Siti del circuito Teknoring


La Community degli Ingegneri Italiani · Supplemento di Tecnici.it - Quotidiano di informazione scientifica e tecnica - ISSN 2284-0109 - Anno 7 n° 290 del 25/07/2014
Cerca
  • feed
  • Commenti 773
  • tweeter2.025
  • facebook 43.413
  • 172.584 utenti registrati
  homepage/ / Rapporto Isfol

Rapporto Isfol

Italia in controtendenza, cala il lavoro specializzato

Di
Pubblicato sul Canale No comment il 02 luglio 2012

In Europa cresce l'occupazione nelle professioni caratterizzate da elevate competenze, nel nostro Paese aumenta solo in quelle elementari.
Più disoccupati tra i laureati, calano gli apprendisti. E sulla formazione degli adulti solo la Grecia fa peggio.
In Europa cresce l'occupazione nelle professioni caratterizzate da elevate competenze, ad alta specializzazione, che richiedono formazione  e alti livelli di istruzione. In Italia accade l'esatto contrario, le professioni ad elevata specializzazione si sono contratte dell'1,8% negli
 ultimi 5 anni, contro un aumento medio in Europa del 2% (Germania 4,3%, Regno Unito 4%, Francia 2,8%).

A rilevare questa preoccupante controtendenza è il rapporto Isfol 2012, in cui l'Istituto per lo sviluppo della formazione professionale dei lavoratori suona un campanello d'allarme: il nostro Paese “rischia una contrazione del suo livello di competitività perché non riesce
ad investire efficacemente sul capitale umano”.
L'Italia registra un aumento dell'1,1% delle professioni elementari e una stabilità delle professioni intermedie, dove le professioni tecniche hanno però subito una diminuzione di 22 punti percentuali, a fronte di un aumento per esempio del 13% della Francia.
Nonostante questo, il tasso di disoccupazione tra coloro che hanno la licenza media o il diploma resta a livelli doppi rispetto a quelli  registrati per coloro che possiedono un titolo universitario: l'indicatore riferito ai laureati è pari al 5,4%, mentre per i diplomati
 è superiore di 2,5 punti percentuali e raggiunge un valore del 10,4% per chi possiede la licenza media.

Il tasso di disoccupazione dei laureati italiani è aumentato nel 2007-2011 dell'1% mentre in Germania è diminuito dell'1,4%.
 Ed anche sotto il profilo del reddito, nei paesi Ocse le retribuzioni dei lavoratori con istruzione terziaria superano mediamente del 50% quelle dei lavoratori con istruzione secondaria. La media europea è pari al 48,3%. Il dato italiano si ferma al 36,2%.
Intanto, fra il 2008 e il 2010, il numero medio annuo di giovani occupati con contratto di apprendistato si è ridotto di oltre 100.000 unità,
 registrando una flessione del 19% e raggiungendo la quota di 542 mila giovani.
 Rispetto all'andamento dell'occupazione complessiva tra i 15 e 29 anni, l'incidenza dell'apprendistato è quindi diminuita, passando dal 16,1% del 2008 al 15,1% del 2010. Parallelamente è aumentata l'età media degli apprendisti.
Quanto alla formazione degli adulti, l'Italia è ferma al 5,8%, una percentuale superiore solo a quello della Grecia.

Secondo i dati Isfol, tra il 2005 e il 2010 la percentuale di aziende con più di 9 addetti che hanno organizzato iniziative di formazione è passata dal 32,2% al 45,1% ma la media europea arriva al 60%.
L'ammontare finanziario mobilitato per la formazione continua nel Paese è stimabile in poco più di 5 miliardi di euro l'anno (di questi, circa 1 miliardo viene messo a disposizione dalle leggi nazionali di sostegno, dai Fondi paritetici interprofessionali e dal Fondo sociale europeo).
Intanto, fra il 2008 e il 2010, il numero medio annuo di giovani occupati con contratto di apprendistato si è ridotto di oltre 100.000 unità, registrando una flessione del 19% e raggiungendo la quota di 542 mila giovani. Rispetto all'andamento dell'occupazione complessiva tra i 15 e 29 anni, l'incidenza dell'apprendistato è quindi diminuita, passando dal 16,1% del 2008 al 15,1% del 2010.
Parallelamente è aumentata l'età media degli apprendisti.
Quanto alla formazione degli adulti, l'Italia è ferma al 5,8%, una percentuale superiore solo a quello della Grecia.

Secondo i dati Isfol, tra il 2005 e il 2010 la percentuale di aziende con più di 9 addetti che hanno organizzato iniziative di  formazione è passata dal 32,2% al 45,1% ma la media europea arriva al 60%. L'ammontare finanziario mobilitato per la formazione
continua nel Paese è stimabile in poco più di 5 miliardi di euro l'anno (di questi, circa 1 miliardo viene messo a disposizione dalle leggi nazionali di sostegno, dai Fondi paritetici interprofessionali e dal Fondo sociale europeo).



Articoli consigliati

  • Software più scaricati
  • Strutture

    Calcolo solaio in ferro - NTC 2008

    Il foglio di calcolo effettua la verifica secondo le N.T.C. 2008 di solai con struttura portante costituita da travi in... Scaricato 9298 volte
  • Strutture

    Legno EC5

    Foglio di calcolo in excel per l'analisi statica e sismica delle strutture lignee secondo la normativa Europea EC5 e la... Scaricato 9345 volte

Google+
News In Evidenza