Fabbricati industriali Rovagnati a Villasanta | Ingegneri.info

Fabbricati industriali Rovagnati a Villasanta

wpid-132_fabbricaindust.jpg
image_pdf
Progetto Ufficio Tecnico Solara Energy S.r.l.
Realizzazione Solara Energy S.r.l.
Anno 2012
Luogo Villasanta (MB)

Dati identificativi dell’impianto

Tipologia dell’opera impianto fotovoltaico installato in aderenza alla copertura di capannone industriale
Tipologia di installazione impianto fotovoltaico parzialmente integrato
Orientamento sud
Inclinazione 8° (rispetto all’orizzonte)

Caratteristiche

Moduli pannelli fotovoltaici in silicio policristallino, modello SUNRISE 240 kWp
N. moduli 4158
Potenza del modulo 240 W
Superficie totale dei moduli 6860,70 m2
Potenza nominale impianto n. 64 DANFOSS TLX + 15KW
Modalità di connessione alla rete 997,92 kWp
Costo totale impianto autoconsumo e vendita (RID)
Costo totale impianto 1.300.000,00 Euro
Costo specifico 1302,71 Euro/kW

Il presente progetto è relativo alla realizzazione di un impianto di produzione di energia elettrica tramite conversione fotovoltaica, avente una potenza di picco pari a 997,92 kWp: la quantità di energia producibile è stata calcolata sulla base dei dati radiometrici di cui alla norma UNI 10349 o dell’Atlante Europeo della Radiazione Solare.
L’installazione del sistema fotovoltaico è realizzato sulla copertura a falda dello stabilimento, il cui orientamento è di 0° (sud), suddiviso in 63 subcampi di 66 moduli cadauno.
È stato previsto l’utilizzo di moduli fotovoltaici certificati in accordo alle norme IEC 61215/EN, 61215, EN 61730-2, con garanzia di almeno 12 anni dalla data di fornitura per il mantenimento di almeno il 90% della potenza nominale di picco, e di 25 anni per il mantenimento di almeno l’80% della potenza nominale di picco complessiva dell’impianto.
Gli inverter garantiscono rendimenti elevati, oltre a un’ottima efficienza e durata: vista la dimensione dell’impianto, vengono impiegati inverter che rendono possibile il trasferimento a mezzo modem dei valori nonché un collegamento d’allarme a distanza, il tutto in apposito locale.
Le stringhe in parallelo sono perfettamente identiche tra loro per esposizione, marca, modello, numero dei moduli impiegati. Ciascun modulo, infine, è dotato di diodo di by pass per la riduzione delle perdite di potenza. Sarà, inoltre, sempre rilevabile l’energia prodotta (cumulata) e le relative ore di funzionamento.
L’impianto è stato collegato alla rete pubblica secondo quanto previsto dalla norma CEI 0-16. Il dispositivo di interfaccia deve essere conforme a quanto previsto dall’Allegato A70 della Delibera dell’Autorità dell’energia elettrica e il gas 84/2012/r/eel.

Integrazione architettonica

È stato scelto un fattore di riduzione delle ombre pari a 0,95, garantendo così che le perdite di energia derivanti da fenomeni di ombreggiamento non siano superiori al 5% su base annua. La radiazione ipotizzata sulla base dell’inclinazione dei moduli è l’irraggiamento medio sul piano inclinato dei moduli, pari a 1003 kWh/m² all’anno.
Tale valutazione è altamente a favore della sicurezza poiché l’irraggiamento incidente è sicurafomente superiore. Le stime di produttività annua di ciascun subcampo sono state quindi sottostimate rispetto alla reale produzione energetica.
Il maggior contributo all’ambiente riguarda la riduzione di emissioni di anidride carbonica, principale gas responsabile dell’effetto serra e normalmente associato alla generazione di energia.
Il sistema fotovoltaico in oggetto evita l’immissione nell’atmosfera di circa 550.503 kg/anno di CO2 oltre ad altri gas nocivi.
I moduli fotovoltaici SUNRISE tipo SR-P660240 sono realizzati con 60 celle al silicio policristallino con trattamento antiriflessione ad alta efficienza. Le celle sono protette da fogli di etilvinilacetato (EVA) per l’incapsulamento, frontalmente vengono laminate con vetro temprato e posteriormente con una superficie multistrato in Tedlar, resistente agli agenti atmosferici e alle sollecitazioni meccaniche. Le caratteristiche di efficienza delle celle sono potenziate attraverso l’utilizzo di vetro prismatico che ottimizza la raccolta della luce. Il processo di laminazione sottovuoto (sigillatura) conferisce al modulo fomente tovoltaico caratteristiche di durata e prestazioni mantenute costanti nel tempo.
La cornice in alluminio anodizzato applicata al perimetro del sandwich, oltre a semplificare le operazioni di montaggio, conferisce solidità e robustezza costante, resistendo a carichi e sollecitazioni climatiche come neve e ghiaccio con pressione applicata fino a 2400 kg/m² e raffiche di vento fino alla velocità di 120 km/h. I profili fotovoltaici composti da una struttura metallica in alluminio e dai moduli andranno a formare la copertura del fabbricato con sistema parzialmente integrato.

Copyright © - Riproduzione riservata
Fabbricati industriali Rovagnati a Villasanta Ingegneri.info