Le indagini di Randstad e Adecco tra mercato del lavoro e opportunità formative | Ingegneri.info

Le indagini di Randstad e Adecco tra mercato del lavoro e opportunità formative

wpid-456_laurea.jpg
image_pdf

I profili più  ricercati dalle aziende: agenti e ingegneri

Le professioni anticrisi? Agenti di vendita per assicurazioni e servizi, ingegneri metalmeccanici, profili finanziari. E ancora operai specializzati, figure sanitarie, come infermieri, marketing manager (soprattutto on-line) e appartenenti alle categorie protette.

Il rapporto – Lo rileva il secondo rapporto sul mercato del lavoro sui primi quattro mesi del 2010 stilato da Randstad, agenzia per il reclutamento delle risorse umane. 637 le aziende intervistate di cui il 58% nel settore industria, il 23% nel commercio e nel terziario e le restanti nella Pubblica Amministrazione, energia, trasporti e comunicazione.

I settori – Ad aver dato poi i primi segnali di ripresa dall’inizio del 2010: l’alimentare, l’assicurativo, i servizi e le energie rinnovabili. “Ci siamo inoltre accorti di un aumento di richiesta, da parte dei grandi gruppi, di quadri, perché chi nei mesi scorsi ha licenziato dirigenti e promosso il middle management, ora con un leggero miglioramento della situazione, si è trovato a dover rimpiazzare le posizioni liberatesi precedentemente” aggiunge Rossella Fasola, responsabile Public Affairs Randstad Italia. Motivo per cui la sua società sta infatti stringendo accordi con associazioni di categoria, come per esempio Federmanager.

I profili – Non manca mai poi l’esigenza di profili commerciali per fronteggiare un’ eventuale ripartenza e si nota nell’ultimo periodo un “ritorno” degli operai specializzati, prima scomparsi completamente dall’orizzonte delle figure necessarie.

Le lauree – Mentre un’altra big del reclutamento come Adecco ha fatto un’ indagine sulle lauree più richieste dal mercato che coincidono spesso con le posizioni libere nelle sue aziende clienti.

La classifica – In testa in questo caso gli ingegneri gestionali seguiti da economisti, laureati in legge, scienze politiche e biologia e chimica. “L’ordine dei titoli rispecchia perfettamente il comportamento delle realtà intervistate nel momento di crisi, che innanzitutto devono contenere i costi tramite il controllo da parte degli ingegneri e gli economisti, e gestire poi il recupero crediti, i contenziosi tramite i legali”, spiega Anna Bogatto, candidate director Adecco Italia.

Gli scenari – Quali le scommesse per il futuro invece? La laurea in scienze ambientali per la Bogatto: per ora non è così gettonata, ma nei prossimi anni potrebbe avere sempre maggiori sbocchi con lo sviluppo delle energie rinnovabili. Bocconi, Politecnico di Torino, Cattolica e Luiss sono infine, secondo Adecco, le garanzie a livello di istruzione per poter davvero sfondare domani.

Tratto dal Corriere della Sera del 21 maggio a firma Irene Consigliere

Copyright © - Riproduzione riservata
Le indagini di Randstad e Adecco tra mercato del lavoro e opportunità formative Ingegneri.info