

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI – COMMISSARIO STRAORDINARIO DI GOVERNO PER L’ANAGRAFE NAZIONALE BOVINA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI - COMMISSARIO STRAORDINARIO DI GOVERNO PER L'ANAGRAFE NAZIONALE BOVINA - ORDINANZA 19 giugno 2003: Certificazione da parte di ogni detentore della propria consistenza di stalla, registrata nell'Anagrafe nazionale bovina. (GU n. 146 del 26-6-2003)

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI – COMMISSARIO STRAORDINARIO DI
GOVERNO PER L’ANAGRAFE NAZIONALE BOVINA

ORDINANZA 19 giugno 2003

Certificazione da parte di ogni detentore della propria
consistenza
di stalla, registrata nell’Anagrafe nazionale bovina.

IL COMMISSARIO STRAORDINARIO DI GOVERNO

PER L’ANAGRAFE NAZIONALE BOVINA

Visto il decreto del Presidente
della Repubblica 30 aprile 1996, n.
317 recante norme per
l’attuazione della direttiva 92/102/CEE
relativa
all’identificazione e alla registrazione degli animali;
Visto il
decreto legislativo 22 maggio 1999, n. 196 concernente
attuazione
della direttiva 97/12/CE che modifica e aggiorna la
direttiva
64/432/CEE relativa ai problemi di polizia sanitaria in
materia di
scambi intracomunitari di animali della specie bovina e
suina;

Visto il regolamento (CE) n. 132/99 della Commissione del
21
gennaio 1999 recante modifica del regolamento 2630/97 per
quanto
riguarda il livello minimo dei controlli da eseguire nel
contesto del
sistema di identificazione e registrazione dei bovini;

Visto il regolamento (CE) n. 1760/2000 del Parlamento europeo e
del
Consiglio del 17 luglio 2000, che istituisce un sistema
di
identificazione e registrazione dei bovini e
relativo
all’etichettatura delle carni bovine e prodotti a base
di carni
bovine, e che abroga il regolamento (CE) n. 820/97 del
Consiglio, in
particolare il titolo I;
Visto il decreto del
Presidente della Repubblica 19 ottobre 2000,
n. 437 recante modalita’
per l’identificazione e la registrazione dei
bovini;
Visto il
decreto-legge 22 ottobre 2001, n. 381, convertito in legge
con
modificazioni dalla legge 21 dicembre 2001, n. 441,
recanti
disposizioni urgenti concernenti l’Agenzia per
l’erogazione in
agricoltura (AGEA), l’anagrafe bovina e l’Ente
irriguo Umbro Toscano;
Visto il decreto del Ministro della
salute e del Ministro delle
politiche agricole e forestali del 31
gennaio 2002;
Visto il decreto del Presidente del Consiglio
dei Ministri di
nomina del commissario dell’11 dicembre 2002;
Visto
il decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri di
proroga
del mandato commissariale del 7 aprile 2003;
Tenuto conto che, ai
sensi del decreto ministeriale 31 gennaio
2002, il detentore o il
suo delegato sono pienamente responsabili sia
della veridicita’ che
della tempestiva registrazione di tutti gli
eventi inerenti ogni
movimentazione di capi in entrata ed in uscita
dall’azienda e che
si rende necessario conseguire il definitivo e
puntuale allineamento
dei contenuti informativi registrati nella
Banca dati nazionale
dell’anagrafe bovina con l’effettiva consistenza
degli allevamenti
stessi;
Considerato che con accordo sottoscritto il 15 maggio 2002
da tutte
le parti rappresentate nel Comitato di cui all’art. 15 del
decreto
ministeriale 31 gennaio 2002 e’ stato stabilito un
preciso e
condiviso calendario operativo che prevedeva
l’allineamento della
consistenza di stalla nella BDN entro il 31
ottobre 2002;
Tenuto conto che l’attuazione di tale accordo ha
fatto riscontrare
difficolta’ operative tali che tuttora non
risulta totalmente
conseguito il predetto allineamento dei dati;

Considerato che gli interventi tecnico-organizzativi promossi
e
posti in essere consentono oggi di eseguire le operazioni
di
allineamento con le modalita’ previste dal citato
decreto
ministeriale 31 gennaio 2002;

Ordina:

Art. 1.

Certificazione
della consistenza delle BDN con la situazione
di stalla
– Adempimenti dei produttori

1. Al fine di garantire,
l’allineamento dell’Anagrafe nazionale
bovina con le effettive
situazioni di stalla cosi’ come riportate da
ogni allevamento
nell’apposito registro tenuto secondo quanto
disposto dall’art.
3 del decreto del Presidente della Repubblica
30 aprile 1996, n.
317, a partire dal 15 luglio e sino al 15 novembre
2003, ogni
detentore di animali della specie bovina, comprese le
specie Bison
bison e Bubalus bubalus, riscontra la
situazione
dell’allevamento di competenza in collegamento con la
Banca dati
nazionale, ed effettua gli aggiornamenti, secondo le
modalita’
previste dal manuale operativo approvato con decreto del
Ministro
della salute e del Ministro delle politiche agricole e
forestali
7 giugno 2002, e successive modificazioni e
integrazioni, degli
eventi per i quali non risulti ancora
eseguita la registrazione
informatica nella Banca dati nazionale.
2.
L’attivita’ di riscontro effettuata ai sensi di quanto disposto
dal
comma 1 puo’ essere eseguita anche per il tramite
dell’assistenza
degli organismi di cui all’art. 14 del decreto del
Ministro della
salute e del Ministro delle politiche agricole e
forestali 31 gennaio
2002.
3. A conclusione dell’attivita’ di
riscontro, ogni detentore di
animali notifica alla Banca dati
nazionale l’avvenuta certilicazione
della piena rispondenza tra
quanto riportato nell’apposito registro
aziendale ed il contenuto
informativo registrato nell’Anagrafe
nazionale bovina; secondo
modalita’ che il detentore trovera’
pubblicate sullo stesso
portale di gestione della Banca dati
nazionale.
4. Le
registrazioni nella Banca dati nazionale effettuate ai sensi
del
comma 1 non costituiscono inadempimento in relazione
agli
obblighi ed ai termini fissati dal decreto del Presidente
della
Repubblica 19 ottobre 2000, n. 437 e del citato decreto del
Ministro
della salute e del Ministro delle politiche agricole e
forestali
31 gennaio 2002.
5. L’esecuzione delle registrazioni
in Banca dati nazionale non
esclude la responsabilita’ dei
detentori in ordine al rispetto dei
termini, stabiliti dai citati
decreto del Presidente della Repubblica
19 ottobre 2000, n. 437 e
decreto 31 gennaio 2002, per la notifica
amministrativa degli eventi
cui le registrazioni si riferiscono.
6. Le modalita’ operative
previste nel presente articolo consentono
la piena attuazione delle
disposizioni del decreto di cui al comma 2,
e devono pertanto essere
seguite a regime dai soggetti cui competono
obblighi di
comunicazione di eventi alla Banca dati nazionale
dell’anagrafe
bovina.

Art. 2.

Monitoraggio dell’attivita’ di certificazione della consistenza

delle BDN con la situazione di stalla

1. Per l’intero
periodo di attuazione dell’ordinanza, e’ istituito
un comitato
tecnico di supporto all’attivita’ commissariale per il
monitoraggio
dell’attivita’ di riscontro e certificazione composto
dai membri
facenti parte del Comitato tecnico di coordinamento
istituito ai
sensi dell’art. 15 del decreto del Ministro della salute
e del
Ministro delle politiche agricole e forestali 31 gennaio
2002,
allargato ai rappresentanti degli organismi di cui all’art.
14 del
gia’ citato decreto del Ministro della salute e del Ministro
delle
politiche agricole e forestali.
2. Il comitato di cui al comma
1:
a) relaziona, almeno su base mensile,
sull’andamento
dell’attivita’ di certificazione della consistenza
delle BDN con la
situazione di stalla;
b) sulla base delle
risultanze acquisite dagli elaborati
predisposti dal Centro
servizi nazionale, predispone le eventuali
azioni integrative da
adottarsi con le medesime modalita’ di
emanazione della presente
ordinanza.

Art. 3.

Disposizioni finali

1. Al termine del periodo
previsto per l’esecuzione dell’attivita’
di certificazione della
consistenza delle BDN con la situazione di
stalla, saranno attivati
specifici controlli aziendali da parte dei
servizi veterinari delle
aziende unita’ sanitarie locali volti ad
accertare l’effettiva
esistenza e consistenza delle aziende, nonche’
l’avvenuta
certificazione della piena rispondenza tra la consistenza
di stalla
riportata nell’apposito registro aziendale ed il contenuto
informativo
riscontrato nell’Anagrafe nazionale bovina e la
conseguente
applicabilita’ di quanto previsto dal sistema
sanzionatorio
vigente.
2. I controlli in oggetto riguardano anche le aziende per
le quali
non risulti notificata alla Banca dati nazionale
l’avvenuta
certificazione della reale consistenza di stalla.
Roma,
19 giugno 2003
Il commissario
straordinario: Cursi

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI – COMMISSARIO STRAORDINARIO DI GOVERNO PER L’ANAGRAFE NAZIONALE BOVINA

Ingegneri.info