Appalti: Giampaolino, rischio qualità con abolizione minimi tariffari | Ingegneri.info

Appalti: Giampaolino, rischio qualità con abolizione minimi tariffari

wpid-417_LuigiGiampaolino.jpg
image_pdf

”L’abolizione dei minimi tariffari ha innescato un meccanismo di prestazioni al ribasso con il rischio della qualita’ dei servizi forniti”. Lo ha dichiarato il presidente dell’Autorita’ per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori servizi e forniture, Luigi Giampaolino, intervenendo oggi ad un convegno organizzato dall’Oice, l’Associazione delle organizzazioni di ingegneria e architettura, sul mercato del settore degli appalti di servizi professionali.

”A distanza di alcuni anni – ha aggiunto il Giampaolino – dall’emanazione della Legge Bersani sulle liberalizzazioni resta ancora aperto un acceso dibattito sull’impatto della riforma nel nostro ordinamento”. Nel suo intervento il presidente dell’Authority ha ricordato alcuni aspetti fondamentali per il rispetto del principio di meritocrazia nella aggiudicazione delle gare pubbliche, quale il criterio dell’offerta economicamente piu’ vantaggiosa.

”Bisogna tutelare l’interesse pubblico – ha aggiunto Giampaolino – a che le professioni intellettuali siano affidate a mani provvide ed esperte, in un quadro di salvaguardia di valori deontologici, la cui osservanza e’ sostanzialmente incompatibile con un’impostazione mercantile della professione”.

”Piu’ che equiparare architetti e ingegneri ad un normale imprenditore – ha concluso il presidente – dovrebbe essere il mercato ad adeguarsi alla tavola dei valori e dei diritti fondamentali dell’individuo”.

Fonte Agenzia ASCA – Roma, 3 dicembre

Copyright © - Riproduzione riservata
Appalti: Giampaolino, rischio qualità con abolizione minimi tariffari Ingegneri.info